preload
Apr 23


5G Audiovisual Broadcast Broadband Network è il progettocon cui Rai Way, a luglio 2022, si è aggiudicata il bando di gara del Ministero dello Sviluppo Economico (oggi MIMIT) “5G AUDIOVISIVO 2022”, potendo accedere ad un finanziamento di 1 milione   di euro. La complessità e l’elevato grado di innovazione della sperimentazione sono conseguite anche grazie all’apporto degli 11 partner dell’aggregazione di cui Rai Way è capofila. Compongono l’aggregazione: Rai, con le sue Direzioni Centro Ricerche Innovazione Tecnologica e Sperimentazione e Centro di Produzione TV di Torino, Comune di Torino, Rohde&Schwarz, OpNet, Politecnico di Milano, MainStreaming, Impersive, Kinecar, Retesette, La Sicilia Multimedia e il Teatro Massimo di Palermo. Il progetto, della durata di un anno, prevede la sperimentazione del 5G in modalità Broadcast con copertura delle aree delle città di Palermo e Torino ed in modalità Broadband con la realizzazione di use case innovativi.

Dopo la tappa palermitana dello scorso 17 marzo, la sperimentazione prende vita ora a Torino, con una live performance di musica, danza e pittura che si sviluppa nella cornice del Torino Jazz Festival sulle note della Gianpaolo Petrini Big Band «distribuita» in tre location all’interno delle Officine Grandi Riparazioni: Fucine, Duomo e Binario 3. I musicisti collegati tra loro da una 5G Private Network multistage eseguono un’improvvisazione Jazz grazie alle prestazioni garantite dalle tecnologie impiegate. Aggiungono una nuova dimensione artistica la performance di VR Art su una tela virtuale, combinando elementi che richiamano la musica, la città di Torino e i suoi luoghi di produzione culturale, lo spettacolo di danza, ad opera della Fondazione Egri per la Danza, le sculture di Osvaldo Moi e la fruizione dell’evento nel Metaverso. Contribuiscono alla realizzazione la Città di Torino in collaborazione con la Fondazione per la Cultura, in dialogo con la direzione artistica del TJF, con il coordinamento di Rai Way, la regia della RAI Centro di Produzione TV di Torino e il contributo tecnico di RAI/CRITS e degli altri partner.

Sul fronte dell’innovazione tecnologica, per la parte di distribuzione dei contenuti si sperimenta la possibile sinergia tra le due reti (5G Broadcast e CDN) attraverso un sistema di commutazione trasparente per l’utente, di tipo “seamless”. Mentre relativamente alla produzione e contribuzione di contenuti live si ottimizzano la rete e le codifiche audio/video per conseguire una bassissima latenza.

Mauro D’Onofrio, Head of Innovation&Research della Direzione Technology di Rai Way, responsabile del progetto, ha dichiarato: â€œDopo il successo dell’evento Live Theater VR360 di Palermo, realizziamo oggi in OGR di Torino uno use case ancora più articolato e in piena sintonia con tale magnifica location, ideale per creare sinergie tra mondo artistico e innovazione tecnologica. Sperimentiamo la cooperazione tra le tecnologie di trasmissione 5G Broadcast e quella 5G Broadband, che in prospettiva si presenta come soluzione efficace per il problema di congestione delle reti, in occasione di picchi di traffico durante eventi live con grandissima audience. Le tecnologie impiegate consentono inoltre la produzione e la contribuzione di contenuti audiovisivi live e scenari artistici fortemente innovativi grazie alle bassissime latenze, come l’improvvisazione jazz di musicisti dislocati in location differenti, con l’integrazione di VR Art e Danza e la contemporanea fruizione nel Metaverso.”

Chiara Foglietta, Assessora alla Transizione Ecologica e Digitale, Innovazione del Comune di Torino, ha commentato: “Oggi Rai Way e tutti i partner del progetto 5G Audiovisual Broadcast Broadband Network, fra cui la Città di Torino in stretta continuità con le attività della Casa delle Tecnologie Emergenti, CTE Next, hanno dimostrato come il 5G possa abilitare spettacoli artistici innovativi e di alto livello qualitativo. Ringrazio anche l’Assessora alla Cultura e la Fondazione per la Cultura di Torino che hanno supportato l’organizzazione di questo concerto sperimentale selezionando, ad esempio, un maestro internazionale come Gianpaolo Petrini e la sua band. Il punto fondamentale è che la tecnologia più innovativa e l’arte possono davvero intrecciarsi, dialogare e fondersi per favorire lo sviluppo economico e culturale delle città a favore di imprese e cittadini.”

Apr 22


È approdato sabato per la prima volta a Torino l’Earth Day, l‘evento green che riesce a coinvolgere il maggior numero di persone in tutto il Pianeta.

Tantissime le iniziative  tra i Musei Reali e la Cavallerizza, dalle 10 fino a mezzanotte con il ‘Concerto per la Terra’.  Dalle 19 sul Main Stage all’interno dei Giardini Reali ha preso vita un live gratuito con le note di grandi musicisti, tutti attivamente impegnati sulle tematiche di sostenibilità promosse da Earth Day. Sul palco si sono alternati Saturnino, Marlene Kuntz, Elisa, Syria, Ensi e molti altri.

È stata l’occasione per lanciare un appello alla protezione del Pianeta anche attraverso i numerosi momenti di approfondimento e di intrattenimento, organizzati nelle diverse aree della location: Cavallerizza Reale, Playground, Earth Village e Main Stage. Appuntamenti, attività e workshop pensati per sensibilizzare il pubblico e avviare un dialogo sul tema della salvaguardia del Pianeta: un’opportunità unica di condivisione, animata dai tanti partner e dagli oltre 100 ospiti coinvolti.

Tra gli appuntamenti nell’area dei Giardini Reali, alle 15.30 c’è quello promosso attraverso la campagna “Forestiamo insieme l’Italia 2023” che, con l’obiettivo della messa a dimora di 11 mila alberi in 11 regioni nell’arco di un’anno, ha visto la cantante Elisa impegnata nella piantumazione di un ippocastano aiutata dal Sindaco Stefano Lo Russo e Gilberto Pichetto Fratin, Ministro dell’Ambiente.
Alla Cavallerizza, allo Spazio alle ARTI, di scena Paratissima con la La Notte S’Avvicina – Sonorizzazione dell’Installazione di Luce Clandestina.

Info: www.earthday2023.it

Apr 22


Ha preso il via Ufficiale l’edizione 2023 del TJF con la marching band JST Jazz Parade e animazione Lindy Hop a cura de “La Bicicleta” ASD.
Diverse le tappe in città: alle ore 11.00 al Mercato di via Porpora, alle 12.00 al Mercato di Piazza Foroni e alle ore 13.00 Mercato di Porta Palazzo con soste all’Antica Tettoia dell’Orologio, Mercato dei Contadini fino alla Galleria Umberto I.
Verso le 15.00 la la marching band è ripartita da Piazza Palazzo di Città, passando per le vie centrali fino in piazza San Carlo a Gallerie d’Italia.

La tradizione delle band itineranti ha nella marching band di New Orleans la sua declinazione più brillante e divertente.
La formazione JST Jazz Parade raccoglie questa tradizione rinnovata dal sound dello swing e del black funk. Questa All Star di solisti si è formata 10 anni fa nel Community Hub dei Laboratori di Barriera di Torino, fondando la Jazz School Torino. Nel processo di improvvisazione collettiva del gruppo entrano tutti gli stili dal dixieland all’r&b, dal cool al free.