preload
Dec 05


Le biciclette del bike sharing free floating, una volta utilizzate, non potranno essere parcheggiate senza regole. Le due ruote dovranno essere lasciate, ordinate in aree dedicate oppure, se al di fuori di esse, non essere d’intralcio ai pedoni e, più in generale a chi si muove in città, così come stabiliscono le norme del Codice della Strada.

La Giunta Comunale, con una delibera approvata questa mattina, su proposta di Maria Lapietra, assessora alla viabilità e ai trasporti, ha stabilito le linee di indirizzo alle quali il Comune dovrà attenersi nella stesura dell’avviso pubblico per individuare gli operatori che nei prossimi 12 mesi gestiranno a titolo sperimentale il servizio free floating di biciclette condivise.

Le aziende selezionate faranno parte, insieme con i rappresentanti della Città, di un Tavolo tecnico che monitorerà e analizzerà il servizio, valutando le azioni idonee al suo miglioramento e, nel caso, al superamento di eventuali criticità.

È inoltre previsto che i gestori del free floating – che potranno mettere in circolazione ciascuno fino a un massimo di 5mila biciclette –  realizzino investimenti per un valore parametrato a 20 euro per ciascun mezzo della propria flotta. Si tratta della fornitura e la posa di archi portabici, di campagne di comunicazione o di piccoli lavori sulle piste ciclabili.

“La crescita degli spostamenti con mezzi ecosostenibili, a piedi e con il trasporto pubblico è un’opportunità importante per ridurre il traffico e lo smog: andare in bicicletta fa bene all’ambiente e alla salute –  ha commentato l’assessora ai Trasporti e alla Viabilità Maria Lapietra –. “La sperimentazione sul free floating ci offrirà la possibilità di studiare flussi e itinerari dei ciclisti, dati utili anche per miglioramento della sicurezza e nell’implementazione di percorsi dedicati”.

[Fonte: TorinoClick]

Taggato con:
May 26


La XVIII tappa del Giro d’Italia è partita questa mattina alle 11.10 da Muggiò il paese che, con i suoi 23.421 abitanti, dal 2009 ha cambiato provincia passando da quella di Milano alla neo provincia di Monza e della Brianza (MB). La cittadina lombarda ha dato i natali alla schermitrice olimpionica Arianna Errigo e al velocista Giacomo Nizzolo, Maglia Rossa al Giro d’Italia 2015.
Per i primi 170 chilometri la carovana rosa ha attraversato tutta la pianura Padana nord-occidentale da Milano e ha raggiunto Torino poco prima delle 14.30, lungo strade prevalentemente rettilinee e dalla carreggiata ampia.
All’arrivo a Torino sfilano 24 corridori fuggitivi con 11 minuti di vantaggio sul gruppo.
Dopo aver attraversato tutta la città, la carovana del Giro d’Italia ha infine lasciato la città, proseguendo verso la conclusione della tappa a Pinerolo.
Gli atleti faranno ritorno a Torino domenica 29 nella tappa conclusiva del Giro.

Taggato con:
Nov 08


La pista ciclabile del quartiere E27/E29 è stata completata ed è stata inaugurata dall’assessore all’Innovazione e all’Ambiente Enzo Lavolta presso la passerella ciclopedonale della Pellerina. La pista permette di completare il collegamento ciclabile tra il Parco della Pellerina e il Parco delle Vallette, mettendo in sicurezza tutto il tracciato. La pista bidirezionale – larga 2,5 metri – permette inoltre di completare il collegamento Venaria-Stupinigi attraverso il Parco Ruffini. Un primo tratto congiunge via Pianezza con il Parco della Pellerina; un altro percorso si dirama da questo per connettersi con il parco delle Vallette e da qui la Reggia di Venaria. La lunghezza totale del nuovo percorso è di 1400 metri, che si aggiungono ai 300 già esistenti. La segnaletica orizzontale e verticale è stata applicata sulla base delle norme del Codice della Strada, a cui si è aggiunta una segnaletica verticale che sperimenta le proposte inserite nel Biciplan della Città di Torino. La sperimentazione della nuova segnaletica permetterà di valutarne l’efficacia e di fornire importanti suggerimenti, attuando le linee guida del Biciplan in vista della sua applicazione su tutto il sistema ciclabile urbano. Il costo per l’amministrazione dei nuovi lavori è di 244mila euro. I tecnici del servizio Grandi opere del verde hanno inoltre realizzato un’area cani nell’area vicina all’imbocco della passerella per la Pellerina, vista l’elevata presenza di possessori di animali possibili fruitori del servizio. L’area è recintata con rete metallica plastificata alta circa 1,80 metri ed è suddivisa in due zone di circa mq 500 e mq. 1000, a disposizione rispettivamente di cani di taglia piccola e di cani di taglia grande. Il costo di quest’opera è di 30mila euro. Le due zone sono accessibili attraverso due cancelli pedonali e la rete che le divide è oscurata con teli ombreggianti per impedire la vista diretta tra i due settori. L’area è dotata di zone di sosta con panchine e cestini per ogni settore, di una bacheca in legno di utilizzo comune per scambio di segnalazioni e informazioni. Alcuni nuovi alberi offrono un po’ di ombra nelle zone più esposte al sole. Con questa area cani il numero complessivo delle aree presenti in città sale a 45.

Taggato con: