preload
May 09


Martedì 9 maggio si è svolta la cerimonia di intitolazione della Scuola dell’infanzia di corso Benedetto Croce 21, rinominata “Sole”. Alla cerimonia erano presenti: Enzo Lavolta, vicepresidente vicario del Consiglio comunale, Alessandro Lupi, in rappresentanza della Circoscrizione 8, Francesco Nota, responsabile pedagogico della scuola e Simona Eduardo, vicepresidente della Commissione scuola-famiglia. Come ha ricordato nel suo intervento Simona Eduardo: “il nome della scuola è stato scelto nel 2015 attraverso l’iniziativa Diamo un nome alla nostra scuola, che ha visto il coinvolgimento di famiglie, insegnanti e personale dell’istituto”. Tutte le proposte arrivate, dopo attenta valutazione sul legame con la scuola, il territorio e la città, sono state sottoposte al giudizio dei bambini che hanno, infine, votato e scelto il Sole: “Evocativo di vita, luce, allegria, gioia e speranza. Come i bambini sono per i genitori, gli adulti e gli educatori, il sole della nostra società”.
Nel suo saluto ufficiale, in rappresentanza della Città, Enzo Lavolta ha sottolineato il valore democratico di una scelta condivisa da tutti i bambini della scuola. Nel farlo ha ricordato come la scelta del sole sia particolarmente significativa nella storia dell’umanità: “Giappone, Argentina, Namibia e molti altri Paesi hanno scelto di rappresentare il sole nella propria bandiera. Complimenti, allora, ai bambini per una scelta così simbolica e fortemente rappresentativa”. Lavolta ha poi concluso il suo intervento con una raccomandazione ai bambini: “Continuate a fare le vostre scelte senza litigare, nella vita, in famiglia, nella vostra classe. Sempre con serenità e con il sorriso”.

[Fonte:CittAgorà]

Taggato con:
Apr 12


Il lancio di centinaia di palloncini gialli, musica, cori allegri e assordanti, un “ciaooooooo” urlato da 400 voci infantili. A pochi giorni dalle festività pasquali, bambini e bambini dell’Istituto comprensivo “Vittorino da Feltre” hanno voluto portare il loro saluto di pace e speranza ai loro coetanei ricoverati presso l’Ospedale Infantile Regina Margherita.
Accompagnati dalle loro insegnanti e dal personale scolastico, i piccini, preceduti dalla Filarmonica di Moncalieri e dalla Banda di Nichelino, hanno marciato per le strade del quartiere Lingotto sin davanti al nosocomio pediatrico, dalle finestre del quale tanti bimbi ricoverati hanno seguito la festa, partecipando anch’essi al lancio dei palloncini, con appeso un messaggio di pace realizzato dai ragazzi, che l’ha conclusa.
La giornata è stata decorata dal clown Cesare Carbonari e dalle bolle di sapone della Fabbrica Di Bolle di Davide Baldassarri.
Il vicepresidente vicario del Consiglio comunale Enzo Lavolta ha rivolto a tutti i presenti il saluto della Città di Torino e della sindaca Chiara Appendino, definendo l’iniziativa dei bambini “una marcia contro le ingiustizie e le differenze, contro le guerre che affliggono l’umanità e tante vittime provocano anche tra i bambini”.
La manifestazione, un vero abbraccio di massa tra bimbi di ogni etnia, ha infatti concluso un progetto scolastico dal titolo “ProgetTIAMO la pace”. anche varie associazioni hanno sostenuto l’iniziativa, dall’Unione Genitori Italiani all’Azienda Ospedaliera OIRM-Sant’Anna, Lions Club Torino 2 e altre.

Taggato con:
Apr 07


In piazza Pasquale Villari, nella Circoscrizione 5, è stato inaugurato il giardino Augusto Daolio, cantante, attivista e pittore italiano, cofondatore del gruppo musicale dei Nomadi insieme a Beppe Carletti.
Alla cerimonia erano presenti: Enzo Lavolta, vicepresidente vicario del Consiglio comunale di Torino; Beppe Carletti, Rosanna Fantuzzi, compagna di Augusto Daolio, Marco Novello, presidente della Circoscrizione 5 e l’ex consigliere comunale Luca Cassiani, autore della proposta di intitolazione su richiesta del Nomadi Fans Club “I Vagabondi della Mole”.
Una cerimonia di intitolazione fuori dall’ordinario grazie alla presenza della cover band “Le ombre del nomade” che ha eseguito un piccolo concerto per i tanti fan convenuti all’appuntamento.
Daolio, fondatore nel 1963 del gruppo musicale “Nomadi”, ne fu per lungo tempo autore, leader e voce solista. Appassionato di poesia e pittura, l’impegno sociale, civile e politico ne caratterizzarono la vita lontano dal palco.
Dopo la sua morte, nel 1992, venne fondata l’Associazione “Augusto per la vita”, presieduta dalla compagna Rosanna Fantuzzi, con l’obiettivo di finanziare la ricerca oncologica, la formazione di medici specializzati, l’acquisto di apparecchiature e strumenti per i centri di Ricerca e Cura.

Taggato con: