preload
Nov 12


This video was embedded using the YouTuber plugin by Roy Tanck. Adobe Flash Player is required to view the video.

Natale anticipato in piazza Solferino. Fino al 24 novembre 2013 la storica piazza di Torino, recentemente ristrutturata, si trasforma in un piccolo villaggio alsaziano: è il mercatino di Natale francese, iniziativa itinerante che nelle prossime settimane toccherà anche le città di Trieste e Bologna.

Gironzolando fra i caratteristici chalet di legno, immersi nel profumo di spezie e di lavanda, è possibile trovare prodotti di vario genere: candele natalizie, tovaglie, cuscini, ceramiche e saponi di provenienza francese. I veri protagonisti sono però gli stand enogastronomici: oltre ottanta i tipi di formaggi, un’ampia gamma di vini, dolci, biscotti bretoni, cioccolatini, oltre alle boulangerie e ai due punti dedicati alla degustazione di ostriche e champagne, tartiflette, bourguignon, cassoulet e altri piatti caldi.

Il mercatino sarà aperto tutti i giorni, dal 9 al 24 novembre, dalle 10.00 alle 19.30.

Taggato con:
Oct 22


This video was embedded using the YouTuber plugin by Roy Tanck. Adobe Flash Player is required to view the video.

Il Musée d’Orsay e il Musée de l’Orangerie di Parigi, che custodiscono la collezione più ricca al mondo dell’opera di Renoir, per quattro mesi si privano di sessanta capolavori dando vita a una straordinaria rassegna che testimonia i momenti più significativi del percorso pittorico dell’artista. La curatela della mostra è affidata a Sylvie Patry, Conservatore Capo presso il Musée d’Orsay, e a Riccardo Passoni, Vice Direttore della GAM di Torino.

L’esposizione si articola in nove sezioni: “L’età della Bohème” che presenta, oltre a ritratti di amici (Sisley, Bazille, Monet), uno dei primi nudi; “Des femmes passent dans la rue”(Proust), meravigliosa galleria di ritratti femminili tra cui Madame Darras, La liseuse, Giovane donna con veletta; “La recherche heureuse du côté moderne” (Zola) con l’inarrivabile La balançoire; “Le métier de paysagiste” (Renoir), con dieci opere dalla bellissima collezione di opere paesaggistiche del Museèe d’Orsay; “Infanzia”, con il celeberrimo ll clown (ritratto di Coco);”Le Jeunnes filles au piano” con il capolavoro omonimo; “Beau comme un tableau de fleurs” (Renoir)con i dipinti dei bouquet, magistrali nella tecnica e nei colori, uno dei temi dove l’artista sperimenta maggiormente; “Le nu, forme indispensable de l’art” (Renoir) con cinque tele che rappresentano opere fondamentali della carriera di Renoir; “L’eredità delle Bagnanti” dove campeggia l’omonimo dipinto, considerato il testamento pittorico dell’artista.

In mostra sono esposti anche gli strumenti di lavoro di Renoir: tavolozza, scatola di colori, pennelli, inseparabili attrezzi del grande maestro.

Per maggiori informazioni: www.mostrarenoir.it

Taggato con:
Feb 06


Nell’ambito di “Torino incontra” – il nuovo progetto che ogni anno darà la possibilità alla nostra città di accogliere e confrontarsi con la cultura, la creatività e l’arte di un paese straniero -, la Città di Torino rende omaggio quest’anno alla Francia dedicando un focus speciale alle eccellenze turistico–culturali che la caratterizzano. Il progetto intende attrarre a Torino molti turisti provenienti sia dall’Italia sia dall’Estero e offrire ai vicini francesi l’opportunità di osservare e scoprire il loro Paese da un nuovo “punto di vista”. All’interno del calendario di iniziative ed eventi promossi dalle rispettive istituzioni culturali, Torino e la Francia avranno la possibilità di intraprendere insieme “un viaggio entusiasmante per conoscersi meglio e per condividere insieme la ricchezza delle loro affinità e la bellezza delle differenze”.

Sono in programma – chi ha partecipato alla festa del Capodanno 2012 in piazza ha potuto gustarne un assaggio -, progetti culturali speciali relativi allo spettacolo dal vivo, al cinema, all’arte, alla letteratura al turismo e all’enogastronomia, realizzati dalla Città in collaborazione con le più prestigiose istituzioni culturali francesi. Il Teatro Regio, il Teatro Stabile, la Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani, i Festival delle Colline Torinesi, Teatro a Corte, Lingue in scena!, Torinodanza, Interplay, Jazz, MiTo Settembre Musica, e ancora Biennale Democrazia, il Museo Nazionale del Cinema, il Salone Internazionale del Libro di Torino e il Circolo dei Lettori sono solo alcune delle realtà culturali cittadine che inseriranno nel loro palinsesto alcuni focus sulla Francia il cui calendario sarà svelato volta per volta.

Nell’ambito dell’arte contemporanea e in particolare del progetto Luci d’Artista, la Città ha scelto, in omaggio al paese d’Oltralpe, di mantenere allestita per tutto l’anno l’opera ‘Tappeto volante’ del parigino Daniel Buren, una grande bandiera francese accesa nella piazza di fronte a Palazzo Civico.

Un sezione specifica, infine, è dedicata all’enogastronomia francese nel cuore di Torino. Il programma, suddiviso in sezioni, si trova nell’opuscolo promozionale distribuito in tutti i punti informativi della città ed è visibile online sui siti www.torinoplus.it e www.torinocultura.it. ‘Torino incontra la Francia’ è un progetto della Città di Torino realizzato con il sostegno di GL events Lingotto Fiere e SNCF (Société nationale des chemins de fer français). Partner del calendario è l’Alliance française de Turin che ha creato, in accordo con la Città, un programma culturale dedicato.

Partecipano alla rassegna: Ministère des Affaires étrangères et européennes; Ambassade de France en Italie – Consulat général de France à Turin et Gênes; Institut français; Institut français Italia; Alliance française Torino e Atout France.

Media partner: Torino Magazine (www.torinomagazine.it) e Le Petit Journal (www.lepetitjournal.com/turin). Sulla falsariga del film collettivo Paris, je t’aime, che riunisce una serie di cortometraggi girati da registi famosi in differenti quartieri della capitale francese, l’edizione torinese del Petit Journal propone riflessioni, interviste e coups de coeur per raccontare la città vista da diverse angolazioni, all’interno del progetto intitolato Turin, je t’aime claim ripreso nell’ultima pagina dell’opuscolo.

Il progetto ‘Torino incontra la Francia’ si declina in 5 bimestri. L’apertura di febbraio-marzo è affidata a due eventi che prendono il via venerdì 8 febbraio: la mostra ‘Le Grand Bleu. Marsiglia Capitale Europea della Cultura vista dall’obiettivo di Daniele Corsini’ a Palazzo Saluzzo Paesana e lo spettacolo Face Nord di P. Déaux et A. Laurier a cura della Fondazione Teatro Piemonte Europa, in prima nazionale. Per la sezione Cinema, fino al 17 febbraio, si può assistere all’originale My Frenchfilmfestival – festival on-line internazionale di cinema francese (www.myfrenchfilmfestival.com) a cura di Institut Français Italia, Unifrance films et AlloCiné.

I cinefili del mondo hanno accesso a tutti i film presentati in rete. Dieci lungometraggi e dieci cortometraggi diretti da giovani registi francesi compongono la selezione ufficiale. Dal 19 al 27 febbraio, al Massimo in via Verdi 18, il Museo Nazionale del Cinema rende omaggio al regista Jacques Audiard mentre, dal 1° marzo al 1° aprile, sarà la volta della retrospettiva integrale dei film di François Truffaut. Nella sezione dedicata all’Arte la Promotrice delle Belle Arti di Torino ospita, dal 22 febbraio al 30 marzo, ‘Pittori d’oggi Francia-Italia peintres d’aujourdhui france-italie’: 45 artisti, 21 francesi e 24 italiani tra cui Vasco, Bendini, Francesco Casorati, Giacomo Soffiantino, Jean Cortot, Marc Antoine Louttre e Louis Nallard. L’Alliance française di Torino organizza due mostre fotografiche: dall’8 al 15 marzo ‘Planète Femmes’ e dal 19 marzo al 30 aprile ‘La Francophonie s’affiche’.

Tra gli Spettacoli dal vivo, fino al 24 febbraio, la Scuola di Circo di via Magenta celebra i primi 10 anni di vita e dedica il mese di febbraio ai cugini d’Oltralpe proponendo un fitto calendario di appuntamenti dal titolo La Flic e la Francia. Dal 12 al 17 febbraio, invece, al Teatro Gobetti, con Un amore di Swann, Federico Tiezzi dirige il suo nuovo spettacolo cimentandosi con uno dei più grandi autori dell’Ottocento, Marcel Proust. Il Teatro Astra, dal 23 al 28 febbraio, ospita lo spettacolo La luna in un giorno con gli acrobati di Cirko Vertigo, in collaborazione con Compagnie Ex Voto di Marseille. Il 13 marzo, lo spazio di via Rosolino Pilo 6, accoglie, per la rassegna Oltre il Microfono, lo spettacolo di radio teatro Attenzione alle vecchie signore corrose dalla solitudine di MateiVisniec, drammaturgo romeno che ha eletto il francese come sua lingua madre.Per la seconda volta a Torino, FFF (Festival de la Fiction Française) si propone di accendere i riflettori sulla Letteratura francese contemporanea accogliendo autori di lingua francese le cui opere sono state recentemente pubblicate in italiano. Tra gli ospiti: Philippe Claudel, Amin Maalouf, Mathias Enard e Jean-Christophe Rufin. In calendario anche giornate di informazione sull’offerta formativa in Francia.

Per la sezione Enogastronomia francese nel cuore di Torino il 16 e 17 marzo Piazza Palazzo di Città ospiterà il Mercatino della Regione PACA, il 22 – 23 marzo alla Maison Massena, via Massena 20 un rinomato chef di Lione propone una cena ed un corso di cucina per far conoscere la gastronomia francese e infine il 23 e 24 marzo in Piazza Palazzo di Città si terrà il Tradizionale mercatino di prodotti tipici della regione Savoia, organizzato dalla Città di Chambéry.

Taggato con: