preload
Nov 06


L’edizione 2016 – dal 3 al 6 novembre – è stata caratterizzata da diverse novità volte a rafforzare l’unicità della fiera e renderla un evento culturale unico nel suo genere. The Others quest’anno ha lasciato lo spazio dell’ex struttura carceraria Le nuove per l’ex Ospedale Regina Maria Adelaide, un cambiamento nella natura stessa della fiera che diventa un evento itinerante nomadico, che occuperà di volta in volta spazi anticonvenzionali, spesso in disuso, contribuendo alla riattivazione degli stessi.

L‘ex Ospedale Regina Maria Adelaide, in Lungo Dora Firenze 87, si compone di tre ali collegate da corridoi e si affaccia su un vasto cortile; chiuso nel mese di aprile di quest’anno, è stato un centro traumatologico di eccellenza, tra i primi ad introdurre i servizi di rieducazione e riabilitazione negli anni ’60.

The Others, alla sua sesta edizione quest’anno, ha ospitato spazi profit e no-profit con programmi dedicati ai giovani artisti: gallerie emergenti, centri no profit, spazi espositivi, fondazioni, associazioni, collettivi di artisti o curatori e spazi artist-run spaces focalizzati sulla promozione e sullo sviluppo del panorama artistico emergente. Inoltre, collaborazioni con progetti editoriali, premi d’arte, residenze per artisti, accademie d’arte e spazi di design autoprodotto rendono The Others una fiera con un punto di vista sull’arte a 360 gradi.

www.theothersfair.com