preload
Jun 24

This video was embedded using the YouTuber plugin by Roy Tanck. Adobe Flash Player is required to view the video.


150mila persone sono accorse lungo il fiume per assistere allo spettacolo pirotecnico dedicato ai 150 dell’Unità d’Italia che chiude i festeggiamenti per il patrono della Città, San Giovanni.

Taggato con:
Jun 23


Una colossale versione del Nabucco di Verdi, con oltre 600 persone tra artisti su un palco di 1.250 mq e tecnici è andata in scena allo stadio Olimpico di Torino nell’ambito dei festeggiamenti per i 150 anni dell’Unita’ d’Italia.
Un grande evento al quale hanno assistito circa 13mila spettatori.

Il Nabucco, che debutto’ nel marzo del 1842, è la storia dell’ultimo re dei Babilonesi, Nabucodonosor, che concede la libertà agli Ebrei e ordina al popolo di Israele di costruire un tempio, per il suo dio grande e forte, il solo degno di essere adorato.
La terza opera composta da Giuseppe Verdi, e quella che ne decretò il successo.
Nabucco è considerata l’opera più risorgimentale di Giuseppe Verdi, poiché gli spettatori italiani dell’epoca potevano riconoscere la loro condizione politica in quella degli ebrei soggetti al dominio babilonese.

Enormi fondali realizzati nei laboratori di Cinecittà, 600 comparse e un apparato audio e luci da fare invidia a un megaconcerto rock sono gli elementi che hanno contribuito a rappresentare in un luogo suggestivo ma inusuale per l’opera lirica la storia della sconfitta e del riscatto del popolo ebraico, diventato schiavo degli assiri di Babilonia. Sul palco, più delle colossali scenografie, le grandi voci del soprano Dimitra Theodossiou (Abigaille), del baritono Carmelo Corrado Caruso (Nabucco) e del basso Enrico Giuseppe Iori (Zaccaria).
A guidare l’Orchestra Sinfonica Sinfolario di Lecco, affiancata da elementi dell’Orchestra Puccini di Torre del Lago, è stato il maestro Alberto Veronesi, direttore della New York Symphony Orchestra della Carnegie Hall, con l’accompagnamento delle voci della Corale Lirica Ambrosiana di Milano diretta dal maestro Roberto Ardigò.

Taggato con:
Jun 15



È avvenuto oggi, presso la Sala delle Colonne di Palazzo Civico, il passaggio di testimone tra Sergio Chiamparino e il Sindaco di Torino Piero Fassino alla presidenza del Comitato Italia 150 organizzatore delle celebrazioni per il 150° dell’Unità d’Italia a Torino e in Piemonte. Presenti al tavolo i Vicepresidenti del Comitato Roberto Cota (Presidente della Regione Piemonte) e Antonio Saitta (Presidente della Provincia di Torino).

Un’eredità importante per il nuovo Sindaco, al quale il Vicepresidente esecutivo Alberto Vanelli ha presentato un bilancio dei primi tre mesi di festeggiamenti. I dati raccolti sull’affluenza di visitatori alle mostre di Esperienza Italia e ai principali siti museali deputati alle celebrazioni confermano il successo dell’evento: a poco meno di 90 giorni i visitatori toccano il milione (di cui 952.062 paganti), dando un segnale forte sull’importanza del 150° e sulla centralità culturale di Torino e del Piemonte.

Dal 17 marzo a 12 giugno sono 245.311 i biglietti staccati alle Officine Grandi Riparazioni di Torino per le mostre Fare gli italiani (con 153.338 ingressi è dal giorno dell’apertura tra le dieci mostre più visitate in Italia), Stazione Futuro e Il futuro nelle mani. Artieri domani (91.973 visitatori); 242.979 sono stati invece gli ingressi per la Reggia di Venaria e i Giardini con il nuovo Potager Royal e il Fantacasino e 128.056 per la mostra La bella Italia. Arte e identità delle città capitali che si terrà fino all’11 settembre nelle Scuderie Juvarriane e che è annoverata anch’essa tra le mostre più visitate in Italia nel 2011. I due terzi dei visitatori provengono da fuori Piemonte, in particolare Lombardia e Triveneto, ma anche dal Centro e dal Sud Italia, oltre che dall’estero.

Di grande richiamo, sempre alla Reggia, le Cene Regali che vedono protagoniste le specialità delle cucine regionali italiane preparate da grandi chef: le prime tre, che hanno avuto come ospiti Sardegna, Toscana ed Emilia Romagna hanno fatto il tutto esaurito con 1.863 presenze.

Grande successo anche per il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano a Palazzo Carignano e il Museo dell’Automobile di Torino, completamente rinnovati per il 2011, che finora hanno ospitato rispettivamente 105.513 e 111mila visitatori, mentre la Sala del Senato Italiano ricostruita all’interno di Palazzo Madama è stata meta di oltre 119 mila presenze.

Un contributo importante al successo dell’evento è arrivato dalle scuole: le gite scolastiche, provenienti da tutto il Paese, hanno mosso oltre 180.000 studenti che hanno visitato le mostre o hanno partecipato ai laboratori delle Officine Grandi Riparazioni e della Reggia di Venaria.

Anche in provincia di Torino sono protagonisti i giovani: sono infatti più di 100 i ragazzi tra i 15 e i 29 anni che seguono e curano il programma 2011 itinerari. Le iniziative in provincia inoltre contano più di 160 comuni coinvolti.

Ma i primi novanta giorni di Esperienza Italia sono stati soprattutto una grande festa di piazza, con una Torino imbandierata da oltre 130mila tricolori a raccontare il senso di appartenenza alla Nazione e il valore di questa ricorrenza, onorata con un bagno di folla in occasione della visita del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ma anche per la Notte Tricolore che ha aperto le celebrazioni e per i raduni delle Forze Armate (un milione di presenze per le strade di Torino per la partenza del Giro d’Italia e l’84^ adunata degli Alpini che si è svolta dal 6 all’8 maggio).

Il Sindaco Fassino, che domani presiederà la riunione del Comitato esecutivo di Italia 150, ha ringraziato il Presidente uscente Sergio Chiamparino per il lavoro svolto ed ha espresso forte apprezzamento per i risultati finora conseguiti “frutto dell’impegno di tutte le istituzioni che siedono nel Comitato. I mesi passati consegnano alla città il segno del forte consenso che Esperienza Italia ha raccolto e ci pongono di fronte ad una duplice sfida per il futuro prossimo: da una parte continuare con rinnovato impegno per mantenere da qui a fine anno lo stesso livello di partecipazione alle eventi in programma, a partire dalle due mostre sulla moda e su Leonardo che si terranno in autunno. Per questo rinnovo l’appello ai torinesi di continuare ad esporre il Tricolore, segno visibile dell’orgoglio della città e filo che unisce le tante iniziative organizzate per le celebrazioni. La seconda sfida è quella di lavorare sin da ora a consolidare per i prossimi anni l’offerta culturale e la capacità attrattiva di Torino, che oggi sono di grande levatura. In quest’ottica sarà importante sfruttare al meglio il prossimo grande appuntamento dell’Expo 2015, che sarà occasione per promuovere e rafforzare l’immagine della città”.

Per il Presidente della Regione, Roberto Cota “i numeri parlano da soli e dicono che tutto il territorio regionale ha enormi potenzialità e ha saputo cogliere appieno la sfida del 150° per dimostrare la propria capacità attrattiva, anche grazie agli sforzi e agli investimenti che hanno accompagnato le celebrazioni e che hanno visto la collaborazione di tutte le istituzioni locali. C’è inoltre stato uno sforzo condiviso – ha sottolineato Cota – per interpretare il 150° non solo come riflessione sul passato della nostra storia ma anche in chiave futura, come messaggio rivolto soprattutto ai giovani”.

“Grazie a queste Celebrazioni – ha detto il Presidente della Provincia Antonio Saitta – oggi il Tricolore viene interpretato come speranza di rinnovamento. Tutti i comuni della Provincia di Torino, ma credo di poter dire tutto il Piemonte, hanno partecipato con entusiasmo ai festeggiamenti, dando un senso nuovo anche a ricorrenze tradizionali come quella del 2 giugno, che sono state rilette e vissute in chiave fortemente unitaria”.

Nel congedarsi dal Comitato, Sergio Chiamparino ha sottolineato: “i numeri raggiunti ci hanno dato ragione sia sul piano turistico che sulla qualità dell’offerta culturale, che non sempre coincidono. Abbiamo vinto una scommessa importante e Torino e il Piemonte possono vantare di aver dato il la all’orgoglio di essere italiani: oggi si respira un senso di italianità positiva che premia chi ha creduto nella buona riuscita delle Celebrazioni”.

Ancora tanti gli appuntamenti che ci accompagneranno fino a fine anno, a partire dal ricco programma estivo delle Officine Grandi Riparazioni e della Venaria Reale, ma anche i grandi eventi musicali, dal Venaria Real Music agli MTV Days e al Traffic Free Festival, che si terrà in piazza San Carlo in un’edizione speciale dedicata ad Esperienza Italia.

In autunno inoltre sono attese due grandi mostre: Moda in Italia, curata da Franca Sozzani e Gabriella Pescucci, che racconterà l’evoluzione della moda nel nostro Paese (dal 17 settembre 2011 all’8 gennaio 2012, Sale delle Arti della Reggia di Venaria) e Leonardo. Il Genio, il mito, che porterà per la prima volta in una grande mostra il famosissimo Autoritratto di Leonardo (dal 18 novembre 2011 al 29 gennaio 2012, Scuderie Juvarriane della Reggia di Venaria).

Taggato con: