preload
Dic 04


Il Gruppo Subalpino dell’Ussi, l’Unione Stampa Sportiva Italiana, celebra un anno di sport con la consegna dei consueti premi agli sportivi piemontesi dell’anno. Dalla Juventus campione d’Italia maschile e femminile alla Fiat Torino, vincitrice della Coppa Italia di basket.
Tra i premiati Alessandro Miressi, campione europeo nel 100 stile libero, e Francesco Bagnaia, campione del Mondo in Moto2, fino alla rivelazione dell’anno, il tennista Lorenzo Sonego.
Premi speciali anche ai dirigenti sportivi Ezio Ferro, organizzatore del Mondiale di Pallavolo a Torino, e al commendator Vittore Beretta, sponsor del Torino Fc e del suo settore giovanile, premiato anche per la vittoria della Coppa Italia Primavera.
Riconoscimenti alla Bertram Tortona e alla Fulgor Omegna, vincitrici rispettivamente della Coppa Italia di basket di Serie A2 e Serie B, all’Alessandria calcio per la Coppa Italia di Serie C. Protagonista anche la pallavolo, con le promozioni in A1 di Chieri 76 e in A2 della Pallavolo Pinerolo, l’arrampicata sportiva con Stefano Ghisolfi e il nuoto paralimpico con Marco Dolfin.
Premi speciali per i giovani Davide Favro, argento agli Europei di atletica nel salto in lungo, a Marina Lubian, vice-campionessa del mondo di pallavolo, a Carlotta Gilli, 4 ori individuali e un bronzo agli Europei di nuoto paralimpico, ad Andrea Emma, bronzo ai Mondiali Juniores e tre ori e un argenti agli Europei di Sci Nautico, per chiudere con Faran Hadafo Adawe, bronzo nei 100 metri agli Europei di atletica paralimpici.
La consegna dei premi Ussi è stata anche l’occasione per ricordare Franco Costa e Valter Noto, giornalisti sportivi scomparsi nel corso dell’anno

Ott 05


Il Politecnico di Torino, per il terzo anno consecutivo, ha vinto la Rowing Regatta. La XXII edizione della sfida a remi ormai storica tra gli equipaggi dei due atenei, ha visto il trionfo del “Poli” sull’Università degli Studi di Torino, portando così l’Albo d’Oro della manifestazione sul punteggio di 12 a 10, sempre però a vantaggio di UniTo. Anche la gara femminile ha visto l’equipaggio di PoliTo avere la meglio su UniTo.
L’evento è stato inserito nel programma dell’Ottobre Remiero Piemontese, che la Federazione Italiana Canottaggio, con l’ausilio dell’Assessorato allo Sport della Regione Piemonte, ha promosso nel novero delle iniziative tese a celebrare il 130 anni di canottaggio della Federazione.
Il pomeriggio ha preso il via alle ore 17,20 con la benedizione delle imbarcazioni presso il Rettorato dell’Università degli Studi di Torino a cura di Fra Dario Fucilli della Pastorale Universitaria della Diocesi di Torino, che poi hanno sfilato lungo via Po, direzione Murazzi del Po. Alle 18,05 sono scesi in acqua gli equipaggi femminili con le atlete di Università e Politecnico di Torino che hanno gareggiato nel 4 di coppia. La vittoria è andata all’equipaggio di PoliTo per due manches a zero.
A seguire è stata la volta della gara maschile che ha visto per il terzo anno consecutivo il trionfo del Politecnico di Torino, due manches a una sull’Università degli Studi di Torino. 
Tra le personalità che hanno preso parte alla manifestazione e alle premiazioni il Presidente CUS Torino Riccardo D’Elicio, il Magnifico Rettore del Politecnico di Torino Guido Saracco, la Prorettrice dell’Università degli Studi di Torino Elisabetta Barberis, la Direttrice Generale del Politecnico di Torino Ilaria Adamo, la Vice Rettrice per l’Internazionalizzazione del Politecnico di Torino Francesca Verga, il Vice Rettore per la valorizzazione del patrimonio edilizio dell’Ateneo e la programmazione dello sviluppo edilizio dell’Università degli Studi di Torino e consigliere CUS Torino Bartolomeo Biolatti, il Coordinatore della Commissione Strategie per le Tecnologie dell’Informazione del Politecnico di Torino e consigliere CUS Torino Marco Mezzalama, la Delegata del Rettore per le Valutazioni Strategiche del Politecnico di Torino Laura Montanaro, la Delegata del Rettore per la Semplificazione del Politecnico di Torino Anita Tabacco, il Delegato allo Sport del Rettore del Politecnico di Torino Marco Barla, il Vice Presidente CUS Torino Stefano Longhi, i consiglieri Ottaviano Iuliano e Roberto Polloni
Entusiasmo nelle parole del Presidente CUS Torino Riccardo D’Elicio: “Un evento che ha ormai una lunga tradizione per il sistema universitario torinese, quest’anno impreziosito dai festeggiamenti dei 130 anni della Federazione Italiana Canottaggio. La gara è stata di alto livello tecnico e l’evento è ormai una vetrina per il canottaggio piemontese e nazionale. E’ ormai un appuntamento fisso per i nostri Atenei e per la nostra città, sempre più universitaria”.
Un ringraziamento alla Federazione Regionale di Canottaggio, alla Federazione Italiana di Canottaggio, a quella di Canoa e alla Regione Piemonte. Un grazie particolare a tutti gli sponsor, alle società remiere torinesi, a tutti gli atleti, all’Associazione di Volontariato Sportivo Primo Nebiolo, alla Protezione Civile e all’Esercito per l’immancabile supporto e l’entusiasmo espresso nei confronti di questa manifestazione.

[Fonte: CusTorino]

Set 30


Dopo il successo di quattro anni fa ottenuto tra le mura amiche, la Polonia ha conquistato il secondo titolo consecutivo (il terzo della propria storia), superando per 3-0 (28-26, 25-20, 25-23) il Brasile in quella che è ormai divenuta una “classica” della pallavolo Mondiale. Il risultato di questa sera premia una nazionale che ha saputo consolidarsi negli ultimi quattro anni, conservando cinque dodicesimi della formazione che conquistò il titolo nella scorsa edizione e migliorandosi inserendo giocatori determinanti come Szalpuk e Kurec, Best Scorer di questa finale con 24 punti messi a segno. La restante parte del sestetto titolare, infatti, si era già laureata campione del Mondo nel 2014, con il quinto già medagliato Konarsky subentrato a metà del primo parziale. Cronaca – Come da pronostico, nel primo set l’equilibrio ha regnato a lungo. Nella seconda metà del parziale la Polonia ha provato l’allungo sul 21-17, ma il Brasile ha prontamente colmato il distacco portando il set ai vantaggi. Qui la formazione biancorossa è riuscita a prevalere (28-26), ottenendo un risultato che si è rivelato determinante soprattutto sotto il punto di vista psicologico. Nel secondo parziale, complice forse il coraggio acquisito dopo il risultato del set precedente, la Polonia è riuscita ad avere il pallino del gioco costantemente nelle proprie mani (16-13). Dopo la prima metà, poi, gli uomini di Heynen hanno trovato l’allungo decisivo sul 22-17, che gli ha permesso di chiudere il secondo set e di indirizzare la partita in una precisa direzione (25-20). Da quel momento in avanti la Polonia sembrava giocare sulle ali dell’entusiasmo, spinta anche dai numerosi tifosi biancorossi giunti a Torino per le Finali. Dopo un set condotto dall’inizio alla fine e due match point annullati dal Brasile, Kurec e compagni hanno trovato il definitivo 25-23, portandosi a casa la vittoria finale.

POLONIA-BRASILE 3-0 (28-26 25-20 25-23)

POLONIA: Drzyga 3, Kubiak 12, Nowakowski 3, Kurek 24, Szalpuk 10, Bieniek 2. Zatorski (L), Schulz ne, Kochanowski 3, Lomacz, Konarski, Wojtaszek (L), Sliwka ne, Kwolek ne . All. Heynen. 
BRASILE: Mauricio Souza 1, Bruno 1, Douglas 11, Lucas 6, Wallace 14, Lipe 6, Thales (L), Maique (L), William, Evandro 7, Isac 3, Eder, Lucas Loh, Kadu ne. All. Dal Zotto.
Arbitri: Pasquali (Ita) e Casamiquiela (Arg) 
Spettatori: 12011 

Premi individuali

Miglior schiacciatore: Michal Kubiak – Polonia 
Miglior schiacciatore: Douglas Souza – Brasile 
Miglior centrale: Lucas Saatkamp – Brasile 
Miglior centrale: Piotr Nowakowski – Polonia 
Miglior libero: Pawel Zatorski – Polonia 
Miglior palleggiatore: Micah Christenson – USA 
Miglior opposto: Matthew Anderson – USA 
MVP: Bartosz Kurek – Polonia