preload
Set 30


Dopo il successo di quattro anni fa ottenuto tra le mura amiche, la Polonia ha conquistato il secondo titolo consecutivo (il terzo della propria storia), superando per 3-0 (28-26, 25-20, 25-23) il Brasile in quella che è ormai divenuta una “classica” della pallavolo Mondiale. Il risultato di questa sera premia una nazionale che ha saputo consolidarsi negli ultimi quattro anni, conservando cinque dodicesimi della formazione che conquistò il titolo nella scorsa edizione e migliorandosi inserendo giocatori determinanti come Szalpuk e Kurec, Best Scorer di questa finale con 24 punti messi a segno. La restante parte del sestetto titolare, infatti, si era giĂ  laureata campione del Mondo nel 2014, con il quinto giĂ  medagliato Konarsky subentrato a metĂ  del primo parziale. Cronaca – Come da pronostico, nel primo set l’equilibrio ha regnato a lungo. Nella seconda metĂ  del parziale la Polonia ha provato l’allungo sul 21-17, ma il Brasile ha prontamente colmato il distacco portando il set ai vantaggi. Qui la formazione biancorossa è riuscita a prevalere (28-26), ottenendo un risultato che si è rivelato determinante soprattutto sotto il punto di vista psicologico. Nel secondo parziale, complice forse il coraggio acquisito dopo il risultato del set precedente, la Polonia è riuscita ad avere il pallino del gioco costantemente nelle proprie mani (16-13). Dopo la prima metĂ , poi, gli uomini di Heynen hanno trovato l’allungo decisivo sul 22-17, che gli ha permesso di chiudere il secondo set e di indirizzare la partita in una precisa direzione (25-20). Da quel momento in avanti la Polonia sembrava giocare sulle ali dell’entusiasmo, spinta anche dai numerosi tifosi biancorossi giunti a Torino per le Finali. Dopo un set condotto dall’inizio alla fine e due match point annullati dal Brasile, Kurec e compagni hanno trovato il definitivo 25-23, portandosi a casa la vittoria finale.

POLONIA-BRASILE 3-0 (28-26 25-20 25-23)

POLONIA: Drzyga 3, Kubiak 12, Nowakowski 3, Kurek 24, Szalpuk 10, Bieniek 2. Zatorski (L), Schulz ne, Kochanowski 3, Lomacz, Konarski, Wojtaszek (L), Sliwka ne, Kwolek ne . All. Heynen. 
BRASILE: Mauricio Souza 1, Bruno 1, Douglas 11, Lucas 6, Wallace 14, Lipe 6, Thales (L), Maique (L), William, Evandro 7, Isac 3, Eder, Lucas Loh, Kadu ne. All. Dal Zotto.
Arbitri: Pasquali (Ita) e Casamiquiela (Arg) 
Spettatori: 12011 

Premi individuali

Miglior schiacciatore: Michal Kubiak – Polonia 
Miglior schiacciatore: Douglas Souza – Brasile 
Miglior centrale: Lucas Saatkamp – Brasile 
Miglior centrale: Piotr Nowakowski – Polonia 
Miglior libero: Pawel Zatorski – Polonia 
Miglior palleggiatore: Micah Christenson – USA 
Miglior opposto: Matthew Anderson – USA 
MVP: Bartosz Kurek – Polonia

Set 28


In occasione della riapertura della restaurata Cappella della Sindone, opera di Guarino Guarini, Palazzo Madama propone dal 28 settembre 2018 al 21 gennaio 2019 la mostra La Sindone e la sua immagine, curata da Clelia Arnaldi di Balme con la consulenza scientifica di Gian Maria Zaccone, direttore del Centro Internazionale di Sindonologia di Torino. L’allestimento, ideato dall’architetto Loredana Iacopino, è ambientato nella Corte Medievale di Palazzo Madama, suggestivo ambiente fatto edificare da Cristina di Francia nel 1636, dove sulla parete di fondo è ben visibile un affresco raffigurante l’Ostensione della Sindone organizzata nel 1642 per celebrare la fine delle ostilitĂ  tra la stessa Madama Reale, reggente per il figlio Carlo Emanuele II, e i suoi cognati, il Principe Tommaso e il Cardinale Maurizio. Il percorso espositivo ripercorre la storia della Sindone e le diverse funzioni delle immagini che l’hanno riprodotta nel corso di cinque secoli, da quando il Sacro Lino fu trasferito da ChambĂ©ry a Torino nel 1578, per volere di Emanuele Filiberto di Savoia, fino ad oggi.

Maggiori informazioni sul sito di Palazzo Madama

Set 27


Con una messa solenne, un concerto in Duomo e l’illuminazione della Cupola del Guarini si sono concluse le celebrazioni per la riapertuta della Cappella della Sindone.
In mattinata la cerimonia ufficiale e l’inaugurazione alla presenza delle autoritĂ .