preload
Mag 17


Flash mob “Un segno contro l’omotransfobia”
This video was embedded using the YouTuber plugin by Roy Tanck. Adobe Flash Player is required to view the video.

Cerimonia ufficiale in Sala Rossa
This video was embedded using the YouTuber plugin by Roy Tanck. Adobe Flash Player is required to view the video.

Si è celebrata questa mattina, nella sala Rossa di palazzo Civico, la giornata internazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la transfobia e la bifobia, dal 2005 nota in tutto il mondo come IDAHOTB (International Day Against Homophobia, Transphobia and Biphobia).

La cerimonia è stata anche l’occasione per ascoltare gli interventi di Patrizia Di Lorenzo, tutor coordinatrice, Facoltà di Scienze della Formazione Primaria, Università degli Studi di Torino; Vera Tripodi, docente di Filosofia Morale, Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione, Università degli Studi di Torino; Anna Chiarle, vice commissaria, Reparto di Prossimità, Corpo di Polizia Municipale; Alessandro Battaglia, Coordinamento Torino Pride.

Ospite d’onore Stuart Milk, simbolo della lotta per i diritti civili, fondatore e presidente della Harvey Milk Foundation, nonchè consigliere di Barack Obama. Milk è un attivista per i diritti umani noto a livello internazionale, portavoce dei diritti civili per le persone LGBT, consulente per le relazioni governative, conferenziere di fama internazionale sul tema dell’uguaglianza globale e sostenitore delle rivendicazioni giovanili. Toccante è stata la testimonianza del nipote di Harvey Bernard Milk il politico statunitense, primo componente delle istituzioni statunitensi apertamente gay, assassinato all’interno del Municipio insieme al sindaco di San Francisco, George Moscone nel 1978 dall’ex consigliere comunale Dan White. “Mio zio – ha ricordato Milk –  sognava un giorno come questo e sarebbe stato orgoglioso di Torino. Quello che stiamo facendo oggi qui rappresenta la luce: ciò che la vostra Sindaca ha fatto con la registrazione dei figli delle coppie omogenitoriali, nonché nominando un assessore appartenente alla comunità Lgbt, è un gesto di grande coraggio e vicinanza alle persone”.

La sindaca di Torino a conclusione dell’incontro, nel ringraziare Stuart Milk e tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione della giornata, ha ricordato che le battaglie di Harvey Bernard Milk sono battaglie di tutte e di tutti. Che, come a sottolineato anche l’assessore alle Pari Opportunità, i bimbi e le bimbe non nascono omofobi. “Abbiamo il dovere di essere in prima linea – ha detto la Sindaca – ciò non significa mettere solo una firma, uno striscione fuori da Palazzo civico, ma far sì che ogni persona senta la responsabilità di scegliere da che parte stare.  Vuol dire che un atto di discriminazione fatto ad un altro è fatto anche a te; è un approccio culturale che dobbiamo costruire tutti insieme come città”.

A conclusione, si è svolto sotto il porticato di Palazzo, il flash mob: “Un segno contro l’omotransfobia”, il cui intento era quello di sensibilizzare la cittadinanza sul tema dell’impegno civico per contrastare il bullismo omofobico e transfobico.

[Fonte:TorinoClick]

Mag 10


E’ stata presentata questa mattina alla stampa la mostra “Facendo altro” ospitata negli spazi espositivi del Polo delle Arti Relazionali e Irregolari – Pari – di Palazzo Barolo e Housing Giuliadall’11 maggio al 16 giugno 2019. L’allestimento è uno degli appuntamenti – insieme a un ricco programma di eventi, tra cui il convegno “Creatività, arte del vivere” – della rassegna Singolare e Plurale”, nata dalla collaborazione fra l’assessorato al Welfare della Città di Torino e l’Opera Barolo per la promozione di iniziative culturali e progetti di ricerca che abbiano al centro le arti intese come motore di cambiamento, crescita personale, salute pubblica welfare culturale e di comunità.

Fotografia, scultura, pittura, video e installazioni sono i contenuti di “Facendo altro” che presenta aspetti inediti o poco conosciuti di donne e uomini che conducono o hanno condotto pratiche artistiche parallele alla loro attività professionale. E’ un tema poco esplorato rispetto all’arte considerata come necessità ineluttabile, prerogativa riconosciuta, invece, a outsider e irregolari.

Accanto ai tanti nomi sconosciuti come Saro Puma, ex infermiere o Teresio Polastro, disegnatore tecnico, ci sono personaggi noti: Tilde Giani Gallino, Tullio Regge e Fabrizio Bartolomeis.

La mostra, con ingresso gratuito, è curata da Tea Taramino, Gianluigi Mangiapane e Cristina Balma Tivola.

“Facendo altro” sarà inaugurata sabato 11 maggio alle 16.

[Fonte: TorinoClick]

Mag 09


È stata inaugurata la XXXII edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino.

Nella sala Oro del nuovo padiglione allestito all’Oval si è svolta la cerimonia di inaugurazione dell’edizione 2019 del Salone del Libro alla presenza, tra gli altri, del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali Alberto Bonisoli, della Sindaca Chiara Appendino e del Governatore della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino.

Particolarmente sentito l’intervento di Halina Birenbaum, scrittrice e poetessa polacca, di origine ebrea, ha portato la testimonianza di sopravvissuta dal campo di sterminio di Auschwitz

La cerimonia si è quindi conclusa con la lezione del filosofo Fernando Savater Dov’è l’identità culturale europea” .