preload
Aug 27


Da venerdì 25 a domenica 27 agosto 2017 si è svolta la terza edizione di Todays Festival. Sold out in prevendita tutti gli abbonamenti interi per i 3 giorni, così come tutti i biglietti giornalieri della prima giornata del festival venerdi 25 agosto, oltre ad alcuni workshop ToLab.

Due i palchi principali del festival: il grande prato verde di sPAZIO211, palcoscenico a cielo aperto ideale per raccogliere, accudire e dare ossigeno alla quintessenza della produzione musicale indipendente di prima classe su scala mondiale, e, a pochi passi, il secondo grande palco all’interno della piazza semicoperta, fulcro evocativo dell’ex Industria Nazionale Cavi Elettrici Torino Incet sorta alla fine del XIX secolo e abbandonata nel 1968, protagonista di un ampio intervento di recupero urbano che salvaguarda il valore testimoniale dell’edilizia industriale di inizio Novecento.

L’ex Incet è stato il luogo della notte. In collaborazione con Varvara Festival, un puzzle di suoni e immagini.

Al Parco urbano verde Aurelio Peccei, realizzato e riconosciuto come il primo parco d’Italia totalmente ecosostenibile, delimitato dall’adiacente complesso Docks Dora, la musica si è fusa con l’arte in produzioni esclusive e site specific capaci di attraversare i confini fra le diverse discipline.

Todays è un progetto della Citta di Torino realizzato da Fondazione per la Cultura Torino con il contributo di Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT, e con il contributo del bando nazionale S’Illumina – copia privata per i giovani e la cultura – della S.I.A.E. Societa Italiana degli Autori ed Editori e del Ministero dei Beni e delle Attivita Culturali e del Turismo, nella sezione iniziative culturali in aree periferiche cittadine che favoriscono la creatività di giovani autori, artisti, interpreti ed esecutori. Partner dell’edizione 2017 e Intesa Sanpaolo nell’ambito del progetto della Città di Torino Tutta Mia la Città.

Nelle immagini del fotoblog la serata di apertura del Festival che ha visto esibirsi allo spazio 211 la regina indiscussa del rock PJ Harvey – unica data italiana, una delle più importanti cantastorie in circolazione, unica vincitrice di due Mercury Music Prize.

Prima di PJ Harvey si sono esibiti la talentuosa ventenne Alice Bisi, in arte Birthh e l’ imprevedibile, obliquo, provocatore, irriverente, profondo, diretto, sincero il cantautore Giovanni Truppi.

Ha chiuso la serata l’artista tra i più attesi dell’anno, il ragazzo della generazione selfie con il cuore all’indie rock degli anni ’90 Mac Demarco, romantico chansonnier irriverente e sognatore impenitente.

Alle ore 23 l’ex-cattedrale industriale immersa nel parco verde PECCEI è stata la scenografia teutonica delle avveniristiche geometrie sonore e visuali di Byetone, fondatore della storica label Raster-Noton, esteta della computer music, in un’anteprima italiana gratuita ed esclusiva in collaborazione con il festival Ambienti Digitali.

Dopo la mezzanotte nell’ ex fabbrica INCET elettrificata dal Varvara Festival si sono esibiti gli artisti: Max Cooper, Shed, A Made Up Sound e Dbridge.

Taggato con: