preload
Giu 20


Nel corso dell’assedio del 1706, i soldati che difendevano le mura di Torino portavano la sua immagine cucita sulla giubba dell’uniforme, a simbolica invocazione di protezione dalle pallottole e granate del nemico franco-spagnolo. A più di tre secoli di distanza, la devozione di molti e molte torinesi alla Beata Vergine Consolata è ancora ben viva. Anche quest’anno, infatti, alla tradizionale processione lungo le vie del centro storico hanno preso parte migliaia di persone.

Il corteo dei fedeli, con alla testa l’arcivescovo Roberto Repole, è come di consueto transitato di fronte alla sede del Comune, dov’era atteso da una folta delegazione dell’esecutivo di Palazzo Civico e del Consiglio comunale, con altre autorità cittadine.

[Fonte: CittAgorĂ ]