preload
Ago 27


“TOdays Festival si è appena concluso. Quinta edizione di un progetto che osa proporre un sovvertimento dei modelli imperanti negli eventi festivalieri e vince la sfida. La vince perché si fa casa comune per artisti e pubblico. Artisti che colgono la diversità del nostro festival e non si sentono meno importanti se si esibiscono nel pomeriggio; un pubblico che sa apprezzare l’arcobaleno di proposte musicali, consapevole della straordinaria occasione che TOdays con la sua line up sa offrire a palati più esigenti. È di questo TOdays che l’Amministrazione è fiera. Un festival che si ripete con successo da ormai cinque anni non può che progredire. Ciò avviene grazie al contributo creativo di ogni singola persona che vi lavora, a partire dalla direzione artistica, passando per gli operatori e i tecnici, sino ai molti giovani volontari, che con entusiasmo ci aiutano a realizzare questo piccolo grande miracolo Torinese. TOdays, come spesso ripete il suo Direttore, è un osservatorio sul presente; un presente diciamo noi, che è in continuo movimento e mal si accorda con un’idea di futuro prevedibile. Quello che però sappiamo con certezza è che TOdays è un anticipatore di idee e mode, uno scrigno creativo da custodire e valorizzare e che intendiamo sostenere con tutto il nostro impegno. L’Amministrazione, infatti, insieme alla Fondazione per la Cultura Torino, a Gianluca Gozzi e al team del Festival è già al lavoro per predisporre la prossima puntata del più interessante evento musicale dell’estate. TOdays perché il futuro è oggi”, dichiara l’Assessora Francesca Leon.

Da venerdì 23 a domenica 25 agosto migliaia di persone di ogni età e provenienza hanno attraversato la periferia di Torino per assistere alla quinta edizione di TODAYS Festival, capace di trasformare Barriera di Milano per l’intero weekend nel centro nevralgico di una città, che da sempre dimostra una capacità di trasformazione e ha l’orecchio teso verso la musica del futuro.

Grandi leggende e nuove stelle della musica, confermano TODAYS tra i festival imperdibili più ambiziosi della stagione estiva italiana, appuntamento di richiamo da tutta Europa con una line up esclusiva e location inusuali. Quella del 2019 è stata un’edizione senza confini: in cartellone solo artisti internazionali per raccontare nuove visioni e lontani orizzonti.
Senza confini anche per l’importante aumento di pubblico proveniente da fuori città e regione (48,2%) e soprattutto dall’estero – circa il doppio rispetto al 2018 – in particolare da Inghilterra, Belgio, Francia, Germania e anche Stati Uniti. Grazie a Eurosonic, il più grande network professionale di radio e televisioni pubbliche del mondo, alcuni concerti sono stati trasmessi sulle radio nazionali in 52 nazioni europee, Nord Africa e Medio Oriente fino a raggiungere oltre 500 milioni di potenziali ascoltatori.

Oltre 35 ore di musica, arte e performance e 26 artisti tra i più noti da tutto il mondo, dei quali 20 in data unica italiana e per la prima volta a Torino e 3 anteprime europee, per scoprire musica fuori dall’ordinario, capace di andare oltre il convensionale. Musica perfetta per menti aperte e cuori che non si arrendono.

TODAYS, evento della Città di Torino è stato segnalato da tante testate nazionali tra i migliori appuntamenti dell’estate in Italia con il merito di immaginare una città-festival che si snoda attraverso location dall’animo forte e incisivo, in periferia. sPAZIO211, l’ex fabbrica INCET, la galleria d’arte Gagliardi e Domke, Docks Dora, il Mercato Centrale Torino e il Parco Aurelio Peccei trasformano Torino in un palcoscenico urbano di spazi rigenerati, luoghi di condivisione e aggregazione, dando forma a quella passione pura che anima i quartieri sull’asse nord della città.

La direzione artistica.

Si deve sperimentare ogni cosa se volete apprezzare l’altra, scriveva Mark Twain.
Il leit motiv dell’edizione 2019 di TODAYS Festival è proprio questo: la ricerca imparziale degli opposti per risolvere un equilibrio cui si tende ogni giorno. Il festival diventa la cornice perfetta che lega presente, passato e futuro di ogni spettatore. Così sul palco si ritrovano il soul introspettivo e scuro dei Low, che è ipnosi, cura, apocalisse e rinascita, e le atmosfere gospel di Hozier, quasi un halleluja solare e partecipato; Johnny Marr e Jarvis Cocker, due icone della musica di fine Novecento, nei Duemila prendono direzione diverse: uno sublimando il suo passato e confermandosi leggenda inarrivabile, l’altro calandosi nel suo tempo, sperimentando l’ignoto, tra comizi contro la Brexit e performance sempre più teatrali. Ancora gli Sleaford Mods che aprono l’ultimo giorno con una raffica di invettive e deliri stralunati e il sovrumano Nils Frahm, che non ha bisogno di parole e con le sue note eteree chiude il terzo giorno. E così via. Il festival è un vero e proprio percorso di equilibri, dove anche mondi musicali sconosciuti diventano fondamentali per apprezzare quello che già si conosce. Alla fine, ogni cosa va esattamente al suo posto. O forse ne ha trovato uno migliore.

Il programma.

Per fare la storia devi far suonare la storia: così il festival inaugura con Bob Mould degli Husker Dü e i suoi occhiali appannati, uno che ricorda cosa significa salvare la vita a generazioni intere con il potere dell’essere essenziali. L’elegante ed eccentrico Bradford Cox dei Deerhunter tiene un corso di storia delle idee nel rock, con l’eclettica capacità di non essere mai caricaturale. Jason Pierce, seduto su una sedia d’ufficio dirige la sua orchestra gospel psichedelica Spiritualized, racconta universi paralleli in un live che non è matematica, né perfezione, è un cosmo che si muove e rigenera continuamente. I Ride, inaspettati sostituti dei Beirut, sono una macchina del tempo perfetta per scovare ricordi adolescenziali. La prima notte di TODAYS è un Paradiso tropicale, tutto sold out, dove l’ex fabbrica Incet si trasforma in dancefloor a cielo aperto, tra colori, misticismo, natura, cumbia e elettronica latina d’avanguardia fino alle prime luci dell’alba insieme a Chancha via Circuito, Dengue Dengue Dengue, Wolf Müller aka Bufiman e Interstellar Funk.

Il secondo giorno ci rivela la voce di Adam Naas, che rapisce con i suoi occhi truccatissimi sotto le lenti da sole e una geniale attitudine performativa, sale sul palco da sconosciuto al pubblico italiano e ne scende come una star. È anche l’anteprima esclusiva italiana per One True Pairing, più conosciuto come Tom Fleming dei Wild Beasts, voce profondissima, grandi verità e cappellino da baseball calato sulla fronte. Il set intenso dei Low è un’apocalisse lenta: l’oscurità sul palco non pesa mai, gioca con riverberi, echi infernali e tempi lenti, a cui è impossibile reagire con razionalità. Dall’Happy Birthday cantato alla mamma a “quella” canzone, Hozier regala un coro di voci che è tutto TODAYS. Senza contare l’incredibile e sfegatato fanclub, tra cesti gastronomici, striscioni e unicorni gonfiabili: una festa di integrazione, sociale e generazionale. La seconda notte di TODAYS si chiude conun altro sold out per gli attesissimi The Cinematic Orchestra, eleganti e coraggiosi, sofisticati e mai noiosi, e per gli Art of Noise, una delle formazioni più influenti della storia dell’elettronica.

L’ultimo giorno inizia presto: dalla periferia di Nottingham a quella di Torino, il Parco Aurelio Peccei è l’ideale scenario per gli Sleaford Mods, duo spoken words che anima un pubblico di tutte le età e famiglie a suon di cinismo. Il calare del sole porta in scena i Parcels, band di giovanissimi con una grande passione per il funky e protetti dei Daft Punk, e subito si torna indietro agli anni Settanta facendo ballare tutti. Gli stilosissimi Balthazar, e il loro pop perfetto direttamente dal Belgio, vengono consacrati come una delle più belle sorprese del festival, anticipando due grandi miti della musica britannica: Johnny Marr suona la sua chitarra con una grazia inumana senza mai farlo pesare, spiegando i suoi riff e invitando a emularlo, e Jarvis Cocker che si fa stand up comedian e domanda ai suoi spettatori “qual è la vostra paura più grande?”. E se il giorno non è abbastanza, arrivano la notte e le note portentose di Nils Frahm che saltellando tra pianoforti, tastiere e sequencer incanta il pubblico fino a chiudere un’edizione di grandi prime volte, tutte da ripetere.

“TOdays non racconta più solo l’oggi, non si limita a gettare l’ancora nella contemporaneità per sguazzarci indistintamente, ma interpreta con coraggio quello che sarà, lanciandosi in previsioni, scommesse, osando e allo stesso tempo accendendo quella melanconia che non è disperazione nei ricordi ma propositiva spinta verso il futuro. Todays è una coraggiosa declinazione sentimentale, Todays è quella cosa che tu abbracci una persona accanto con la mente e il cuore, lei se ne accorge e ricambia…perchè c’è una luce che non si spegne mai, come canta Johnny Marr”, commenta Gianluca Gozzi, direttore artistico di TODAYS Festival.

Non solo musica.
Per chi la musica la fa e la ascolta, anche quest’anno i TOlab si sono rivelati fondamentali, per dare voce a nuove idee, a grandi professionisti e artisti, grazie al sostegno e alla collaborazione della Compagnia di San Paolo. Gli Arca Studios di Docks Dora hanno ospitato tre giorni sold out di panel e workshop con ospiti internazionali dedicati ainterazione audio e video, sound design e field recording.
Il Mercato Centrale Torino è stato teatro dei Perfect TO-days, tre appuntamenti gratuiti in collaborazione con la Scuola Holden. Si è parlato di Bruce Springsteen e di cosa significhi avvicinarsi alla musica con i Fast Animals and Slow Kids, delle ispirazioni di Cristiano Godano (Marlene Kuntz) dai Velvet Underground a Beethoven e di poesia nelle parole e musica di Cristina Donà.
La Galleria Gagliardi e Domke, punto fermo della programmazione, ha ospitato il panel dedicato all’auto percezione dell’artista con Dardust e Bianco e l’incontro su come rendere sempre più sostenibili i grandi eventi. Inoltre, più di 1500 persone hanno visitato la mostra fotografica A Blessing in disguise, esposta in Galleria e dedicata alle nuove generazioni punk inglesi.

Un festival sempre più sostenibile.

Grazie al progetto Eco.Reverb, TODAYS è sempre più attento alle tematiche sostenibili: sono state eliminate le cannucce di plastica monouso, la raccolta differenziata è stata organizzata con Amiat, sono state utilizzate solo stoviglie biodegradabili con un risparmio totale di 1 tonnellata di plastica.
La Smat ha offerto acqua potabile gratuita per tutti negli spazi del main stage del festival. Per tre giorni il pubblico di TODAYS ha partecipato alla riduzione dei rifiuti, acquistando insieme alla birra di ordinanza un eco-bicchiere riutilizzabile (oltre 15.000 in totale), grazie a Amico Bicchiere e al progetto Plastic Free Movida di greenTO.

TODAYS Festival nel 2019 non è più solo un evento che parla al presente, tutto può, anzi deve, essere declinato al futuro.

 
Taggato con:
Ago 22


Blu come il cielo, Blu come il colore, Blu come il nome di uno dei più celebrati writer di sempre. L’artista marchigiano è il protagonista di una esposizione particolare che, in maniera poco convenzionale, dalla strada entra in teatro. Un interessante viaggio dal Writing alla Street Art, con circa 100 opere di alcuni dei più importanti esponenti del settore. 
Ma… teatro e street art? A Torino si può: in città esiste infatti un teatro che da qualche anno ha trasformato in palcoscenico anche i suoi muri esterni. Sotto le luci dei riflettori, infatti, non solo le assi della grande sala del Teatro Colosseo ma anche le pareti del caratteristico edificio dai balconi rotondi nel quartiere San Salvario: i muri esterni fra Via Madama Cristina e Via Bidone si sono via via popolati di grandi opere di Street Art, dalla mappa trasfigurata del quartiere realizzata da ZEDZ ai due orsi – uno polare e uno bruno – di Nevercrew e Bordalo II, dal portale tridimensionale di Peeta agli  ultimi arrivati di Nemo’s e Aito Kitazaki.
dal 23 agosto al 29 settembre 2019 la mostra â€œStreet Art in Blu” invade gli spazi del Colosseo, trasformandoli in luogo trasversale di cultura. Protagonisti indiscussi sono due nomi di fama mondiale come Blu (italiano e quasi certamente di Senigallia) e Banksy (inglese di Bristol), accomunati dal mistero che avvolge la loro identità e dall’incisività dei loro messaggi che toccano sovente tematiche politiche e sociali. Ma ci sono anche altri straordinari talenti come Ericailcane, Phase2, Delta2, KayOne, Nevercrew, Aito Kitazaki, Beneine, Eron, Rusty, Zedz, nomi che hanno contribuito a rendere le città di tutto il mondo straordinari musei all’aperto e a veicolare attraverso le loro opere messaggi di resistenza culturale, ecologia e profondissima umanità.

Periodo
Venerdì 23 Agosto 2019 / Domenica 29 Settembre 2019
Orari
da lunedì a giovedì 15,00-20,00
ven-sab-dom 10,00-19,00
Contatti
+39 0116698034
http://www.streetartinblu.com
cassa@teatrocolosseo.it

[Fonte: InPiemonteInTorino]

Taggato con:
Ago 02


Torinesi e turisti potranno provarli già domani, sabato 3, e poi domenica 4 agosto quando sul percorso piazza Satuto, via Cernaia, via Pietro Micca, piazza Castello, via Po, piazza Gran Madre, dalle 15.30 alle 21, sarà operativa una navetta gratuita.

Presentati oggi in piazza San Giovanni alla presenza della sindaca Chiara Appendino, del presidente di Gtt Paolo Golzio e dell’Amministratore Delegato Giovanni Foti, dell’assessore regionale Marco Gabusi e di Maria Lapietra, assessora comunale alla Mobilità, i 74 nuovi bus verranno impiegati sulle cosidette ‘linee di forza’, molto utilizzate dai clienti.

I 34 autosnodati, della lunghezza di 18 metri, e i più piccoli 12 metri copriranno il percorso delle linee: 18, che collega le piazze Sofia e Caio Mario; 68, da zona San Paolo a Sassi; 56, da Grugliasco fino a Largo Tabacchi, ai piedi della collina e 35, da Porta Nuova a Nichelino.

Questi veicoli sostituiranno nel parco GTT gli autobus a motorizzazione Euro 2 e consentiranno un risparmio di carburante del 21,6%, la riduzione delle emissioni di ossidi di azoto (NOx) del 98%, del particolato dell’88% e del biossido di carbonio (C02) del 22%.

I nuovi bus permetteranno inoltre una migliore accessibilità alle persone con disabilità motoria potendo ospitare due carrozzine, rispetto alle attuali vetture da 18 metri dotate di una sola postazione.

Ai veicoli si accederà dalla porta anteriore (sugli autosnodati anche da quella in fondo), mentre per scendere occorrerà utilizzare le porte centrali. Questo consentirà di utilizzarli anche con i tornelli che GTT continuerà a installare con un cronoprogramma che ora prevede vengano completate le linee gestite coi mezzi elettrici, per proseguire con la Torino Chieri (linea 30) e quelle dove verranno utilizzati le nuove vetture.

L’investimento complessivo, che prevede anche la manutenzione ‘full service’ dei mezzi’ è stato di 31 milioni di euro.