preload
Jan 23


E’ stata inaugurata lunedì 23 gennaio, nello spazio espositivo del palazzo della Regione Piemonte, in piazza Castello 165 la mostra «Exodos – rotte migratorie, storie di persone, arrivi, inclusione». L’esposizione propone le immagini e i video realizzati da dieci fotoreporter e due videomaker indipendenti torinesi sul tema dei profughi e dei migranti. Le immagini sono di Marco Alpozzi, Mauro Donato, Max Ferrero, Mirko Isaia, Giulio Lapone, Matteo Montaldo, Giorgio Perottino, Andreja Restek, Paolo Siccardi e Stefano Stranges, mentre i video sono di Stefano Bertolino e Cosimo Caridi.
L’obiettivo del progetto è quello di fornire il punto di vista torinese sulla crisi dei migranti, un punto di vista sfaccettato e multiforme, tanti sono gli autori impegnati in questo reportage collettivo; raccontare il «volto umano» della crisi dei migranti partendo dalle persone, dagli sguardi, dalle storie; valorizzare quanto costruito in questi anni dai nostri territori sul tema dell’accoglienza e dell’integrazione.
Le foto e i video sono stati realizzati tra il 2014 e il 2016 in alcuni dei momenti e dei luoghi più drammatici dell’emergenza profughi, come le isole di Lesbo e Kos, la frontiera di Idomeni, la giungla di Calais, ma anche i Balzi Rossi vicino a Ventimiglia o il mare al largo di Lampedusa. Per l’allestimento, si è scelto un percorso tematico, per guidare il pubblico nei vari momenti che scandiscono la quotidianità di chi dalla propria terra intraprende il cammino verso un mondo migliore. Nell’itinerario espositivo si è così scelto di individuare e concentrare l’attenzione sulle fasi salienti di questi viaggi: il «Mare», trampolino e naufragio verso il miraggio di un nuovo mondo; la «Strada», attraverso i campi, i fiumi, le lande desolate delle terre di nessuno; l’arrivo davanti alle «Barriere», fatte di reti, muri, confini; i «Campi», luoghi di attesa, di riposo, di speranza, di paura; «Incontri» tra le società, i turisti e i migranti.

Taggato con:
Mar 17



Un viaggio iniziato a Lecce il 19 febbraio e che si conclude a Torino, alla stazione ferroviaria di Porta Nuova, dal 18 al 21 marzo.
Un viaggio sulla falsariga di quelli che gli emigranti italiani del sud hanno compiuto dal 1900 in avanti, alla ricerca del lavoro e della prosperità che mancava nelle terre d’origine.
La mostra “Migranti. Dal passato al presente: storie, volti, voci di Puglia” racconta proprio loro, i migranti italiani del secolo ventesimo.

E’ possibile visitarla sul treno in cui è stata allestita, alla stazione di Porta Nuova, fino al 21 marzo: aperta dalle 9 alle 18 (ultimo ingresso alle 17.30), è ad ingresso gratuito.
Informazioni sul sito www.migrantipuglia.it

Taggato con: