preload
Aug 27


Da venerdì 25 a domenica 27 agosto 2017 si è svolta la terza edizione di Todays Festival. Sold out in prevendita tutti gli abbonamenti interi per i 3 giorni, così come tutti i biglietti giornalieri della prima giornata del festival venerdi 25 agosto, oltre ad alcuni workshop ToLab.

Due i palchi principali del festival: il grande prato verde di sPAZIO211, palcoscenico a cielo aperto ideale per raccogliere, accudire e dare ossigeno alla quintessenza della produzione musicale indipendente di prima classe su scala mondiale, e, a pochi passi, il secondo grande palco all’interno della piazza semicoperta, fulcro evocativo dell’ex Industria Nazionale Cavi Elettrici Torino Incet sorta alla fine del XIX secolo e abbandonata nel 1968, protagonista di un ampio intervento di recupero urbano che salvaguarda il valore testimoniale dell’edilizia industriale di inizio Novecento.

L’ex Incet è stato il luogo della notte. In collaborazione con Varvara Festival, un puzzle di suoni e immagini.

Al Parco urbano verde Aurelio Peccei, realizzato e riconosciuto come il primo parco d’Italia totalmente ecosostenibile, delimitato dall’adiacente complesso Docks Dora, la musica si è fusa con l’arte in produzioni esclusive e site specific capaci di attraversare i confini fra le diverse discipline.

Todays è un progetto della Citta di Torino realizzato da Fondazione per la Cultura Torino con il contributo di Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT, e con il contributo del bando nazionale S’Illumina – copia privata per i giovani e la cultura – della S.I.A.E. Societa Italiana degli Autori ed Editori e del Ministero dei Beni e delle Attivita Culturali e del Turismo, nella sezione iniziative culturali in aree periferiche cittadine che favoriscono la creatività di giovani autori, artisti, interpreti ed esecutori. Partner dell’edizione 2017 e Intesa Sanpaolo nell’ambito del progetto della Città di Torino Tutta Mia la Città.

Nelle immagini del fotoblog la serata di apertura del Festival che ha visto esibirsi allo spazio 211 la regina indiscussa del rock PJ Harvey – unica data italiana, una delle più importanti cantastorie in circolazione, unica vincitrice di due Mercury Music Prize.

Prima di PJ Harvey si sono esibiti la talentuosa ventenne Alice Bisi, in arte Birthh e l’ imprevedibile, obliquo, provocatore, irriverente, profondo, diretto, sincero il cantautore Giovanni Truppi.

Ha chiuso la serata l’artista tra i più attesi dell’anno, il ragazzo della generazione selfie con il cuore all’indie rock degli anni ’90 Mac Demarco, romantico chansonnier irriverente e sognatore impenitente.

Alle ore 23 l’ex-cattedrale industriale immersa nel parco verde PECCEI è stata la scenografia teutonica delle avveniristiche geometrie sonore e visuali di Byetone, fondatore della storica label Raster-Noton, esteta della computer music, in un’anteprima italiana gratuita ed esclusiva in collaborazione con il festival Ambienti Digitali.

Dopo la mezzanotte nell’ ex fabbrica INCET elettrificata dal Varvara Festival si sono esibiti gli artisti: Max Cooper, Shed, A Made Up Sound e Dbridge.

Taggato con:
Jun 27


La Città di Torino e l’Assessorato alla Cultura, in collaborazione con la Fondazione per la Cultura e con il sostegno di Intesa Sanpaolo, presentano le iniziative estive di Tutta mia la città. Simbolo della kermesse è un caleidoscopio che rifrange tanti colori, simboleggianti la vivacità e la ricchezza di un calendario che spazia dalla musica al teatro, dalle arti di strada al cinema fino all’arte contemporanea.
L’insieme dei progetti che a luglio e ad agosto animeranno l’estate in città è il risultato di un intenso lavoro di dialogo con le Circoscrizioni e di un rapporto diretto con chi lavora e vive sul territorio, in un percorso costruito con le associazioni e gli operatori della Cultura.
Il cartellone si sviluppa in numerosi quartieri, valorizzando parchi, piazze e aree pubbliche con proposte culturali e linguaggi artistici differenti.
L’Assessorato alla Cultura ha raccolto, inoltre, tutte le altre iniziative estive diffuse in un programma cartaceo che aiuti i cittadini a orientarsi nell’offerta culturale estiva e che verrà diffuso gratuitamente a scopo informativo.

Ci auguriamo che il dialogo e la collaborazione messe in campo nella progettazione dell’estate 2017 siano la base di un percorso lungo e fruttuoso per gli anni a venire in cui Torino si riconosce comunità capace di condividere visioni, progetti e competenze. Francesca Paola Leon, Assessora alla Cultura della Città di Torino.

11 progetti in 8 Circoscrizioni in cui sono coinvolte oltre 30 associazioni.

48 proiezioni di cinema, 77 spettacoli di teatro, musica,danza e cabaret, un intero fine settimana di Teatro fisico e Arti circensi.

2 mesi con oltre 150 appuntamenti culturali in parchi, piazze pubbliche e spazi urbani di tutta la città.

Circoscrizione 1

Torino Estate Reale, festival di prestigio che dall’ 1 al 16 luglio animerà Piazzetta Reale alternando concerti sinfonici alla musica cantautorale, passando dalla tradizione del balletto classico alla rivisitazione in chiave contemporanea del flamenco, da Cuba alla Spagna, dal Marocco all’Italia, dalla Russia di Čajkovskij all’America di Gershwin e che vuole ottenere così una partecipazione ampia e trasversale. Tra i progetti che animeranno lo stesso territorio citiamo anche Cinema  a Palazzo Reale dal 22 luglio al 2 settembre.

Gli 11 progetti di Tutta mia la città in ogni Circoscrizione

Circ. 2
Arena Cinema Parco Rignon a cura di Slow Cinema

corso Orbassano 200

Dal 6 luglio al 16 agosto

arenaparcorignon.wordpress.com

Si torna a proiettare film nell’Arena Cinema del Parco Rignon dove, già a metà degli anni 70, si faceva cinema per tutti e il parco era uno dei luoghi più importanti dell’estate in città. L’Arena Cinema del Parco Rignon prenderà il via il 6 Luglio e consentirà ai torinesi di vedere, o rivedere, i film usciti durante l’ inverno. 36 serate di cinema, film spettacolari e film dagli affetti speciali,  film di genere e classici intramontabili, film di giovani  talenti e film di autori affermati. Inoltre in alcune serate, prima della proiezione, uno sguardo al futuro: i saggi di regia degli studenti del Centro Sperimentale di Cinematografia con i loro film d’ animazione. E uno sguardo affettuoso e poetico al nostro vivere quotidiano:  piccoli film fatti in casa dai nostri padri  o dai nostri amici quando eravamo bambini, con il vecchio super otto, e che fanno parte del progetto  Mi Ricordo. L’ Archivio di tutti: cose d’ altri tempi a cura  dell’ Archivio Nazionale Cinema d’ Impresa.

Palchi Reali a Stupinigi

Palazzina di caccia di Stupinigi

Piazza Principe Amedeo, 7, 10042 Stupinigi, Nichelino (To)

Dal 2 al 30 luglio

www.palchireali.it

Palchi Reali a Stupinigi è un programma di 6 spettacoli organizzati da Fondazione per la Cultura Torino e Piemonte dal Vivo in collaborazione con Teatro a Corte della Fondazione TPE.Il palinsesto prevede sei spettacoli che attraversano i linguaggi del teatro, della musica e della danza contemporanea e che contemplano insieme memoria storica e sensibilità per il contemporaneo. Per favorire la partecipazione di tutti i cittadini e in particolare degli abitanti della Circoscrizione 2 è previsto un servizio navetta gratuito che partirà da Piazza Castello a Torino un’ora prima degli spettacoli per raggiungere la Palazzina di Caccia di Stupinigi attraverso le fermate intermedie dello Stadio Olimpico Grande Torino e di Piazzale Caio Mario (Capolinea GTT linea 4). Prenotazione obbligatoria scrivendo alla mail progetti@piemontedalvivo.it oppure chiamando al 328.9347942 (dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 18.00).

La Festa per chi resta a cura di Assemblea Teatro

Mausoleo della Bela Rosin, Strada Castello di Mirafiori 148/7

14, 15 e 16 agosto

www.assembleateatro.com

A conferma del successo ottenuto negli ultimi anni, anche nel 2017 la compagnia Assemblea Teatro rinnova la proposta della Festa per chi resta con tre appuntamenti nel periodo di Ferragosto al Mausoleo della Bela Rosin.

I 3 spettacoli in cartellone, Io sono uno – Omaggio a Luigi Tenco, La Principessa smarrita, e il Piccolo Principe, valorizzeranno il giardino del Mausoleo della Bela Rosin rappresenteranno un momento di festa per chi trascorre l’estate in città e per i sempre più numerosi turisti che scelgono Torino per le loro vacanze.

Circ 3
La finestra sul cortile – Cinema in famiglia a cura dell’Associazione Zampanò in collaborazione con la Bibliomediateca Mario Gromo

piazza don Del piano (Area ex Materferro)

ogni sabato dal 24/06 al 26/08 – ore 21.30, ingresso gratuito

www.comune.torino.it/circ3/

Piazza Delpiano, area pedonale pubblica di recente costruzione compresa tra i corsi Lione, Mediterraneo e Rosselli (già area Materferro), frutto di recenti opere di riqualificazione urbana con il suo anfiteatro ospiterà ogni sabato, per due mesi, una serata di cinema sotto le stelle. Proiezioni di film d’autore, di animazione e commedie di successo dell’ultima stagione cinematografica destinate al grande pubblico e in particolare alle famiglie e ai bambini del territorio: un’occasione di svago e di aggregazione attraverso un’iniziativa culturale accessibile a tutti.

La scelta del titolo La finestra sul cortile di chiaro richiamo cinematografico dà evidenza alla scelta di ospitare la rassegna in una piazza, un’area pedonale sulla quale si affacciano edifici residenziali, il “cortile” condiviso, un luogo in cui trascorrere il tempo libero al riparo dal rumore del traffico. Il progetto è arricchito da una retrospettiva sul tema della famiglia a cui si ispira il sottotitolo, Cinema in Famiglia.

In collaborazione con la Bibliomediateca Mario Gromo del Museo Nazionale del Cinema il tema della famiglia verrà approfondito attraverso proiezioni di lungometraggi che raccontano la famiglia come luogo degli affetti, cellula sociale al centro di un processo di evoluzione, cambiamento e trasformazione, luogo in cui si generano dinamiche interpersonali e conflitti, e scrigno di ricordi e creatrice di storie. Le proiezioni della Museo Nazionale del Cinema.

Circ 4
Evergreen Festival a cura dell’associazione Tedacà

Parco della Villa Tesoriera, corso Francia 188/192

9 giugno-23 luglio

www.evergreenfest.it

Il piacere di dedicare del tempo a se stessi, imparare qualcosa di nuovo, ascoltare musica, ballare, incontrare nuovi autori o vedere uno spettacolo dal vivo. Questa è Evergreen Fest, manifestazione che promuove la concezione di città intelligente, sostenibile e sempre più vivibile per i cittadini. Ogni giorno l’evento inizia già dal pomeriggio con laboratori per tutte le età di creatività, artigianato e benessere. Si prosegue poi sul palco con la rubrica La mia città sostenibile (ore 20.30), dove i cittadini incontrano enti e associazioni che operano in ambito culturale, artistico, sociale e ambientale, chiamate a fornire esperienze in grado di migliorare la vita della comunità. Infine alle 21.00 iniziano gli appuntamenti della Green Night: concerti, serate danzanti, opere teatrali, proiezioni cinematografiche e incontri letterari, per stimolare la curiosità del pubblico e presentare gli artisti di talento del panorama torinese e piemontese.

Musiche nel parco, a cura del Coordinamento delle Associazioni Musicali

Parco della Villa Tesoriera, corso Francia 188/192

2/9/16/23 e 30 luglio e 6/13/20 e 27 agosto

La rassegna Musiche nel parco, alla tredicesima edizione, presenta un programma di 9 concerti di musica barocca che si svolgeranno ogni domenica mattina alle 11.00 nel Parco della Villa Tesoriera. I concerti di musica barocca saranno eseguiti con strumenti d’epoca: verranno riprodotte musiche di corte, allegre e musiche di intrattenimento adatte ad essere ascoltate all’aperto.

Circ 5
MetropolitanArt a cura di Stalker Teatro
Location varie

sab 10 e dom 11 | sab 17 e dom 18 | sab 24 e dom 25 giugno 2017
www.stalkerteatro.net
Il progetto Metropolitan Art 2 – Il Vedere Accesso, realizzato da Stalker Teatro con la collaborazione del Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, ha previsto un programma di workshop e interventi urbani nei territori di Torino, Rivoli e Venaria, negli spazi espositivi del Castello di Rivoli, della Reggia di Venaria e della GAM – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino. I workshop propongono l’interazione fra i linguaggi delle arti visive e quelli della performing art, per una fruizione attiva dell’arte contemporanea. A giugno 2017 sei percorsi turistico-culturali conducono gli spettatori con bus organizzati dal centro cittadino (Porta Susa) alla periferia metropolitana, con itinerari tematici al Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, attraversamento con cenni storici del Quartiere Le Vallette di Torino, fino a raggiungere le Officine Caos di Piazza Montale per una pausa ristoratrice e la visione dello spettacolo Reaction con la regia di Gabriele Boccacini, che vede coinvolti i cittadini partecipanti ai workshop insieme ai performer di Stalker Teatro.

SiAmo la Cultura a cura dell’Associazione Cultura Dinamica in collaborazione con Associazione Viartisti, Associazione TAC e i gruppi amatoriali musicali del Centro Culturale Principessa Isabella della Circoscrizione 5.

Cortile del Centro Civico Circoscrizione 5, via Stradella 192

14,15 e 16 luglio

www.culturadinamica.it; www.viartisti.it; www.comicitac.it

Nel progetto SiAmo la Cultura ogni cittadino, con le proprie inclinazioni e passioni, contribuisce al patrimonio culturale del territorio che abita, scegliendo di partecipare attivamente alle iniziative e facendosi promotore di altre. Sulla base di questi principi, il progetto valorizza diverse esperienze artistiche partendo dal genere del cabaret, fresco e impegnato, a quello del teatro, veicolo di riflessione, a quello delle performance amatoriali dei gruppi di cittadini, esperienze di partecipazione. Le tre proposte costituiranno gli appuntamenti delle tre serate  di spettacoli che si terranno presso il cortile del Centro Civico di via Stradella 192. Il cortile, luogo simbolico della partecipazione attiva dei cittadini alla vita della città, sarà location degli appuntamenti, ognuno dei quali collegato ad una parola chiave che rappresenta la diversa d’arte proposta: SORRISO per il Cabaret in scena con Shakespeare chi? a cura dell’Associazione TAC – SPECCHIO per il Teatro in scena con Malala anteprima della compagnia Viartisti e PARTECIPAZIONE con le performance musicali a cura dei gruppi del Centro Culturale Principessa Isabella.

Circ 6 e 7
67/Il totano nella chitarra – due territori in festival a cura di oltre 20 associazioni dei due territori coordinate dai Bagni Pubblici di via Agliè

Open Incet, via Cigna 96/17

21,22 e 23 luglio

Nel weekend del 21,22 e 23 luglio nella piazza coperta dell’Ex Incet si svolgerà 67/Il totano nella chitarra, iniziativa culturale frutto dell’incontro e della coprogettazione tra più di venti realtà culturali attive sui territori della Circoscrizione 6 e 7.Un evento cittadino di alto richiamo che ha scelto le arti circensi e il teatro fisico con incursioni letterarie e musicali attinenti al tema come linguaggio principale. La programmazione delle tre giornate è organizzata su fasce orarie e di spettacolo che cercano di coinvolgere il più possibile l’eterogeneità della popolazione delle due circoscrizioni. A partire dalle 17.00 fino alla mezzanotte circa, un programma ricco destinato a famiglie, giovani, appassionati e più in generale ai cittadini residenti. Un festival fatto di fusioni tra danza, acrobazia, suoni, musica e letture.

TODAYS  è un progetto della Città di Torino realizzato da Fondazione per la Cultura Torino con il contributo di Compagnia di Sanpaolo, Fondazione CRT e con il contributo del bando nazionale S’ILLUMINA promosso da S.I.A.E. Società Italiana degli Autori ed Editori e Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Spazio211, Galleria D’Arte Gagliardi E Domke, Varvara Festival, Ambienti Digitali, Piscina Sempione, Arca Studios, Il Piccolo Cinema, Print Club, Officine Caos, Off The Corner, Radio Ohm.
25,26 e 27 agosto

www.todaysfestival.com

TODAYS è un festival nato con l’obiettivo di trasformare Torino, per tre giorni, in una vetrina dell’espressione contemporanea, veicolata soprattutto – ma non solo – attraverso i linguaggi della musica e delle sue diverse contaminazioni con le altre forme dell’arte. Dal primo pomeriggio a notte inoltrata TODAYS propone un cartellone capace di coniugare occasioni di formazione e approfondimento, laboratori, performance e dj set con live di grandi artisti nazionali e internazionali, produzioni originali e progetti esclusivi, in una formula che prevede una soluzione mista tra ticketing con possibilità di abbonamento 3 giorni per i concerti sui main stage e ingresso gratuito per tutti gli altri appuntamenti. Tratto distintivo di TODAYS è la ricerca di spazi insoliti, architetture riqualificate, location inconsuete, al fine di valorizzare la periferia e svelare aree della città spesso poco conosciute ai torinesi stessi. Un lavoro che non si limita alla geografia fisica, ma punta al coinvolgimento di realtà e soggetti underground del territorio che sappiano interpretare le trasformazioni e i cambiamenti – urbani, culturali, sociali – e raccontare l’oggi nella musica, nell’arte, nella creatività. TODAYS vuole essere anche luogo di formazione e sostegno degli artisti della nuova generazione, con una sezione educational che offra opportunità di incontro e scambio per le numerose start-up del settore della filiera artistico-musicale, con la collaborazione di esperti, aziende e professionisti.

Circ 8
CorpoAcorpo, direzione artistica del Cap 10100 presso il PAV. Parco di Arte Vivente – Centro sperimentale d’Arte Contemporanea

Via Giordano Bruno, 21

1-22 luglio
www.parcoartevivente.it; www.cap10100.it

A luglio il centro multidisciplinare CAP10100 diventa CAP in Town curando la direzione artistica della rassegna Corpo a Corpo – La terra è di tutti, programmazione di attività, laboratori, concerti e spettacoli che dal 1 al 22 luglio animerà il PAV, lo splendido Parco Arte Vivente nel cuore della città. Corpo a Corpo vuole dare spazio allo spettacolo dal vivo in tutte le sue forme, coinvolgendo un pubblico trasversale per tutti i giorni della settimana, dal pomeriggio fino a sera.

L’apertura pomeridiana dalle 15.00 è dedicata ai bambini e ragazzi, con attività che spaziano dalla musica ai laboratori; dalle 21.30 musica live e spettacoli di danza, teatro e comicità per tutti. Un progetto che vuole favorire la riscoperta di un luogo prezioso e la promozione di un programma di rivalutazione territoriale attraverso la mescolanza delle arti, in dialogo con il territorio.

May 17


Mercoledì 17 maggio con lo spettacolo gratuito “Jass. Ovvero quando il jazz parlava siciliano” di Franco Maresco e Claudia Uzzo all’Auditorium Giovanni Agnelli del Lingotto ha preso il via la prima edizione di NARRAZIONI JAZZ, il nuovo festival culturale orientato alla mescolanza di linguaggi, alle produzioni originali con anteprime ed esclusive.

Narrazioni Jazz esordisce collaborando fin dall’inaugurazione con un importante evento culturale torinese col quale condivide l’apertura: il Salone Internazionale del Libro di Torino. Il Festival, infatti, si svolgerà in modo parallelo e intrecciato, da mercoledì 17 a domenica 21 maggio, armonizzandosi con le esigenze della Fiera e contribuendo, nello stesso tempo, alla diffusione della rassegna in città attraverso il programma ‘Jazz per la Città 2017’ e ‘Torino Jazz Night/Oltre i confini della notte’ che, per l’intera serata di sabato 20 maggio, porterà musica e letteratura nelle piazze, per le strade, nelle sale da concerto e nei locali.

Il jazz – riconosciuto come “la più libera tra le musiche” (Eduardo Galeano) – nel 2017 festeggia un compleanno importante: i 100 anni della registrazione del primo disco 78 giri di musica jazz. A inciderlo fu Nick La Rocca, siciliano di seconda generazione nato a New Orleans. Una ricorrenza che Stefano Zenni, direttore Artistico di Narrazioni Jazz, ha voluto celebrare con un evento di grande qualità.

Franco Maresco ha colto l’occasione per raccontare la storia dei musicisti siculo-americani immigrati in America e del loro fondamentale apporto alla nascita del jazz. Dall’incontro fra la tradizione musicale della minoranza nera – con i suoi gospel, le marcette militari e i canti di lavoro nei campi – e quella siciliana fatta di musica da banda, opera lirica e reminiscenze arabe, nascerà la miscela esplosiva che prenderà il nome di jass. Lo spettacolo, scritto da Claudia Uzzo e da Franco Maresco, uno dei più importanti registi indipendenti del cinema e del teatro italiano, racconta una storia che parte da Palermo e, attraversando l’Oceano sul piroscafo Florio, giunge a New Orleans: la storia di Nick La Rocca e del ruolo che i musicisti siculo-americani hanno avuto per il jazz.

Una rappresentazione multimediale, che mescola diversi linguaggi (video, fotografie, interventi recitati, il clarinetto di Gabriele Mirabassi e il piano di Salvatore Bonafede) per raccontare un episodio davvero importante. Negli Stati Uniti nomi quasi sconosciuti come Nick La Rocca (al secolo Domenico La Rocca), Vincent Rose (Vincenzo Cacioppo), Pete Rugolo (Pietro Rugolo), Joe Venuti (Giuseppe Venuti) e giganti come Frankie Laine (Francesco Paolo Lo Vecchio), Tony Scott (Anthony Joseph Sciacca), Louis Prima e Frank Sinatra, lasciarono un segno indelebile nel firmamento della musica del Novecento. Nel racconto di Maresco e Zenni non mancheranno riferimenti alla cosiddetta Mano Nera e a Cosa Nostra, che allora dominava incontrastata diversi settori, tra cui il mercato del contrabbando illegale di alcool e il giro dei bar clandestini; i goodfellas si infiltrarono ben presto anche nel business della musica, divenendo spesso agenti e produttori di affermati artisti italoamericani. Anche il cinema occupa un ruolo essenziale all’interno di questo denso affresco: dai film dei primi anni ’10, che avevano per oggetto il cliché dell’italiano violento e rissoso, sino alle grandi maestranze italoamericane negli anni d’oro.

“Narrazioni Jazz è un festival del tutto nuovo: nella collaborazione con il Salone Internazionale del Libro, nel concentrarsi sul rapporto con le altre arti, nelle modalità di coinvolgimento organizzativo e artistico del territorio – afferma Stefano Zenni, direttore artistico della rassegna -. È un festival fatto di eccellenze nazionali e internazionali che, tra produzioni originali ed esclusive affronta, tra le altre cose, due temi chiave del jazz: l’eredità della schiavitù e la natura multietnica di una musica plurale. Per questo Narrazioni Jazz è saldamente legato, in chiave artistica, spettacolare e critica, al nostro mondo contemporaneo”.

Il programma completo e tutte le informazioni sul sito www.narrazionijazz.it