preload
Mar 07


Si è conclusa la terza edizione del Turin Islamic Economic Forum 2017 che, lunedì 6 e martedì 7 marzo, ha portato nel capoluogo piemontese, al Centro congressi Torino Incontra, alcuni tra i piĂą importanti protagonisti e conoscitori dell’economia e della finanza dei paesi arabo-islamici.
Due giornate di attività, dieci sessioni con approfondimenti e dibattiti, cinquanta relatori tra amministratori pubblici, ricercatori e docenti universitari, imprenditori ed esperti di finanza: un denso programma di incontri e momenti di confronto pensato per creare, a Torino e in Piemonte, le condizioni affinché la finanza islamica possa fungere da catalizzatore di sviluppo economico e, al tempo stesso, risultare concreto fattore di inclusione per migliaia di musulmani che oggi vivono e lavorano nella città della Mole.
Il forum organizzato da Città di Torino, Università degli Studi, Camera di Commercio di Torino e Assaif (Associazione per lo Sviluppo di Strumenti Alternativi e di Innovazione Finanziaria), si propone di fornire a rappresentanti di istituzioni e a imprese piemontesi, italiane, europee e del mondo islamico, la possibilità di approfondire la conoscenza delle potenzialità e delle opportunità offerte, a Torino e in Piemonte, da settori dell’economia importanti e in espansione, al fine di favorire investimenti e sviluppo del territorio.

Approfondimenti:
“Essere comunitĂ  è amare le differenze” – il testo dell’intervento che la sindaca di Torino Chiara Appendino in apertura della seconda giornata del Tief
Tief 2017: firmato memorandum per incontri B2b tra imprese a Dubai e a Torino
TIEF: Metro, dalla finanza islamica le risorse per la linea 2?
Tief: Torino, una cittĂ  dove poter vivere e lavorare

Taggato con:
Mar 06


Si è aperto questa mattina, nella sala Cavour del centro congressi Torino Incontra, il Turin Islamic Economic Forum 2017. Giunto alla terza edizione, l’evento organizzato da Città di Torino, Università degli Studi, Camera di Commercio di Torino e Assaif (Associazione per lo Sviluppo di Strumenti Alternativi e di Innovazione Finanziaria), si propone di fornire a rappresentanti di istituzioni e a imprese piemontesi, italiane, europee e del mondo islamico, la possibilità di approfondire la conoscenza delle potenzialità e delle opportunità offerte, a Torino e in Piemonte, da settori dell’economia importanti e in espansione, al fine di favorire investimenti e sviluppo del territorio.

Ad aprire i lavori il vicesindaco della Città di Torino, Guido Montanari. “Questa due giorni – ha spiegato Montanari – l’unico al mondo organizzato da una municipalità, sottolinea quanto Torino si riaffermi laboratorio e guida nello sviluppo economico e sociale. Siamo a una svolta. E la città, che è stata culla di scienziati, pionieri, tecnici, è pronta a essere guida del cambiamento: attraverso uno sguardo oltre i confini, il lavoro di squadra e l’ingegno. Questo incontro internazionale sulla finanza islamica dimostra che il cambiamento si guida attraverso l’inclusione, la tolleranza e il rispetto dei diritti di tutti”.

“Qui – ha proseguito il vicesindaco – sono state posate le pietre miliari di industrie riconosciute in tutto il mondo, di una cultura dei diritti dei lavoratori che è meta imprescindibile, di tradizioni che sono storia, ma anche di innovazioni. Scegliere di promuovere un forum di finanza islamica non è soltanto un’opportunità: è un’occasione per mettere sul tavolo concretamente nuove possibilità di sviluppo di ampio respiro, che guardino oltre i confini, non soltanto fisici, e che dimostrino che il cambiamento non si subisce ma si guida, garantendo sempre condizioni di inclusione, tolleranza e rispetto”.

Nel corso del Tief, da lunedì 6 a martedì 7 marzo, è previsto lo svolgimento di dieci sessioni con approfondimenti e dibattiti e la partecipazione di cinquanta relatori, tra amministratori pubblici, ricercatori e docenti universitari, imprenditori ed esperti di finanza.

Insomma, due giorni di attività e un denso programma di incontri e momenti di confronto pensato per creare, a Torino e in Piemonte, le condizioni affinché la finanza islamica possa fungere da catalizzatore di sviluppo economico e, al tempo stesso, risultare concreto fattore di inclusione per migliaia di musulmani che oggi vivono e lavorano nella città della Mole.

Informazioni sul sito del TIEF

[Fonte: TorinoClick]

Taggato con:
Oct 19


Al via la seconda edizione del Tief – Turin Islamic Economic Forum che ha portato a Torino – nell’Aula Magna del Campus Luigi Einaudi – 53 relatori provenienti da tutto il mondo a confrontarsi su tre principali tematiche: finance, food e fashion.
Ad aprire i lavori il Sindaco Piero Fassino insieme al Rettore dell’Università, Gianmaria Ajani e alla Presidente dell’Unione Industriale, Licia Mattioli, coordinati dal Direttore Generale della Città di Torino, Gianmarco Montanari.

Tra gli argomenti della mattinata del primo giorno di forum: il ruolo che istituzioni pubbliche e private possono avere nello sviluppo della finanza islamica e il mercato dei capitali islamici. Nel pomeriggio invece si è parlato di food.

Fonte: TorinoClick

Taggato con: