preload
Giu 17


Anche questa estate il ghiaccio del Palavela brillerà grazie alla riapertura di Casa TO2025, un progetto rivolto alla cittadinanza e agli appassionati degli sport invernali dove divertirsi e provare per la prima volta il brivido del pattinaggio, ma non solo.

CasaTO2025 è stata inaugurata lunedì 17 giugno alla presenza di decine di famiglie che hanno potuto provare gratuitamente le attività connesse a FISULANDIA tra cui simulazione sci di fondo, hockey, curling e pattinaggio.

“Il principale obiettivo di questo progetto – ha detto il Presidente del Comitato Alessandro Sciretti – oltre alla promozione dello sport come strumento di condivisione, integrazione e inclusione, è quello di far conoscere a tutti il grande evento dei Giochi Mondiali Universitari di Torino 2025, che si svolgeranno dal 13 al 23 gennaio dell’anno prossimo, portando in città e sulle montagne piemontesi circa 3000 persone tra atleti e tecnici. ​Le iniziative costruite intorno agli sport invernali permetteranno di avvicinare bambini, giovani e famiglie all’evento, promuovendo il territorio piemontese come Casa dello Sport 365 giorni l’anno”.

Mancano ormai pochi mesi al grande ritorno a Torino dei Giochi Mondiali Universitari – ha dichiarato Domenico Carretta, assessore allo Sport e ai Grandi Eventi della Città -. Un grande evento sportivo, che ancora una volta darà a Torino visibilità a livello internazionale e porterà in città migliaia di persone, tra atlete e atleti delle università di tutto il mondo, appassionati e turisti. Nel frattempo, l’apertura del Palavela per tutta l’estate sarà un’opportunità unica per chi vorrà avvicinarsi agli sport invernali e per chi è già appassionato di scoprire e praticare discipline solitamente associate alla stagione fredda. Questa iniziativa contribuirà a creare un clima di attesa e partecipazione, preparando il terreno alle emozioni indimenticabili che le olimpiadi universitarie del 2025 ci regaleranno”. 

FISULANDIA – La grande novità di questa estate sarà FISULANDIA, un piccolo villaggio degli sport invernali che allestito nell’area esterna del Palavela. Ghiaccio e neve si presentano al pubblico con molteplici attività e il supporto di istruttori qualificati, per permettere a chiunque di mettersi alla prova e divertirsi con sfide simulative dei cosiddetti “sport bianchi”. Il biglietto ha un costo di 3€ a persona.

LA STORIA DEI FISU GAMES – Nelle aree interne del Palavela è stata allestita la mostra sulla storia dei FISU World University Games in immagini, un viaggio iniziato 75 anni fa proprio a Torino, per volontà dell’allora presidente del Centro Universitario Sportivo Primo Nebiolo (ideatore delle prime Universiadi nel 1959), e che ha unito le Nazioni sotto il segno dello sport universitario.

PATTINAGGIO LIBERO e APERIGHIACCIO – Grazie al progetto CASA TO2025, la pista più bella d’Italia rimane aperta al pubblico anche in estate, ad un costo di soli 3€ + 2€ di affitto pattini, con apertura il lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 18.00 alle 19.00. Inoltre, il mercoledì sarà possibile godersi un gustoso Aperighiaccio: anche chi non pattina potrà rinfrescarsi al bar del Palavela mentre i pattinatori si scatenano in pista, aperta eccezionalmente fino alle 19.30. Il costo dell’Aperighiaccio è di 6 € bibita inclusa, mentre il biglietto per pattinare rimane di 3€ + 2€ per chi desidera noleggiare i pattini.

INCLUSIONE E SPORT CON UGI – Così come i Giochi Mondiali Universitari di Torino 2025, anche Casa TO2025 nasce con l’obiettivo di dare la possibilità a tutti di poter passare una giornata sul ghiaccio. Anche le associazioni per persone con disabilità fisiche e/o intellettive avranno modo di poter prenotare una indimenticabile gita o delle lezioni specifiche all’interno del fantastico Palavela. Il biglietto per un’ora di pattinaggio con assistenza dell’istruttore ha un costo di 5€. Qualora si volessero sperimentare anche le attività di FISULANDIA (sempre con un istruttore in accompagnamento), il costo del pacchetto dedicato è di 7€.

Inoltre, nell’ambito del programma “Sport con UGI”, viene confermata la charity partnership tra il Comitato Organizzatore WUG Torino 2025 e l’Associazione OdV UGI (Unione Italiana Genitori contro i Tumori Infantili): Casa TO2025 accoglierà un centinaio di bambini e ragazzi che potranno divertirsi in pista tutta l’estate, oltre a sperimentare le attività di FISULANDIA.

GITA PER ESTATE RAGAZZI – SUMMER CAMP EXPERIENCE – Casa TO2025 ospiterà i centri estivi provenienti da tutto il territorio che potranno prenotare la loro gita e vivere una giornata indimenticabile all’insegna dello sport, incentrandosi sulla scoperta di nuove discipline sul ghiaccio e altre attività (costo di 7€ a bambino comprensivo di un’ora di pattinaggio, prova degli sport di FISULANDIA e visita alla mostra sui FISU GAMES). Per prenotare la giornata al Palavela, i centri estivi devono scrivere a scuola@wugtorino2025.com.

Per maggiori informazioni su Casa To2025: info@wugtorino2025.comhttps://wugtorino2025.com/casa-torino2025/

Giu 15


Migliaia di persone sono partite da corso Principe Eugenio e sfilano in queste ore per le strade del centro, tra carri e musica, guidate dallo striscione “D’amore e di lotta”. È il corteo del Torino Pride 2024, che si concluderà in piazza Vittorio con gli interventi dei promotori, delle istituzioni e degli ospiti, tra cui il cantante Michele Bravi. Per la Città di Torino sono presenti il Sindaco e l’assessore ai Diritti.

“Una grande festa dei diritti – ha dichiarato il Sindaco Stefano Lo Russo alla partenza della parata -. Torino è all’avanguardia su questo tema e abbiamo bisogno di continuare a riaffermare la centralità dei diritti, che sono non un privilegio ma una condizione che caratterizza l’essere cittadini europei. In Italia purtroppo non tutti questi diritti sono ancora garantiti e quindi siamo oggi in piazza come Città per testimoniare non solo la nostra vicinanza ma il fatto che, soprattutto un un momento politico come questo è fondamentale continuare a tenere il punto. Credo sia un segnale molto brutto quello che è arrivato dalle elezioni europee – ha continuato il primo cittadino -, un’Europa che svolta in maniera molto intensa a destra e che obbliga tutti noi a essere ancora più presenti e attenti per continuare a ribadire che garantire diritti uguali per tutte e tutti è un segno di civiltà e progresso”.

“Il ruolo delle città progressiste come Torino – ha dichiarato l’assessore ai Diritti Jacopo Rosatelli – è ancora più rilevante nel momento in cui in altre zone d’Italia e d’Europa si alza invece il vento reazionario. Torino dimostra che è possibile far crescere la consapevolezza sui diritti in tutte le fasce sociali, gli ambienti e i settori e che il contrasto alle discriminazioni e la promozione delle pari opportunità è un punto condiviso e qualificante”.

Giu 13


Un caleidoscopio di colori e forme geometriche, tutti diversi eppure ben integrati nel loro insieme, accolgono da oggi chi arriva al piano terra di via Bologna 49/a, sede del Servizio Stranieri del Comune di Torino. Il nuovo murales attraversa il muro di cinta adiacente all’ingresso e le sedute del cortile interno della struttura ed è frutto, nell’ambito del progetto “Spazio Comune”, di un percorso partecipato di rinnovamento e rifunzionalizzazione operativa degli spazi esterni e interni della sede, per adattarla alle esigenze dei suoi beneficiari, di operatori e operatrici, plasmando un ambiente accogliente e inclusivo.

A inaugurare i rinnovati spazi del Servizio Stranieri oggi pomeriggio il sindaco Stefano Lo Russo e l’assessore alle Politiche Sociali Jacopo Rosatelli.

Grazie alla partnership attivata fra Comune di Torino, UNHCR, Dipartimento di Architettura e Design (DAD) del Politecnico di Torino e della Fondazione Giuseppe e Pericle Lavazza, è stato possibile avviare il percorso di coprogettazione e acquistare i materiali e le attrezzature per la realizzazione dei progetti.

L’obiettivo è quello di rendere gli spazi del Servizio Stranieri più accoglienti e funzionali, in un contesto che vede accrescere la gamma dei servizi offerti così come il numero delle persone raggiunte e coinvolte.

“Il murales che inauguriamo oggi – ha spiegato il Sindaco Lo Russo – ben rappresenta l’idea di comunità che abbiamo in mente per la nostra città, capace di includere e accogliere tutte e tutti, nel rispetto dei diritti e dell’identità di ciascuno. Il Servizio Stranieri offre ogni giorno un supporto prezioso a persone, bambini, famiglie arrivati nella nostra città da altri paesi, aiutandoli ad orientarsi su servizi essenziali che riguardano l’istruzione, la sanità, il lavoro, la casa. Da oggi avranno un luogo ancora più bello e funzionale ad accoglierli”.

“Siamo felici ed orgogliosi della conclusione del percorso di riallestimento partecipativo dello “Spazio comune” operativo al Servizio stranieri della Città – ha affermato l’assessore Rosatelli-. Grazie al coordinamento progettuale del Social Design Lab del Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino, al sostegno della Fondazione Giuseppe e Pericle Lavazza e alla partecipazione di tante operatrici e operatori pubblici e privati, da oggi gli spazi del Servizio saranno più belli e accoglienti. Siamo profondamente convinti che la bellezza non sia un privilegio per pochi, ma un diritto di tutte le persone, specie di quelle più fragili, e che la possibilità di ricevere un servizio in un contesto più piacevole sia parte di un percorso di cura e accoglienza. Il nuovo aspetto degli spazi è tra l’altro coerente con la missione di “Spazio comune”, sportello polifunzionale che riunisce diversi servizi ed enti, con l’intento di facilitare la vita delle persone straniere”