preload
Apr 22


Costruiti su decisione di Vittorio Amedeo II tra il 1717 ed il 1728, per ospitare le truppe di fanteria, gli edifici di San Celso e San Daniele hanno svolto la loro funzione originaria di acquartieramento per quasi duecento anni, divenendo nel corso del tempo anche astanteria militare. Nel XX secolo i Quartieri Militari hanno goduto di fortune alterne: hanno dato riparo alle famiglie più sfortunate colpite dalla Grande Guerra e le loro stanze hanno ospitato sportelli comunali. E poi via via hanno acquisito la fisionomia di un centro di riflessione sugli anni più bui del Secolo breve, nella definizione più autentica dello storico Eric Hobsbawm, con l’apertura del Museo Diffuso della Resistenza. Embrione di quella destinazione finale che oggi raccoglie ben dodici enti culturali con la denominazione comune di Polo del Novecento.

http://www.torinoclick.it/wp-includes/js/tinymce/plugins/wordpress/img/trans.gifPer i due palazzi settecenteschi disegnati da Filippo Juvarra che si affacciano su via del Carmine la data decisiva dell’inaugurazione, alla presenza del presidente della repubblica Oscar Luigi Scalfaro il 30 maggio del 2003, ha segnato in maniera determinante il futuro che si è tradotto negli anni a venire in una vocazione bene definita. Quella di assolvere al compito di accogliere la storia attraverso gli istituti storici e restituire una visione del futuro alle giovani generazioni e ai torinesi. Sul finire degli anni Novanta, emerse dalle associazioni partigiane la volontà di raccogliere le stestimonianze della Seconda Guerra Mondiale e delle sue conseguenze, la Resistenza e la Deportazione. Fu quindi avviato uno studio di fattibilità. Nello stesso periodo avevano preso il via i lavori di ristrutturazione del Palazzo di San Celso, che il Comune aveva destinato a nuova sede per l’Istituto Piemontese per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea e l’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza.

Progettato e sostenuto dalla Compagnia di San Paolo, dal Comune e dalla Regione Piemonte, il Polo sarà uno spazio costantemente animato per diffondere i valori di cittadinanza e di democrazia, grazie alle esposizioni temporanee, a eventi, mostre permanenti nelle sale studio e aule didattiche e a una biblioteca aperta alla consultazione e al prestito.

Ad aprire non solo idealmente le porte alla cittadinanza e agli studiosi sono intervenuti oggi le autorità cittadine e, nel ruolo di ‘padrone di casa’, il presidente della Fondazione Polo del ‘900, il professor Sergio Soave.

Si tratta di una istituzione, che vede tra i soci fondatori Città di Torino, Regione Piemonte e Compagnia di San Paolo e gli enti culturali partner e risponde allo schema giuridico della fondazione di partecipazione. La Fondazione oltre a occuparsi della gestione degli immobili dei Quartieri Militari Juvarriani – i Palazzi San Celso e San Daniele – coordinerà funzioni e spazi pubblici e svilupperà progettazioni integrate.

L’inaugurazione di oggi giunge al termine di una riqualificazione che esalta l’identità dei Quartieri Militari juvarriani. Infatti tornano a vivere dopo un lungo oblio con un programma dedicato, forte di una squadra di lavoro che opera in una logica di start up. L’ambizione è quella di un’offerta culturale di livello aperta ai giovani, agli studiosi, alle famiglie. Gli argomenti contenuti nel patrimonio documentale conservato  al Centro culturale sono di assoluta attualità: migrazioni, guerra, terrorismi, democrazia, diritti e doveri, emancipazione, Europa, globalizzazione, lavoro, mafie.

Il Polo del ‘900 svolgerà alcune tra le sue attività nei due palazzi storici di San Celso e San Daniele.

Il primo è stato restaurato e aperto al pubblico nel 2003, è già sede del Museo Diffuso della Resistenza, della Guerra, della Deportazione, dei Diritti e della Libertà, dell’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza, dell’Istituto Piemontese per la storia della Resistenza e della Società contemporanea “Giorgio Agosti” e del Centro Internazionale di Studi Primo Levi.  A San Celso si trovano anche due sale conferenze, di cui una adibita anche a proiezioni, e troveranno sede gli uffici della neonata Fondazione Polo del ‘900 e dell’ANVGD – l’associazione nazionale Venezia Giulia Dalmazia.

Palazzo San Daniele, è stato oggetto di una profonda ristrutturazione funzionale grazie a un investimento di 5 milioni di euro da parte della Compagnia di San Paolo. Ospita gli uffici di otto enti culturali partner (l’Istituto per la Memoria e la Cultura del Lavoro, dell’Impresa e dei Diritti Sociali, la Fondazione Istituto Piemontese Antonio Gramsci, la Fondazione Vera Nocentini, l’Istituto di studi storici Gaetano Salvemini, il Centro Studi Piero Gobetti, la Fondazione Carlo Donat-Cattin, l’Unione Culturale Franco Antonicelli e l’Organizzazione Rete Italiana Cultura Popolare)  e sei associazioni partigiane (l’ANCR- Associazione nazionale combattenti e reduci, l’ANED – associazione nazionale ex deportati nei campi Nazisti, l’ANPI – associazione nazionale partigiani d’Italia, l’ANPPIA – associazione nazionale perseguitati politici italiani antifascisti, l’AVL – associazione volontari libertà del Piemonte e la FIAP – federazione italiana associazioni partigiane).

Durante la progettazione è stata dedicata particolare attenzione ai più piccoli. Mappe tattili, presentazioni nel linguaggio dei segni; fasciatoi, scaldabiberon e la disponibilità di passeggini rendono l’esperienza al Polo adatta a tutta la famiglia.

All’ingresso di Palazzo San Daniele si è accolti nel Salotto del ‘900, uno spazio pubblico nel quale si possono consultare le pubblicazioni sulla storia del ‘900, ma anche portarsi un buon libro da leggere o fare conversazione con altri avventori; uno spazio nel quale gli arredi sono stati disegnati su misura, con costanti rimandi formali al secolo scorso, interpretati in chiave contemporanea. Il resto del piano terra si adatta ai diversi usi previsti, come reading, conferenze, spettacoli teatrali, meeting e mostre temporanee, grazie a un sistema di scorrevoli e di allestimenti su misura mobili, su ruote, e completamente smontabili. Al primo piano trovano luogo la biblioteca e la sale di lettura con sessanta postazioni. L’interrato, Sala Voltoni, nella bella cornice degli spazi originari juvarriani, è immaginato per piccoli eventi.

In tutti gli spazi pubblici vi è la connessione wi-fi.

La biblioteca del Polo

Al San Celso è stata allestita una sala lettura con una emeroteca specializzata in antifascismo e Resistenza e una sala per la consultazione del materiale audiovisivo. Al San Daniele si è accolti nel Salotto del ‘900; al primo piano una grande sala lettura propone a scaffale aperto alcuni temi selezionati dalle raccolte di tutte le biblioteche del Polo: Democrazia, Europa, Globalizzazione, Guerre, Impresa, Lavoro, Mafie, Migrazioni, Pace, Terrorismi sono solo alcuni esempi di ciò che mettiamo a disposizione, non solo in forma di libro, ma anche di periodici – 350 periodici correnti e 17.000 storici – materiale digitalizzato, film e prodotti multimediali.

E’ possibile, passeggiando tra gli scaffali della biblioteca o navigando sui cataloghi online, cercare i libri per prenderli in prestito, accedere alle decine di migliaia di fotografie e manifesti digitalizzati, consultare le carte dei nostri archivi per fare ricerca, preparare la vostra tesi di laurea e di dottorato.

Il Polo per sfogliare la Storia

Con il portale, si apre un mondo multimediale. Per esplorare la storia del ‘900 basterà voltare le pagine virtuali del suo archivio. Attraverso i documenti, le memorie audio, i video, le fotografie, le stampe, i manifesti, gli alberi d’inventario saranno i protagonisti della storia a mostrarsi al pubblico, uscendo dagli scaffali e incontrando i cittadini grazie a un’esperienza di fruizione innovativa e interattiva.

Taggato con:
Sep 22


Inaugurato il campus Luigi Einaudi, nuova sede delle Facoltà di Giurisprudenza e Scienze politiche.
A tagliare il nastro, insieme ai vertici dell’Università – Ezio Pelizzetti, Sergio Roda, Loredana Segreto, il Ministro dell’Istruzione Francesco Profumo e le autorità locali, il Sindaco Piero Fassino, il Presidente della Regione Piemonte Roberto Cota oltre al vice presidente del Csm Michele Vietti.

Maggiori informazioni nell’articolo del 19 settembre del fotoblog della città e nelle pagine dedicate nel sito dell’Università di Torino.

Taggato con:
Jun 21


Riapre la Biblioteca Civica Musicale Andrea Della Corte, completamente rinnovata, all’interno della settecentesca Villa Sartirana, Parco della Tesoriera.

La Banda musicale del Corpo di Polizia Municipale ha eseguito l’Inno Nazionale e successivamente l’Assessore alla Cultura Maurizio Braccialarghe insieme a Claudio Cerrato, Presidente della Circoscrizione 4 ha tagliato il nastro inaugurale. La cerimonia di inaugurazione sarebbe dovuta proseguire con un concerto della Banda musicale del Corpo di Polizia Municipale, esibizione che è stata purtroppo cancellata a causa del nubifragio che si è abbattuto su Torino.

Sono stati ripuliti affreschi e stucchi e si è operato sulla parte impiantistica. A completamento delle operazioni di arredo, la struttura dedicata al musicologo Andrea Della Corte – apre quindi definitivamente le porte a studiosi e appassionati, dopo il temporaneo trasloco delle collezioni in Barriera di Milano, presso il Centro Civico di corso Vercelli.

Accanto alle raccolte di musica classica e jazz, i torinesi potranno trovare nell’edificio proposte di lettura e di ascolto dedicate ad altri generi musicali. Inoltre, ai tradizionali servizi di prestito, consultazione e visione nell’area multimediale, si affianca la possibilità di utilizzare come studio virtuale per comporre, eseguire e registrare brani una nuova sala musica dotata di tecnologie all’avanguardia e di un pianoforte digitale.

Per celebrare l’avvenimento, un ricco calendario di concerti è in programma al Parco della Tesoriera:

Venerdì 22 giugno 2012

  • ore 18.00 – Villa Tesoriera
    In collaborazione con il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino
    Gianluca Guida, pianoforte
    Ludwig van Beethoven, Sonata in fa minore op. 57
    Allegro assai/Andante con moto/Allegro ma non troppo/Presto
    Fryderyk Chopin, Sonata in si minore op. 58
    Allegro maestoso/Scherzo: molto vivace/Largo/Finale. Presto non tanto. Agitato
  • ore 21.00 – Parco della Tesoriera
    Coro Cai Uget di Torino
    Giuseppe Varetto, direttore
    Entorno al foch [Arm. di A. B. Michelangeli]
    Serenata friulana [Arm. di G. Mazzari]
    La bela al molino [Arm. di A. B. Michelangeli]
    In ciel ‘e je une stele [Arm. di A. Mascagni]
    Amor fedel [Arm. di M. Allia]
    Passa parola [Arm. di G. Mazzari]
    Le carrozze [Arm. di R. Dionisi]
    Donne donne [Arm. di G. Mazzari]
    La lionota [Arm. di G. Varetto]
    Sui monti Scarpazi [Arm. di A. Pedrotti]
    Oi sonador [Arm. di M. Allia]
    Monte Canino [Arm. di L. Pigarelli]
    La ballata del conte (L’inglesa) [Arm. di A. Mascagni]
    La mia bela la mi aspeta [Arm. di A. B. Michelangeli]
    Valcialda [Arm. di M. Allia]
    Nineta [Arm. di M. Allia]

Sabato 23 giugno 2012

  • ore 15.30 – Parco della Tesoriera
    Intervento musicale dei
    Piccoli Cantori di Torino
    Carlo Pavese, direttore
    Gianfranco Montalto, pianoforte
  • ore 16.30 – Villa Tesoriera
    In collaborazione con il
    Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino
    Fabio Freisa, clarinetto
    Virginia Luca, viola
    Valentina Crisci, pianoforte
    Wolfgang Amadeus Mozart, Trio in mi bemolle maggiore K. 498 (dei birilli)
    Andante/Minuetto/Rondò/Allegretto
    Robert Schumann, Märchenerzählungen op. 132,
    quattro pezzi per clarinetto, viola e pianoforte
    Lebhaft, nicht zu schnell, in si bemolle maggiore
    Lebhaft und sehr markirt, in sol minore
    Ruhiges Tempo, mit zartem Ausdruck, in mi minore
    Lebhaft, sehr markirt. Etwas ruhigeres Tempo. Erstes Tempo, in si bemolle maggiore
  • ore 17.30 – Parco della Tesoriera
    Intervento musicale dei
    Piccoli Cantori di Torino
    Carlo Pavese, direttore
    Gianfranco Montalto, pianoforte
  • ore 18.30 – Villa Tesoriera
    In collaborazione con il
    Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino
    Gabriele Schiavi, violino
    Fabio Fausone, violoncello
    Stefano Musso, pianoforte
    Johannes Brahms, Trio in do minore op. 101
    Allegro energico/Presto non assai/Andante grazioso/
    Allegro molto
    Dmitrij Šostakovic, Trio in mi minore op. 67
    Andante/Allegro con brio/Largo/Allegretto
  • ore 21.00 – Villa Tesoriera
    Coro Gospel David
    Marcella Amoruso, direttore
    Rebirth
    Una selezione di brani di gospel contemporaneo da Richard Smallwood a Kirk Franklyn

Visite alla Villa
Visite accompagnate, della durata di circa un’ora, nei
saloni aulici della Villa Tesoriera:
22 giugno ore 10.00 e ore 11.30
23 giugno ore 10.00 e ore 11.30
Contatti: tel. ( 39) 011443 8350-51

Prezzo: tutti i concerti sono gratuiti.
Sarà possibile accedere al Salone della Villa Tesoriera a partire da mezz’ora prima dell’inizio dei concerti e fino a esaurimento dei posti a sedere.

Taggato con: