preload
May 25


Partirà l’8 giugno il periodo di sperimentazione del To Hand Bike, il progetto che renderà possibile utilizzare lo sharing torinese, oltre alle classiche bici gialle, anche alle persone con ridotte capacità motorie.

Si tratta di un’iniziativa assolutamente unica a livello internazionale, se non addirittura mondiale, che è stata realizzata su proposta dell’Associazione AISP con la collaborazione di TO Bike Sharing. Il periodo di sperimentazione durerà 6 mesi durante i quali i ciclisti potranno prelevare la hand bike prenotando sul sito www.tobike.it dopo ogni utilizzo il biker è invitato a compilare un questionario legato alle specificità della hand bike e del servizio segnalando problematiche ed esprimendo un proprio giudizio. Dopo tutti questi feedback, nella primavera 2016 partirà il servizio e così Torino offrirà la possibilità di utilizzare questo nuovo modo di condivisione della bici anche alle presone con ridotte capacità motorie. Oltre alla handbike, che si basa sulla spinta delle braccia e potrà essere utilizzata da tutti e non solo da chi ha problemi di mobilità, ci saranno anche degli unicicli da applicare direttamente alla propria carrozzina.

“Abbiamo voluto provare ad osare – ha sottolineato l’assessore comunale all’Ambiente, Enzo Lavolta – e mi piace non solo l’idea che Torino sia la prima città a sperimentare l’handbike sharing ma anche che la bicicletta si confermi sempre più, nella nostra città, uno strumento di libertà”.

Alla presentazione del Progetto, questa mattina a Palazzo civico, erano presenti tra gli altri l’assessore all’ambiente Enzo Lavolta, il Presidente di AIPS, Angelo Catanzaro, il VicePresidente Silvio Magliano e i rappresentanti della Compagnia di San Paolo e della Reale Mutua Assicurazioni.

Taggato con: