preload
Mag 01



This video was embedded using the YouTuber plugin by Roy Tanck. Adobe Flash Player is required to view the video.

Breve cerimonia nel cortile d’Onore di Palazzo di Città per la Festa dei Lavoratori, con la banda della Polizia municipale che ha suonato l’inno dei lavoratori e quello d’Italia alla presenza della sindaca Chiara Appendino, del presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, e dei segretari generali di CGIL, CISL e Uil Torino Enrica Valfre’, Domenico Lo Bianco e Gianni Cortese.
A margine dell’iniziativa, la sindaca Appendino ha sottolineato che “questo Primo Maggio ci deve ricordare tutti coloro che hanno lavorato in questo periodo per garantire i servizi essenziali. Dobbiamo pensare in particolare – ha aggiunto la prima cittadina – alle donne che avevano un carico familiare non facile e a chi ha perso il lavoro”.
“Un Primo Maggio – ha detto ancora la sindaca- per chi il lavoro l’ha appena perso e per chi non sa se il suo settore esisterà ancora. Per chi durante questa pandemia ha lavorato il doppio con il doppio delle preoccupazioni e dei rischi. Per i lavoratori raramente celebrati ma senza i quali ci mancherebbero servizi essenziali. Per chi sul lavoro quest’anno ha perso la vita e per chi, grazie a un lavoratore, ce l’ha ancora”.
La sindaca Appendino ha poi aggiunto che “la convivenza col virus sarà ancora lunga e quindi molto dipenderà dalle nostre abitudini” ma si è detta “certa che la città farà la sua parte, i cittadini sono responsabili, quindi tutti insieme speriamo che la città possa ripartire”.