preload
Apr 20


Come consuetudine, anche quest’anno le cerimonie istituzionali per celebrare l’anniversario della Liberazione sono molteplici e toccano luoghi simbolo della Resistenza al nazifascismo, sparsi un po’ in tutta la città. Particolarmente toccante quella svolta questa mattina all’interno della caserma Lamarmora di via Asti, dopo l’8 settembre ’43 quartier generale della Guardia nazionale repubblicana, luogo di detenzione, tortura ed uccisione di prigionieri politici, dissidenti antifascisti, partigiani. La cerimonia si è svolta alla presenza delle autorità cittadine, nel fossato dove avvenivano le fucilazioni dei detenuti condannati a morte. Per la Città di Torino erano presenti il Ganfalone e la consigliera comunale Viviana Ferrero. â€œAnche i muri ci parlano. E le storie brutte vanno raccontate” ha sottolineato la consigliera nel suo intervento, concluso con un’esortazione: “Siamo custodi della memoria collettiva, siamo custodi del nostro passato. La libertà che abbiamo conquistato è troppo preziosa perché non si diventi tutti suoi custodi”

[Fonte: CittAgorà]

Taggato con: