preload
Apr 22


Costruiti su decisione di Vittorio Amedeo II tra il 1717 ed il 1728, per ospitare le truppe di fanteria, gli edifici di San Celso e San Daniele hanno svolto la loro funzione originaria di acquartieramento per quasi duecento anni, divenendo nel corso del tempo anche astanteria militare. Nel XX secolo i Quartieri Militari hanno goduto di fortune alterne: hanno dato riparo alle famiglie più sfortunate colpite dalla Grande Guerra e le loro stanze hanno ospitato sportelli comunali. E poi via via hanno acquisito la fisionomia di un centro di riflessione sugli anni più bui del Secolo breve, nella definizione più autentica dello storico Eric Hobsbawm, con l’apertura del Museo Diffuso della Resistenza. Embrione di quella destinazione finale che oggi raccoglie ben dodici enti culturali con la denominazione comune di Polo del Novecento.

http://www.torinoclick.it/wp-includes/js/tinymce/plugins/wordpress/img/trans.gifPer i due palazzi settecenteschi disegnati da Filippo Juvarra che si affacciano su via del Carmine la data decisiva dell’inaugurazione, alla presenza del presidente della repubblica Oscar Luigi Scalfaro il 30 maggio del 2003, ha segnato in maniera determinante il futuro che si è tradotto negli anni a venire in una vocazione bene definita. Quella di assolvere al compito di accogliere la storia attraverso gli istituti storici e restituire una visione del futuro alle giovani generazioni e ai torinesi. Sul finire degli anni Novanta, emerse dalle associazioni partigiane la volontà di raccogliere le stestimonianze della Seconda Guerra Mondiale e delle sue conseguenze, la Resistenza e la Deportazione. Fu quindi avviato uno studio di fattibilità. Nello stesso periodo avevano preso il via i lavori di ristrutturazione del Palazzo di San Celso, che il Comune aveva destinato a nuova sede per l’Istituto Piemontese per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea e l’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza.

Progettato e sostenuto dalla Compagnia di San Paolo, dal Comune e dalla Regione Piemonte, il Polo sarà uno spazio costantemente animato per diffondere i valori di cittadinanza e di democrazia, grazie alle esposizioni temporanee, a eventi, mostre permanenti nelle sale studio e aule didattiche e a una biblioteca aperta alla consultazione e al prestito.

Ad aprire non solo idealmente le porte alla cittadinanza e agli studiosi sono intervenuti oggi le autorità cittadine e, nel ruolo di ‘padrone di casa’, il presidente della Fondazione Polo del ‘900, il professor Sergio Soave.

Si tratta di una istituzione, che vede tra i soci fondatori Città di Torino, Regione Piemonte e Compagnia di San Paolo e gli enti culturali partner e risponde allo schema giuridico della fondazione di partecipazione. La Fondazione oltre a occuparsi della gestione degli immobili dei Quartieri Militari Juvarriani – i Palazzi San Celso e San Daniele – coordinerà funzioni e spazi pubblici e svilupperà progettazioni integrate.

L’inaugurazione di oggi giunge al termine di una riqualificazione che esalta l’identità dei Quartieri Militari juvarriani. Infatti tornano a vivere dopo un lungo oblio con un programma dedicato, forte di una squadra di lavoro che opera in una logica di start up. L’ambizione è quella di un’offerta culturale di livello aperta ai giovani, agli studiosi, alle famiglie. Gli argomenti contenuti nel patrimonio documentale conservato  al Centro culturale sono di assoluta attualità: migrazioni, guerra, terrorismi, democrazia, diritti e doveri, emancipazione, Europa, globalizzazione, lavoro, mafie.

Il Polo del ‘900 svolgerà alcune tra le sue attività nei due palazzi storici di San Celso e San Daniele.

Il primo è stato restaurato e aperto al pubblico nel 2003, è già sede del Museo Diffuso della Resistenza, della Guerra, della Deportazione, dei Diritti e della Libertà, dell’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza, dell’Istituto Piemontese per la storia della Resistenza e della Società contemporanea “Giorgio Agosti” e del Centro Internazionale di Studi Primo Levi.  A San Celso si trovano anche due sale conferenze, di cui una adibita anche a proiezioni, e troveranno sede gli uffici della neonata Fondazione Polo del ‘900 e dell’ANVGD – l’associazione nazionale Venezia Giulia Dalmazia.

Palazzo San Daniele, è stato oggetto di una profonda ristrutturazione funzionale grazie a un investimento di 5 milioni di euro da parte della Compagnia di San Paolo. Ospita gli uffici di otto enti culturali partner (l’Istituto per la Memoria e la Cultura del Lavoro, dell’Impresa e dei Diritti Sociali, la Fondazione Istituto Piemontese Antonio Gramsci, la Fondazione Vera Nocentini, l’Istituto di studi storici Gaetano Salvemini, il Centro Studi Piero Gobetti, la Fondazione Carlo Donat-Cattin, l’Unione Culturale Franco Antonicelli e l’Organizzazione Rete Italiana Cultura Popolare)  e sei associazioni partigiane (l’ANCR- Associazione nazionale combattenti e reduci, l’ANED – associazione nazionale ex deportati nei campi Nazisti, l’ANPI – associazione nazionale partigiani d’Italia, l’ANPPIA – associazione nazionale perseguitati politici italiani antifascisti, l’AVL – associazione volontari libertà del Piemonte e la FIAP – federazione italiana associazioni partigiane).

Durante la progettazione è stata dedicata particolare attenzione ai più piccoli. Mappe tattili, presentazioni nel linguaggio dei segni; fasciatoi, scaldabiberon e la disponibilità di passeggini rendono l’esperienza al Polo adatta a tutta la famiglia.

All’ingresso di Palazzo San Daniele si è accolti nel Salotto del ‘900, uno spazio pubblico nel quale si possono consultare le pubblicazioni sulla storia del ‘900, ma anche portarsi un buon libro da leggere o fare conversazione con altri avventori; uno spazio nel quale gli arredi sono stati disegnati su misura, con costanti rimandi formali al secolo scorso, interpretati in chiave contemporanea. Il resto del piano terra si adatta ai diversi usi previsti, come reading, conferenze, spettacoli teatrali, meeting e mostre temporanee, grazie a un sistema di scorrevoli e di allestimenti su misura mobili, su ruote, e completamente smontabili. Al primo piano trovano luogo la biblioteca e la sale di lettura con sessanta postazioni. L’interrato, Sala Voltoni, nella bella cornice degli spazi originari juvarriani, è immaginato per piccoli eventi.

In tutti gli spazi pubblici vi è la connessione wi-fi.

La biblioteca del Polo

Al San Celso è stata allestita una sala lettura con una emeroteca specializzata in antifascismo e Resistenza e una sala per la consultazione del materiale audiovisivo. Al San Daniele si è accolti nel Salotto del ‘900; al primo piano una grande sala lettura propone a scaffale aperto alcuni temi selezionati dalle raccolte di tutte le biblioteche del Polo: Democrazia, Europa, Globalizzazione, Guerre, Impresa, Lavoro, Mafie, Migrazioni, Pace, Terrorismi sono solo alcuni esempi di ciò che mettiamo a disposizione, non solo in forma di libro, ma anche di periodici – 350 periodici correnti e 17.000 storici – materiale digitalizzato, film e prodotti multimediali.

E’ possibile, passeggiando tra gli scaffali della biblioteca o navigando sui cataloghi online, cercare i libri per prenderli in prestito, accedere alle decine di migliaia di fotografie e manifesti digitalizzati, consultare le carte dei nostri archivi per fare ricerca, preparare la vostra tesi di laurea e di dottorato.

Il Polo per sfogliare la Storia

Con il portale, si apre un mondo multimediale. Per esplorare la storia del ‘900 basterà voltare le pagine virtuali del suo archivio. Attraverso i documenti, le memorie audio, i video, le fotografie, le stampe, i manifesti, gli alberi d’inventario saranno i protagonisti della storia a mostrarsi al pubblico, uscendo dagli scaffali e incontrando i cittadini grazie a un’esperienza di fruizione innovativa e interattiva.

Taggato con:
Apr 17


Un luogo aperto e polifunzionale riservato al confronto e alla riflessione sui temi più alti dell’Esposizione Universale, con una specialissima attenzione dedicata al mondo dei bambini e alla didattica. Questa in estrema sintesi la missione di ‘Agorà a Torino’ di Expo Milano 2015, la struttura versatile ed elegante opera dell’architetto Michele de Lucchi, inaugurata oggi in Piazza Castello dal Sindaco Piero Fassino, insieme al Direttore Generale della Divisione Sales & Entertainment di Expo 2015 S.p.A., Piero Galli e Luca Remmert, Presidente della Compagnia di San Paolo.
Agorà a Torino accoglierà sino al 31 ottobre, data di chiusura di Expo Milano 2015, le attività per le scuole svolte dalle tante realtà eccellenti della didattica che esistono sul territorio, esse daranno vita ad un palinsesto unico di laboratori gratuiti.
Alcune delle attività per i bambini sono proposte alle famiglie direttamente da Expo Milano 2015 durante i weekend con il progetto Childrenshare.
In ultimo, ma non per ultimo, sarà un punto di riferimento per informazioni e suggerimenti sugli eventi torinesi e milanesi, in collaborazione con Turismo Torino.
“Expo è un grande appuntamento per discutere di come ci si attrezza per rispondere alla necessità di garantire cibo a tutti e di qualità – ha detto il Sindaco di Torino, Piero Fassino -. Per il nostro Paese è anche l’occasione di mettere in atto sinergie tra le città e le eccellenze italiane, dalle quali probabilmente dipenderà una buona parte del successo dell’Expo. L’unità di intenti tra Expo 2015 e Torino è un segnale positivo che va in questa direzione e Agorà a Torino è il simbolo concreto di questa proficua collaborazione”.
Il Direttore Generale della Divisione Sales & Entertainment di Expo 2015 S.p.A. Piero Galli ha dichiarato: “Siamo particolarmente felici che la Città di Torino si sia resa disponibile ad ospitare l’Agorà di Expo Milano 2015, grazie al sostegno di Compagnia di San Paolo. All’interno di ’Agorà a Torino’ i bambini – i cittadini del futuro -, cui il progetto dell’Esposizione Universale ha sempre mostrato grande attenzione, potranno trovare un ricco palinsesto di attività e laboratori a loro dedicati. E’ anche attraverso queste iniziative che l’Esposizione Universale dimostra di essere una grande occasione di confronto attorno al tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”.
Il progetto, realizzato in collaborazione con la Compagnia di San Paolo, è il risultato del fitto scambio di collaborazione e di comune progettazione degli eventi dedicati all’Esposizione Universale tra la Città di Torino ed Expo Milano 2015.
“La Compagnia risponde volentieri all’appello della città con un apporto progettuale e operativo, ancor prima che economico, grazie al lavoro del nostro Consorzio Xké ZeroTredici, che ha seguito il progetto Agorà fin dagli albori e che, con la sua esperienza e competenza nella didattica e divulgazione scientifica, lo renderà un luogo aperto alla curiosità intelligente dei bambini, dei ragazzi e della città – ha sottolineato Luca Remmert, Presidente della Compagnia di San Paolo -. Fin dall’anno scorso la Compagnia di San Paolo ha avviato iniziative di divulgazione scientifica di alto livello sulle tematiche di EXPO 2015, in particolare sull’alimentazione e la sicurezza alimentare a partire dall’attività di eccellenza svolta dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta e dagli atenei piemontesi”.
Per concorrere al palinsesto di Agorà si può scrivere ad agoratorino2015@gmail.com
Per informazioni e prenotazioni (non solo per le scuole) tel. 011 4322852.

Taggato con:
Oct 05


Inaugurati in via Cecchi 17 i nuovi spazi del Cecchi Point, l’Hub Multiculturale nato dalla collaborazione e dal contributo di Comune di Torino, Fondazione Vodafone Italia, Fondazione UMANA MENTE (Gruppo Allianz), Compagnia di San Paolo e con la gestione operativa dell’associazione Il Campanile ONLUS. Al progetto ha collaborato attivamente la Circoscrizione 7 facilitando le relazioni tra gli attori sociali del territorio coinvolti.
Il centro si pone l’obiettivo di rappresentare un crocevia di persone e di opportunità in cui dare vita a nuove esperienze e far emergere nuove idee attraverso l’offerta di un calendario di eventi culturali vasto e articolato e l’organizzazione di laboratori e corsi aperti a tutti. Il focus principale è l’incrocio tra contrasto del disagio e protagonismo giovanile, ma il Cecchi Point si offre anche come spazio di incontro e di fruizione di musica e spettacoli, dotato di un locale ristorante che sarà attivo da metà ottobre.

L’hub è il prodotto di un percorso di analisi e di ricerca sulle Periferie Italiane mosso dalle fondazioni UMANA MENTE e Vodafone Italia insieme all’Irs (Istituto di Ricerca Sociale di Milano). Il 5 maggio 2009 la Città di Torino e le Fondazioni Vodafone Italia e Umana Mente firmavano un protocollo d’intesa che istituiva anche appositi tavoli di indirizzo, controllo e governo progettuali (una “Cabina di Pilotaggio” e un “Tavolo operativo”) e individuava una governance del processo e progettuale condivisa tra i firmatari del protocollo. L’associazione Il Campanile è il referente organizzativo degli spazi di via Cecchi. Qui agiranno anche i settori dell’Amministrazione comunale, con propri progetti e in sostegno alle associazioni, e sarà garantito il raccordo con altri progetti esistenti nel quartiere.

“Si tratta di una grande opportunità di rilancio di un territorio, dove all’azione di governo della Città si affianca l’apporto strutturale e gestionale dato dall’associazionismo che su quel territorio gravita e che trova nell’Hub multiculturale una nuova dimensione d’azione – sostengono il vicesindaco Tom Dealessandri e l’assessore Ilda Curti -. Per la Città di Torino l’hub di via Cecchi è un polo culturale efficace e uno strumento per sperimentare nuove forme di partecipazione e di sostegno al disagio; Cecchi Point è un modello di gestione innovativo basato sull’autonomia di sviluppo, grazie all’apporto, economico e progettuale, delle fondazioni private”.
L’Hub è un incubatore di interventi che fa riferimento a tre filoni progettuali: Spazi Educativi: attività educative e volte alla prevenzione/contrasto al disagio e all’integrazione sociale di minori italiani e stranieri sul territorio, indirizzati dalle scuole o segnalati dai servizi recupero di minori in drop-out scolastico, laboratori innovativi, percorsi educativi individualizzati e centri diurni; Spazi del Protagonismo: proposte culturali, eventi, iniziative rivolte alla città e basate sulla promozione del protagonismo dei giovani e delle associazioni multi-culturali; Spazi Atelier: aperti all’associazionismo degli immigrati e alle organizzazioni socio-culturali in genere.

“Per la Fondazione Vodafone Italia è motivo di estrema soddisfazione essere qui per partecipare a un’altra importante fase del progetto Hub Culturale, afferma Antonio Bernardi presidente della Fondazione Vodafone Italia. L’impegno per le periferie urbane, aree disagiate presenti anche nelle principali metropoli del Paese, è un punto strategico della nostra Fondazione. In questo ambito abbiamo finanziato a livello nazionale 43 progetti, investendo 7,5 milioni di euro. Il progetto di Hub Culturale a Torino è uno dei più importanti sul territorio, per il circolo virtuoso che ha saputo attivare. Continueremo ad investire a Torino – continua Bernardi – un territorio dove abbiamo 15 progetti attivi”.
“Le collaborazioni con Fondazione Vodafone Italia e Compagnia di San Paolo, nate per la realizzazione dell’Hub Multiculturale – afferma Nicola Corti, segretario generale di Fondazione UMANA MENTE del Gruppo Allianz – si basano sull’esperienza acquisita sia come realtà erogative che come attenti osservatori delle dinamiche della progettazione in ambito sociale. In questo Progetto il ruolo delle Fondazioni, in sinergia con il Comune di Torino, è stato quello di ridare un Luogo da vivere al quartiere di Porta Palazzo e al contempo ha permesso lo sviluppo delle capacità operative degli enti del terzo settore presenti sul territorio, così da aiutarli ad aumentare la loro efficienza ed efficacia nelle sfide da affrontare: a testimonianza di questo la bella storia dell’associazione Il Campanile, capofila del Progetto, ne è la testimonianza concreta.”

“Con il sostegno al progetto dell’Hub multiculturale”- ha affermato Angelo Benessia, presidente della Compagnia di San Paolo – “la nostra fondazione contribuisce non solo a riqualificare e a restituire alla collettività un pezzo importante di città ma anche a rafforzare la capacità dei giovani di essere protagonisti in una società sempre più multiculturale”.
“La nascita di un centro polifunzionale come il Cecchi Point nel quartiere Aurora è un fatto moto positivo perché è posto al centro di un’area tra le più problematiche della città, con un tessuto sociale debole e bisognoso di rinforzi – spiega il presidente della Circoscrizione 7, Emanuele Durante -. La presenza di questa struttura d’eccellenza sosterrà un rilancio di tutta la zona alle spalle di Borgo Dora, grazie alle molte iniziative rivolte a tutti i cittadini e in particolare ai giovani, cui mancava un luogo d’incontro dove potersi esprimere in modo creativo e dove costruire progetti per il futuro”.

“Il completamento della ristrutturazione rappresenta per l’Associazione un motivo d’orgoglio, non solo per ciò che si è costruito, ma soprattutto per le persone che, con il proprio investimento ed energie, hanno fatto sì che questo potesse avvenire – ha sostenuto Davide Paglia, presidente associazione Il Campanile Onlus -. Il lavoro si concretizzerà attraverso l’ideazione e l’attivazione di proposte educative, formative e creative, contribuendo a favorire dinamiche interculturali, di integrazione e d’incontro, sostenendo e potenziando un luogo dove già ora si incontrano persone di età diverse, culture ed estrazioni sociali differenti”.

Taggato con: