preload
Oct 16


B.ART – Arte in Barriera è un bando internazionale di arte pubblica finalizzato ad aumentare la qualità urbana e l’attrattività ambientale attraverso la realizzazione di interventi artistici diffusi sul quartiere di Barriera di Milano, a Torino.
Il bando B.ART, promosso dalla Città di Torino, dal Comitato Urban Barriera e indetto dalla Fondazione Contrada Torino, aperto ad artisti, grafici, designer, architetti, è stato vinto da Millo, street artist pugliese, classe 1979, con il progetto Habitat.
Habitat è il progetto che sta trasformando 13 facciate cieche di Barriera di Milano in altrettante opere di arte pubblica.
Tredici immagini in bianco e nero, di forte impatto, legate da un unico filo conduttore basato sul rapporto tra l’uomo e il tessuto urbano: in ciascuna delle opere un personaggio perennemente fuori scala rispetto al contesto in cui si trova, compie azioni diverse interagendo con palazzi, oggetti, animali e persone.
Disegnare sulle pareti delle facciate per creare un habitat che possa permettere a ciascun osservatore di sentirsi parte di quel mondo. Lo spettatore “abita” una serie di immagini in cui il soggetto principale delle opere, perennemente fuori scala all’interno dell’ambiente circostante, tenta di stabilire con esso relazioni differenti. L’essere fuori scala è infatti metafora del nostro habitat e di come luoghi da noi abitati negli anni si siano trasformati e siano ormai, paradossalmente, non più a nostra misura. Il fine ultimo è la speranza che, superati i limiti del mero intervento di abbellimento, lo spettro degli uomini-spettatori possa trovare il proprio spazio di riflessione e possa dare vita a nove possibilità.
Millo nasce a Mesagne BR, nel 1979.
Dopo gli studi in Architettura porta avanti una personale ricerca estetica nel campo della pittura, concentrandosi sul rapporto tra lo spazio e l’individuo muovendosi dalla micro alla macroscala.
Riceve diversi premi e riconoscimenti in ambito nazionale tra cui il Premio Celeste epartecipa a numerosi eventi di street art italiana. Roma ospita due delle sue mostre personali “Nell’aria c’è un mondo invisibile” nel 2011 e “Missing” nel 2012.
Nel frattempo le sue opere sono esposte a Milano, Bologna, Firenze, Parigi, Lussemburgo e Londra, città che lo ospita con una personale dal titolo “Clumsy”.

Maggiori informazioni sul sito arteinbarriera.com