preload
May 03


Nell’ambito del progetto di collaborazione cittadina “FO.TO – Fotografi a Torino” è stata inaugurata al MEF – Museo Ettore Fico  la mostra dedicata a Duane Michals.

“Quando guardi le mie fotografie, stai osservando i miei pensieri”.  In questa frase si trova la chiave per leggere l’opera completa di Duane Michals: un’opera che corrisponde alla sua filosofia di vita. Negli anni Sessanta l’artista attiva un nuovo approccio alla fotografia che non pretende di documentare il fatto compiuto, il momento decisivo, o di affrontare gli aspetti metafisici della vita.

Il lavoro di Michals è influenzato da artisti come William Blake e René Magritte, i temi affrontati derivano da esperienze emotive personali, piccoli drammi umani talvolta surreali, i sogni, la memoria, la condizione dell’essere umano; i contesti sono strade cittadine o stanze vuote; il tempo è quasi sempre lineare, anche quando l’azione ha carattere onirico.

Artista in bilico tra fotografia e poesia, Michals è uno dei nomi più prestigiosi dell’avanguardia americana, uno dei fotografi contemporanei che ha rinnovato il linguaggio fotografico con maggiore intensità. 

La mostra, al MEF Museo Ettore Fico dal 4 maggio al 29 luglio, è realizzata secondo un percorso espositivo suddiviso in sezioni che mostrano le diverse modalità espressive gradualmente inventate da Michals, nonché le diverse serie realizzate su argomenti specifici nel tempo. La vasta retrospettiva è a cura di Enrica Vigano, ed è organizzata in collaborazione con Fundacion Mapfre di Madrid.

Maggiori informazioni sul sito del Museo Ettore Fico – MEF