preload
feb 17


Avvalersi per almeno un giorno dei vantaggi del lavoro a distanza grazie alle nuove tecnologie. Toccare con mano i benefici dello smart working. Otto ore per vedere l’effetto che fa e, contemporaneamente, affrontare due temi di grande attualità: la conciliazione vita-lavoro e la mobilità sostenibile. Questi gli obiettivi della “Giornata del Lavoro Agile”.
L’iniziativa è stata riproposta per il terzo anno consecutivo dal Comune di Milano confortato dai dati delle precedenti edizioni. Numeri dai quali è emerso che i dipendenti delle circa 150 realtà aderenti hanno potuto risparmiare approssimativamente due ore in un giorno, sottratte agli spostamenti. Invece di passarle in macchina o sui mezzi di trasporto, sono state reinvestite per sé, per la propria famiglia e per il tempo libero. E anche in lavoro aggiuntivo, fatto in maniera più personalizzata e rispettando i propri tempi. In questo modo, inoltre, si è evitato di percorrere circa 150mila Km nel 2014 e circa 170mila Km nel 2015, il che vuol dire meno mezzi a motore, con notevoli vantaggi anche per l’ambiente.
Un evento che ormai ha contagiato tutta l’Italia e a cui la Città aderisce da sempre con entusiasmo. Quest’anno però l’amministrazione torinese, oltre a partecipare alla consueta sperimentazione, ha anche organizzato un convegno “Telelavoro e Smart Working nella Pubblica Amministrazione” volto principalmente ad approfondire le innovazioni introdotte dalla riforma Madia, ma non solo.
Il workshop, che si è svolto mercoledì 17 febbraio nella sala Bobbio dell’ex Curia Maxima, è stato anche l’occasione per valutare progetti, esperimenti e best practice; analizzare i dati presentati dall’Osservatorio Smart Working di Milano; collegarsi in video conferenza con Amsterdam per conoscere la realtà olandese; valutare l’esperienza del Comune di Torino.
A tal proposito sono risultate interessanti le conclusioni cui è giunto Claudio Marciano dell’Università La Sapienza di Roma. Incaricato dal Comune di Torino di svolgere un approfondimento sui suoi telelavoratori Marciano, dopo averli intervistati uno a uno, ha segnalato due fenomeni.
Da un lato quello che lui definisce “Effetto Stachanov”, ovvero la tendenza a lavorare più del dovuto quasi per dimostrare di meritarsi la maggiore autonomia. Non è un caso se molti telelavoratori hanno scelto autonomamente di tenere diari in cui annotare le ore di lavoro e le attività svolte. Questo effetto, secondo il ricercatore, è determinato dall’autopercezione di una maggior produttività; dal timore del giudizio di colleghi e responsabili; dalla difficoltà di uscire da un sistema interiorizzato; dalla consapevolezza di poter svolgere le proprie mansioni in tempi inferiori. Dall’altro, invece, si ha “l’Effetto Mulino Bianco”, ovvero il rischio che lavorando da casa si venga risucchiati dal doppio lavoro: quello per l’amministrazione e quello per la cura. Effetto definito da più fattori quali: la consapevolezza di poter investire di più nella cura della famiglia, le maggiori aspettative da parte dei familiari, l’attesa inferiore nei confronti della carriera e, infine, la considerazione del telelavoro come risorsa provvisoria.
Un giornata di lavoro intensa che si è conclusa con la presentazione da parte di alcuni telelavoratori municipali delle migliori proposte per rendere il lavoro più smart.

Maggiori informazioni sul Focus di TorinoClick

Taggato con:
mar 16


Altissima affluenza al Palasport Olimpico di Torino dove il 16 e il 17 marzo si tiene IOLAVORO, la manifestazione per favorire l’incontro tra chi offre lavoro e chi è alla ricerca di un impiego nei settori Turistico-Alberghiero-Ristorazione-Benessere, della Grande Distribuzione Organizzata e delCommercio.
IOLAVORO H è invece il servizio specialistico che permette alle aziende di selezionare personale appartenente alle categorie protette avvalendosi anche del supporto del Servizio Inserimento Mirato Disabili del Centro per l’Impiego di Torino. Durante la manifestazione l’Associazione Italiana Paralisi Spastica attiverà inoltre un servizio di consulenza rivolto ai candidati, per aiutarli nella redazione del curriculum e nell’orientamento. Maggiori informazioni sul sito di IOLAVORO e nel comunicato stampa di IOLAVORO H(.pdf – 461 Kb).
I partecipanti alla manifestazione potranno usufruire di uno sconto sulle tariffe dei mezzi pubblici. Per acquistare i biglietti è necessario essersi iscritti on line ad IoLavoro e presentarsi all’Ufficio Servizi Turistici di GTT nell’atrio della stazione di Porta Nuova (lato via Sacchi). Maggiori informazioni nel comunicato stampa dedicato.

Taggato con:
ott 14


Migliaia di opportunità di lavoro in Italia e all’estero, un’area per i lavoratori diversamente abili, una sezione per il B2B, una giornata interamente dedicata all’imprenditorialità giovanile: sono alcune delle novità dell’undicesima edizione di “IoLavoro”, la più grande job fair italiana del settore turistico alberghiero ristorazione e benessere, in programma oggi e domani 15 ottobre al Palasport Olimpico di Torino.
Sono veramente tante le possibilità di lavoro che saranno proposte dalle aziende italiane e europee nel corso della manifestazione. Cuochi, camerieri, pizzaioli, barman, pasticceri, receptionist, animatori turistici, fotografi, istruttori sportivi, parrucchieri, estetiste: sono solo alcuni esempi dell’ampia gamma di figure professionali richieste dalle aziende durante il salone.
Il tema dell’imprenditorialità giovanile sarà al centro dell’attenzione della giornata di domani, sabato 15, con un ricco programma di workshop organizzato nell’ambito dell’iniziativa dell’Unione Europea “Youth@Work-Linking young people and business”, che si pone l’obiettivo di aiutare i giovani a fare impresa. Tra gli argomenti trattati spiccano la realizzazione del business plan, le agevolazioni fiscali, i finanziamenti e i programmi dell’UE per favorire l’imprenditorialità. È prevista la partecipazione di numerosi testimonial.
“Credo che IoLavoro – ha spiegato il vicesindaco Tom Dealessandri – possa definirsi ormai come uno degli appuntamenti più significativi per lo sviluppo economico del settore turistico, alberghiero e del benessere nell’area torinese. Una delle condizioni essenziali per tale crescita è data, infatti, dalla capacità di offrire servizi adeguati alle esigenze delle imprese e delle persone. La manifestazione è l’occasione di incontrarsi direttamente, e presenta in modo nuovo i servizi di consulenza e mediazione esistenti sul mercato del lavoro. È una doppia possibilità, per i lavoratori di trovare opportunità d’impiego, per le aziende di crescere stabilmente”.
L’assessore al Commercio GiulianaTedesco, intervenendo all’inaugurazione, ha dichiarato: “La Città è orgogliosa di promuovere “IoLavoro”, che è diventata negli anni un punto di riferimento per i giovani in cerca di lavoro e anche occasione per dare risposte in questo momento di crisi. Credo sia giusto estendere questa iniziativa anche ad altri settori”.
Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito www.iolavoro.org .

Taggato con: