preload
Lug 03

This video was embedded using the YouTuber plugin by Roy Tanck. Adobe Flash Player is required to view the video.

Weekend dedicato al Raduno nazionale di Assoarma, l’ultimo dei raduni militari prima della pausa estiva. Assoarma comprende 35 realtà associative militari che fanno riferimento alle Armi e Specialità di Esercito, Marina, Aeronautica, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia di Stato.

Il programma del Raduno è iniziato con l’Alzabandiera in Piazza Castello sabato 2 luglio e il simbolico omaggio di una corona d’alloro a tutti i Caduti. Nel pomeriggio le Associazioni hanno fatto memoria dei loro Caduti ai Monumenti dedicati, come il Monumento al Fante d’Italia in Piazzale Duca d’Aosta (Crocetta), il grandioso Monumento agli Autieri nella Torino dell’automobile e collocato proprio di fronte al Salone dell’Automobile, il Monumento ai Marinai costituito dal sommergibile “Provana” varato nel 1918 e da più di 80 anni nella sede torinese; la corona d’alloro arriverà a remi sul Po, il maestoso Monumento all’Artiglieria di Ponte Umberto I°.

Domenica si sono radunati i Medaglieri Nazionali della Associazioni in rappresentanza delle migliaia di uomini e donne che si riconoscono in una storia comune di servizio, i loro Labari e Bandiere sezionali in rappresentanza del loro radicamento sul territorio e migliaia di soldati di ieri e di oggi per l’ultima sfilata militare del 150° in Torino.
Le attività sono iniziate in Via Roma, confluenza con piazza Carlo Felice, con gli onori ai medaglieri Nazionali per la parata di tutte le rappresentanze delle Associazioni per portarsi in Piazza San Carlo con l’accompagnamento delle bande e fanfare.

Il raduno si è concluso con la cerimonia dell’ammainabandiera in Piazza Castello.

Taggato con:
Mar 05



Dal 6 al 28 marzo – la mostra Il secolo con le ali racconterà anche il forte legame del mondo dell’aviazione italiana con il territorio piemontese.
Allestita lo scorso anno a Roma, in occasione delle celebrazioni sui cento anni del volo militare in Italia, la mostra dell’Aeronautica militare fa tappa nella capitale subalpina, all’interno del Padiglione G. Agnelli di Torino Esposizioni (sede temporanea del Museo nazionale dell’Automobile ‘Carlo Biscaretti di Ruffia’) in corso Massimo d’Azeglio, 15, sarà aperta gratuitamente al pubblico.
Sabato 6 marzo alle ore 11, la Fanfara della 1^ Regione Aerea accoglierà il comandante della 1a Regione Aerea di Milano, generale di Squadra aerea Nello Barale, le autorità civili, religiose e militari del capoluogo piemontese le autorità che ufficialmente apriranno la mostra.
L’esposizione, curata dal Museo storico dell’Aeronautica militare di Vigna di Valle (Roma), è stata realizzata grazie al patrocinio del Comune di Torino e alla partecipazione di Esercito italiano, Marina militare, Fiat Group, Alenia Aeronautica e Avio spa, nonché con il supporto del Museo nazionale dell’Automobile Carlo Biscaretti di Ruffia.
Gli appassionati del volo, quelli per cui il pilota Antoine de Saint-Exupery è il mito per antonomasia, potranno ammirare una serie di velivoli che ben rappresentano la storia dell’aviazione; tra questi, il biposto da addestramento SVA9 di proprietà Alenia Aeronautica, il Bleriot e la replica del MC205V del Museo Storico A.M.; dall’Aeroporto di Cameri (Novara), altra storica scuola di volo dei primi del novecento, oggi importante base manutentiva dell’Aeronautica militare, arriveranno invece la Gabarda (monoplano costruito dall’ingegnere aeronautico torinese Giuseppe Gabardini), primo aereo nella storia ad attraversare le Alpi con un passeggero a bordo, il 27 luglio del 1914, e il G-91 (caccia addestratore a reazione che nel passato ha equipaggiato anche le Frecce Tricolori). Sempre da Cameri, il 1° Reparto manutenzione velivoli curerà l’esposizione del velivolo Tornado, protagonista degli anni più recenti della storia dell’Aeronautica militare.
Il 2°deposito centrale di Gallarate (Va) porterà il cockpit dell’F-104, il mitico starfighter che per oltre quarant’anni ha difeso lo spazio aereo italiano.
Dalla stessa Torino parteciperanno anche l’Aero Club con un aliante della propria Scuola di Volo a Vela, l’Itis Grassi con alcuni motori storici, nonché la locale sezione dell’associazione Arma aeronautica con un deltaplano a motore con livrea delle Frecce Tricolori.
In sintesi la mostra racconta una storia che va dai voli dei primi dirigibili fino all’aviazione militare di oggi. In una sorta di volo virtuale, accanto ai velivoli, ci sono gli uomini, i protagonisti di imprese memorabili. Dalle fotografie, dai quadri e dai documenti affiorano, ad esempio, le vite di Antonio Locatelli, Arturo Ferrarin, Francesco De Pinedo, Italo Balbo e Umberto Nobile.
La conquista della “terza dimensione”, avvenuta in modo così travolgente il secolo scorso, ha cambiato in pochi anni la vita dell’uomo, condizionando in modo dirompente molti aspetti delle relazioni e della convivenza sociale e divenendo parte integrante di quella rivoluzione culturale e tecnologica che ha caratterizzato il ‘900, il secolo con le ali appunto.

La mostra sarà aperta dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 17 (il sabato fino alle 20).
L’ingresso è libero.

Fonte: TorinoClick

Taggato con: