preload
Jan 23


E’ stata inaugurata lunedì 23 gennaio, nello spazio espositivo del palazzo della Regione Piemonte, in piazza Castello 165 la mostra «Exodos – rotte migratorie, storie di persone, arrivi, inclusione». L’esposizione propone le immagini e i video realizzati da dieci fotoreporter e due videomaker indipendenti torinesi sul tema dei profughi e dei migranti. Le immagini sono di Marco Alpozzi, Mauro Donato, Max Ferrero, Mirko Isaia, Giulio Lapone, Matteo Montaldo, Giorgio Perottino, Andreja Restek, Paolo Siccardi e Stefano Stranges, mentre i video sono di Stefano Bertolino e Cosimo Caridi.
L’obiettivo del progetto è quello di fornire il punto di vista torinese sulla crisi dei migranti, un punto di vista sfaccettato e multiforme, tanti sono gli autori impegnati in questo reportage collettivo; raccontare il «volto umano» della crisi dei migranti partendo dalle persone, dagli sguardi, dalle storie; valorizzare quanto costruito in questi anni dai nostri territori sul tema dell’accoglienza e dell’integrazione.
Le foto e i video sono stati realizzati tra il 2014 e il 2016 in alcuni dei momenti e dei luoghi più drammatici dell’emergenza profughi, come le isole di Lesbo e Kos, la frontiera di Idomeni, la giungla di Calais, ma anche i Balzi Rossi vicino a Ventimiglia o il mare al largo di Lampedusa. Per l’allestimento, si è scelto un percorso tematico, per guidare il pubblico nei vari momenti che scandiscono la quotidianità di chi dalla propria terra intraprende il cammino verso un mondo migliore. Nell’itinerario espositivo si è così scelto di individuare e concentrare l’attenzione sulle fasi salienti di questi viaggi: il «Mare», trampolino e naufragio verso il miraggio di un nuovo mondo; la «Strada», attraverso i campi, i fiumi, le lande desolate delle terre di nessuno; l’arrivo davanti alle «Barriere», fatte di reti, muri, confini; i «Campi», luoghi di attesa, di riposo, di speranza, di paura; «Incontri» tra le società, i turisti e i migranti.

Taggato con:
Nov 11


Questa mattina nella sala del Consiglio Regionale, in via Alfieri 15, alla presenza delle autorità Regionali e del Sindaco Piero Fassino, è stata consegnata una medaglia in ricordo della Resistenza a un gruppo di ex partigiani torinesi.
Nel suo intervento Fassino ha sottolineato il significato profondo di tale cerimonia: “il mio saluto a tutti voi è tanto più affettuoso perché sono io stesso figlio di un partigiano, cresciuto nel culto della memoria della Resistenza”.
Il Sindaco ha evidenziato come in Piemonte la lotta di liberazione sia stata una sollevazione popolare che ha coinvolto tutte le classi sociali e, a tal proposito, ha citato lo scrittore Giorgio Bocca che, in un suo celebre libro, ha scritto:“il Piemonte fu la regione in cui la Resistenza ebbe il carattere più unitario. Qui si videro uomini e donne di diversa appartenenza sociale combattere insieme”.
“Essere qui e rendere onore a coloro che hanno combattuto contribuendo a liberare l’Italia dal nazi-fascismo – ha concluso Fassino – non è solo un atto di giusto omaggio nei confronti dei presenti e di quanti non ci sono più. È anche la riconferma del nostro impegno a far rivivere ogni giorno i valori in difesa della libertà, della democrazia e della giustizia nati sessantasei anni fa”.

Taggato con:
Mar 09



Nella sede della Regione Piemonte è stato presentato il fitto programma dei Raduni 2011, una conferenza stampa ed una mostra ad hoc per questo evento che regalerà festa per le strade di Torino da aprile fino ad ottobre. Si svolgeranno in città dieci raduni, coordinati dalla Regione Piemonte e dalla Città di Torino, che faranno affluire nelle vie e nelle piazze centinaia di migliaia di persone da tutta la Penisola e anche dall’estero.

Aprirà la serie l’Associazione d’Arma dei Granatieri. Dal 15 al 17 aprile si ritroveranno a Torino per il loro trentesimo Raduno nazionale. La domenica sarà il giorno della sfilata lungo l’asse piazza Castello – via Roma – piazza San Carlo – piazza Carlo Felice.

Un evento militare di grande importanza, ma al di fuori del programma dei Raduni, è la Festa dell’Esercito che si svolgerà il 4 maggio in piazza Castello, in onore del decreto che l’allora Ministro Fanti firmò il 4 maggio 1861, nel Palazzo che attualmente è la sede della Prefettura, e che segnò la nascita dell’Esercito Italiano.

Tornando ai Raduni, il secondo appuntamento è quello dell’Adunata degli Alpini, in programma il 6, 7 e 8 maggio. Si tratta della sfilata più numerosa, con oltre 80 mila radunisti pronti a marciare per le strade di Torino. Si prevede un’affluenza di circa 500 mila persone.

Dal 20 al 22 maggio sarà il turno dell’Associazione d’Arma di Cavalleria, con 1300 partecipanti, fra radunisti e militari e ben 200 cavalli. Il programma prevede una serie di eventi: il “Concorso di Salti” Città di Torino,il “Villaggio della Cavalleria” e la mostra su bronzi, dipinti, cimeli, oggetti.

Il 10 e 11 giugno toccherà agli “ aviatori”. Per la prima volta congiuntamente l’Associazione dell’Arma dell’Aeronautica e quella dell’Aviazione dell’Esercito sfileranno insieme.

Le giornate dei Bersaglieri, dal 15 al 19 giugno, entreranno nel vivo giovedì 15 a Biella per poi trasferirsi a Torino dove domenica, il giorno della sfilata, circa 80mila Bersaglieri invaderanno le strade della città.

Dal 24 al 26 giugno sarà di scena il XXI Raduno dell’Associazione Nazionale Carabinieri. Giungeranno in città i Carabinieri in congedo da tutt’Italia e anche dall’estero (Europa, America, Africa, Australia

Dal 1° al 3 luglio sfilerà nel centro città Assoarma che comprende 34 Associazioni d’Arma e che rappresenta circa un milione di iscritti di tutte le Forze Armate e Corpi Armati dello Stato. La manifestazione finale di sabato 2 e domenica 3 luglio raccoglierà a Torino 20 mila rappresentanti delle 34 Associazioni con i loro familiari, che tingeranno le vie e le piazze della città dei variopinti colori delle loro mostrine e delle divise di tutte le armi e specializzazioni di Esercito, Marina, Aeronautica, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia e di tutte le realtà associative militari di categoria.

Dal 10 all’11 settembre è in programma il XVIII° Raduno dell’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco del Corpo Nazionale. Il clou del Raduno avverrà in una giornata simbolica e tragica, a livello mondiale, per i pompieri: l’anniversario del crollo delle Torri Gemelle di New York.

Dal 16 al 18 settembre si svolgerà il VII° Raduno dell’Associazione Nazionale della Sanità Militare Italiana, con manifestazioni a carattere istituzionale, intervallate da momenti di approfondimento storico e culturale.

Il 1° e il 2 ottobre si terrà l’ultimo dei Raduni 2011, organizzato dall’ I.P.A. (International Police Association).

Taggato con: