preload
Oct 26


Ai Giardini Reali sono stati presentati il recupero del Boschetto, che verrà inaugurato a Dicembre, e la nuova opera  permanente Pietre Preziose dell’artista Giulio Paolini, doni della Consulta per la Valorizzazione dei Beni Artistici e Culturali di Torino con il Socio Reale Mutua, in occasione del trentennale di attività dell’associazione.

Nell’installazione Pietre Preziose dell’artista Giulio Paolini i marmi originali, danneggiati dal fuoco, della Cappella della Santa Sindone, capolavoro seicentesco di Guarino Guarini che conservava il Sacro Lino, prendono nuova vita e diventano opera d’arte, con profonda valenza simbolica e dal forte impatto emotivo.

Nelle parole di Giulio Paolini: “Qualcuno (l’autore) si trova qui, secoli dopo, a constatare un’architettura in rovina, frammenti caduti e distolti dalla loro collocazione originaria.
Noi (spettatori) assistiamo così alla ‘natura morta’ costituita dai resti marmorei della cupola gravemente danneggiata nell’incendio del 1997. E’ da allora che il cielo ci guarda dall’alto, attraverso il vuoto di quella voragine ora restaurata”.

Taggato con:
Oct 26


Per il secondo anno consecutivo, Torino è tra le 112 città in 44 Paesi in tutto il mondo ad ospitare Climathon, la maratona sull’ambiente promossa da Climate-Kic, il più grande partenariato europeo sulla mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici.

Il 26 e 27 ottobre, negli spazi di Environment Park, circa 100 partecipanti, suddivisi in team e coadiuvati da coach e sviluppatori, avranno a disposizione 24 ore per rispondere alla sfida lanciata dalla Città di Torino: elaborare soluzioni abilitate dall’IoT (Internet of Things) e dall’IoD (Internet of Data) che possano aiutare la Città a migliorare la programmazione e la gestione delle proprie politiche in tema ambientale.

Il lavoro dei team impegnati a Torino sarà incentrato sull’individuazione di strategie, azioni e servizi per la mitigazione  dei mutamenti del clima nelle aree urbane. Gli obiettivi saranno due in particolare: elaborare progetti e soluzioni per affrontare i rischi climatici che potrebbero interessare sempre di più le nostre città, quali ondate di calore e inondazioni (causate sia da alluvioni che da precipitazioni intense), ma anche ideare attività di mitigazione, quindi soluzioni che contribuiscano alla riduzione del fabbisogno energetico con particolare attenzione al settore dell’edilizia residenziale e civile.

Saranno considerati traguardi importanti l’ideazione di strumenti di gestione e di analisi dei dati per la programmazione, implementazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche locali per la lotta ai cambiamenti climatici, la progettazione di servizi innovativi a valore aggiunto per i cittadini/utenti (anche abilitati da piattaforme e applicazioni), la creazione di strumenti di coinvolgimento locale e social gaming basati su dati rilevati a scala di quartiere e che favoriscano la partecipazione attiva dei cittadini.

Tra le novità di questa seconda edizione vi è il coinvolgimento di 20 dipendenti della PA, per rinforzare la contestualizzazione territoriale e dei giovani per migliorare la loro consapevolezza di problemi e soluzioni in ambito climatico.

A conclusione della 24 ore di competizione una giuria composta da esperti e rappresentanti dei partner selezionerà e premierà i progetti migliori. Il gruppo vincitore riceverà premi tecnologici offerti da Vodafone, mentre il consorzio TOP-IX garantirà 6 mesi di accesso alla propria infrastruttura di virtualizzazione e Cloud Computing. A questi si aggiunge il premio speciale “IREN per il Climathon”, con un contributo economico offerto da Iren per sviluppare l’idea progettuale selezionata.

[Fonte: TorinoClick]

Oct 24


Inaugurata a Palazzo Civico presso il Loggiato antistante Sala Marmi, la mostra “Prospero Nuvoli, generale, ingegnere, progettista e costruttore aeronautico torinese”, allestita a cura dell’Associazione Arma Aeronautica – Sezione di Torino.

In rappresentanza della Città di Torino, ha partecipato il presidente del Consiglio Comunale Fabio Versaci, che ha elogiato l’iniziativa: “Una mostra doverosa per rendere omaggio a un torinese che ha fatto la storia”.

Oltre ai figli di Prospero Nuvoli, sono intervenuti anche il colonnello Cosimo Restivo, presidente dell’Associazione Arma Aeronautica di Torino e l’ingegnere Marco Montesso, storico dell’associazione, che hanno ricordato la figura complessa di Nuvoli: una sorta di “genio rinascimentale”, che oltre a essere un eccellente ingegnere aeronautico – che collaborò con l’élite tecnica e militare dell’epoca – fu anche scrittore originale e brillante.

Costruì velivoli eccezionali che batterono numerosi record. Ad esempio, il Fiat N.3, aereo da turismo da due persone ad alta velocità, con un’apertura alare di 19,32 metri e una struttura lignea, rivestita in tela, con un piccolo motore Salmson da 45 cavalli, che gli valse la definizione da parte della stampa dell’epoca di “motocicletta dell’aria”. Volò per la prima volta nel gennaio 1932 e fu collaudato da Francesco Brach Papa, che divenne poi il primo presidente dell’Associazione Arma Aeronautica, nata a Torino il 29 febbraio 1952. Divenne poi l’aereo personale di Italo Balbo, sino al 1933.

Costruì inoltre nel suo Laboratorio Artigianale Aeronautico (L.A.A.) – aperto nel 1932 a Torino, in via Crissolo 25, in Borgo San Paolo – il Nuvoli N.5, aereo monoposto da turismo, con struttura in acciaio rivestita di compensato e carrello fisso in duralluminio. Montava un motore da 90 cavalli (comprato usato in Inghilterra!), ma potente e in grado di battere numerosi record di velocità e altezza di volo.

La mostra rimarrà aperta fino a martedì 31 ottobre 2017, dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 17, il sabato dalle 9 alle 12, sempre con la presenza di soci dell’associazione in uniforme, disponibili per visite guidate gratuite e informazioni. Ingresso gratuito.

[Fonte: CittAgorà]

Taggato con: