preload
Jun 24


Nella sera della festa di San Giovanni ha preso il via il Festival Beethoven: una settimana dedicata alle Sinfonie e ai Concerti del compositore tedesco, interamente gratuita, in piazza San Carlo.
L’inaugurazione è stata con la IX Sinfonia, eseguita dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI: un successo di pubblico che documentiamo in queste foto, con la piazza che ha fatto registrare il tutto esaurito.
Tutte le informazioni sul festival e il programma delle prossime serate su www.festivalbeethoven.it

Taggato con:
Jun 29


Si è tenuto nella Sala del Consiglio Comunale l’incontro con il Sindaco Maino Benatti ed una delegazione della Giunta di Mirandola, promosso dal Sindaco Fassino e dal Presedente del Consiglio Comunale dopo l’adozione da parte della Città di Torino della città emiliana colpita dal terremoto: in sala erano presenti assessori, consiglieri comunali, presidenti di Circoscrizione e rappresentanti di istituzioni culturali, associazioni, categorie e forze sociali.

Dopo il saluto introduttivo del Presidente del Consiglio Ferraris il Sindaco Benatti ha esposto la situazione della sua città, che ha definito “come bombardata” per i danni subiti a causa del sisma (3 mila sfollati circa su 25 mila abitanti ed il centro storico completamente distrutto), ricordando però la coesione sociale che la caratterizza facendone una comunità che è stata in grado di non ripiegarsi su sé stessa ma di reagire al dramma del terremoto. Dopo la fase dell’emergenza ora gli obiettivi sono la riapertura delle scuole a settembre, la possibilità di fornire una casa a tutti entro l’inverno e la riapertura delle aziende colpite: Mirandola ha un rilevante tessuto di piccole e medie imprese ed è un importantissimo centro internazionale per le strumentazioni e le tecnologie biomedicali.

L’Assessore Tedesco, che per la Giunta coordina interventi, progetti ed iniziative ha poi elencato quanto è stato fatto e si farà per fornire sostegno alla città emiliana ed avviare il suo ritorno alla normalità: un conto corrente il cui utilizzo sarà rendicontato pubblicamente, il concerto di solidarietà di stasera al Teatro Regio, la disponibilità a far convergere fondi su Mirandola da parte di sindacati ed associazioni di categoria, un’asta benefica fatta dalla Juventus e la decisione del Torino di devolvere un euro per ogni biglietto delle partite di Tim Cup, la disponibilità a gemellarsi con strutture analoghe da parte di società polisportive torinesi, la collaborazione del conservatorio Giuseppe Verdi con la scuola di musica di Mirandola, l’impegno de La Stampa attraverso la raccolta fondi su Specchio dei Tempi, la disponibilità dell’Urban Center a fornire aiuti e consulenze per la ricostruzione, l’avvio di scambi scolastici (40 ragazzi di Mirandola a Pra Catinat) e la realizzazione di iniziative reciproche di carattere culturale.

In chiusura il Sindaco Fassino ha richiamato i diffusi sentimenti di vicinanza alle città ed alla regione colpite ed ha ricordato come in ogni evento o catastrofe naturale l’impegno solidale degli italiani sia stato alto, e che lo è e lo sarà anche per le zone coinvolte dal sisma di maggio. Nel ricordare le tradizioni torinesi di solidarietà e fraternità ha poi fatto appello a tutti i presenti in sala ed ai rappresentanti di istituzioni ed associazioni perché siano messi in campo da tutti e nel tempo idee, progetti e risorse.

La collaborazione tra Torino e Mirandola è destinata a durare nel tempo e non si fermerà alle iniziative finora assunte o in programma, e questo creerà a giudizio di entrambi i sindaci legami duraturi di carattere istituzionale, operativo e personale che si svilupperanno lavorando insieme.

In serata al Teatro Regio di Torino si è tenuto un concerto straordinario il cui ricavato è destinato alla città di Mirandola, uno dei luoghi maggiormente colpiti dal terremoto dell’Emilia Romagna. L’iniziativa si inserisce nell’ambito del gemellaggio istituito tra la Città di Torino e il Comune di Mirandola, in accordo con l’Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani – e il Presidente della Regione Emilia Romagna.
Tutti gli artisti coinvolti hanno subito accolto l’invito a favorire questa occasione per un aiuto concreto, decidendo di prestare la loro opera gratuitamente. Renato Palumbo ha diretto l’Orchestra e il Coro del Regio in un programma che non poteva non essere all’insegna dell’emilianissimo Giuseppe Verdi, con alcuni dei suoi più celebri brani d’opera.

Taggato con:
Jun 06


“Siamo alla sesta edizione di MiTo e alla trentaquattresima di SettembreMusica – ha sottolineato il Sindaco di Torino Piero Fassino alla conferenza di presentazione del Festival a Milano -, colgo l’occasione per ricordare e ringraziare Giorgio Balmas, l’inventore di questa importante esperienza culturale. Anche quest’anno nonostante la crisi e le notevoli difficoltà economiche ci siamo sforzati di offrire una programmazione alta. È soprattutto in questi momenti che bisogna investire in cultura, il vero motore dello sviluppo strutturale e strategico di ogni città”. L’edizione 2012 si aprirà il 5 settembre al Teatro Regio con l’Orchestre National de France, diretta da Daniele Gatti, in un omaggio a Claude Debussy nel centocinquantenario della nascita. Il 6, orchestra e direttore si trasferiranno a Milano per l’inaugurazione al Teatro alla Scala. La rassegna, diciannove giorni di Festival, dal 5 al 23 settembre, si svilupperà con 190 appuntamenti nelle due città – di cui 89 gratuiti – 156 concerti, tra musica classica, contemporanea, jazz, pop, rock, canzone d’autore, elettronica e spettacoli musicali per bimbi, 88 sedi, 28 nazioni coinvolte e oltre 4.100 artisti per avvicinare alla musica un pubblico nuovo e sempre più vasto, dall’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo con Yuri Temirkanov, alla English Chamber Orchestra con Colin Davis, dalla Internationale Bachakademie Stuttgart con Helmut Rilling, a Le Concert des Nations con Jordi Savall, la Philarmonia Orchestra con Esa-Pekka Salonen, l’Orchestra e il Coro del Teatro Regio con Bertrand de Billy, i Filarmonici di Roma con Uto Ughi e la Filarmonica della Scala con Andrea Battistoni. Un Festival accessibile a tutti, grazie all’abbattimento dei prezzi e ai tanti concerti offerti gratuitamente, MITO SettembreMusica diventa occasione di intrattenimento e divertimento, di gioia sincera dell’ascolto. Il budget di MiTo 2012 è di 7milioni e 500euro, di cui 4milioni finanziati da Milano – 2 dal Comune e 2 dagli sponsor e 3milioni e 500 da Torino – 2 dal Comune, 1milione dagli sponsor e 500mila da sbigliettamento. “Mito sarà sempre più il volano culturale che farà parlare di Milano e Torino tutta sia in Italia sia all’estero – ha detto stamattina il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia -. Le due città guardano sì al presente ma sono soprattutto proiettate verso il futuro”. L’evento non sarà solo occasione di ascolto ma anche momento di educazione musicale grazie al coinvolgimento di scuole, licei e università, con guide all’ascolto, incontri, colloqui con i musicisti. Il Festival MiTo, che suonerà green, perché è da sempre impegnato a compensare le emissioni prodotte e a ridurre l’impatto ambientale, è un progetto delle Città di Torino e Milano, realizzato dall’Associazione per il Festival Internazionale della Musica di Milano e dalla Fondazione per le Attività Musicali di Torino con il sostegno di Regione Lombardia e Regione Piemonte, Provincia di Milano. Un ringraziamento va ai Partner Istituzionali Camera di Commercio di Milano e Camera di Commercio di Torino, i Partner Intesa Sanpaolo, ATM Azienda Trasporti Milanesi, Eni, Compagnia di San Paolo; gli Sponsor Enel, Pirelli, Trenord, A2A, SEA Aeroporti di Milano, Milano Serravalle – Milano Tangenziali S.p.A, ASTM, Risanamento S.p.A., e i Media Partner Corriere della Sera, La Stampa, Telelombardia, Radio- 3, Radiotelevisione Svizzera, gli Sponsor tecnici FAI, Ferrovie dello Stato, GTT, K-Way, The Westin Palace Milano, Tim, Acqua Panna – S.Pellegrino e i tanti sponsor di singoli eventi.

www.mitosettembremusica.it

Taggato con: