preload
Apr 11


“Questa Amministrazione ha la coraggiosa ambizione di incrementare la raccolta differenziata fino a raggiungere la quota del 65% entro il 2020, che per altro è l’obiettivo indicato dall’Unione europea. Con l’aiuto di Conai redigeremo il Piano Pluriennale di sviluppo della raccolta e valorizzazione dei rifiuti urbani e rafforzeremo la comunicazione al cittadino per far crescere l’attenzione verso l’ambiente urbano: sappiamo che dalla sua salute dipende la nostra salute e che evitare lo spreco di materiali riciclabili è una questione di civiltà”.

È quanto ha affermato oggi la sindaca di Torino, Chiara Appendino, nel firmare il protocollo d’intesa con Conai e Amiat che pone le basi per un cambio di rotta nella gestione dei rifiuti nella nostra città, firma che si è svolta nella cornice storica della Sala delle Congregazioni del Palazzo Civico.

Cambio di rotta sottolineato anche dall’assessora all’Ambiente, Stefania Giannuzzi: “Dopo una rapida ascesa tra le più virtuose amministrazioni comunali d’Europa, forte del suo 42 per cento, Torino ha improvvisamente perso la spina iniziale, circa dieci anni fa. Anche nei quartieri dove il porta a porta era stato inserito da tempo si è prodotto un calo dei conferimenti. Ecco quindi che oggi la nostra città perde posizioni, proprio ora che servirebbe una forte spinta per raggiungere quel 65% richiesto dall’Unione europea entro il 2020, che ci porrebbe al riparo da sanzioni”.

Due sono gli obiettivi principali che il protocollo siglato oggi mira a raggiungere: l’avvio di iniziative di carattere immediato per rafforzare l’attenzione della cittadinanza sulla raccolta differenziata e la redazione di un piano pluriennale per la valorizzazione dei rifiuti urbani, che verrà elaborato dopo una ricognizione della situazione esistente portata a termine da un gruppo di lavoro misto composto da Amiat, Città di Torino e Conai.

Entrambe le iniziative sono finalizzate a dare un nuovo impulso alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani, con particolare attenzione ai rifiuti di imballaggio. Si valuterà anche l’opportunità di predisporre una campagna informativa e di sensibilizzazione sulla corretta raccolta differenziata rivolta ai cittadini del Comune di Torino, che sarà cofinanziata da Conai.

“Con la firma di questo accordo, confermiamo una volta di più la nostra attenzione nei confronti dei Comuni, per far crescere non solo la quantità ma anche la qualità dei rifiuti di imballaggio raccolti in modo differenziato, così da poterli successivamente avviare a riciclo” dichiara Roberto De Santis, Presidente di Conai. Un’iniziativa , quella del Consorzio nazionale imballaggi, che ha già avuto buoni successi in altre città, soprattutto là dove la raccolta stenta a decollare come il Sud del Paese.

Secondo Lorenzo Bagnacani, Presidente Amiat spa, società del Gruppo Iren, “la giornata di oggi costituisce un momento importante per la nostra città”. Sottolineando l’opportunità di “affiancare alle azioni di natura industriale, come il continuo miglioramento tecnico e logistico della fase progettuale e di esecuzione dei servizi di raccolta, anche significative attività di comunicazione e di sensibilizzazione rivolte ai cittadini torinesi e ai molti ospiti che quotidianamente vivono la nostra città”.

[Fonte: TorinoClick]

Taggato con:
Mar 16


C’erano Anna Maria Borbone d’Orleans e Vittorio Amedeo II di Savoia ad accogliere, questa mattina, gli studenti di una scuola media torinese in visita a Palazzo Civico. Nessuna clamorosa resurrezione. Solo un esperimento, che in realtà potrebbe ripetersi, un modo diverso e più teatrale di raccontare la storia dell’edificio, da sempre sede dell’Amministrazione comunale.
Alla visita dei giovani e attenti spettatori era presente anche il presidente del Consiglio comunale di Torino, Fabio Versaci, che ha raccontato loro le dinamiche delle sedute del Consiglio Comunale.

[Fonte CittAgorà]

Taggato con:
Mar 19

 

This video was embedded using the YouTuber plugin by Roy Tanck. Adobe Flash Player is required to view the video.


A più di ventiquattro ore dall’assalto terroristico al museo del Bardo, in cui un torinese ha perso la vita, una persona è rimasta ferita e un’altra risulta dispersa, si continua a vivere in clima fatto di sconcerto, incredulità, tristezza e grande preoccupazione per le notizie certe e per quelle, altrettanto drammatica, che non hanno trovato ancora conferma.
Una vacanza divenuta di colpo e inaspettatamente tragedia. Difficile farsene una ragione anche per chi, a Palazzo Civico, condivide lo stesso ufficio e otto ore al giorno e con quel collega o quella collega di scrivania che si è preso niente di qualche di riposo per una breve vacanza.
A Palazzo Civico i contatti con la Farnesina e l’ambasciatore italiano in Tunisia sono continui. L’ultimo aggiornamento sulla situazione lo fornito alle 14 il sindaco Piero Fassino, incontrando i giornalisti in sala Congregazioni, trasformata da un giorno e una notte in sala stampa per l’unità di crisi allestita in Municipio: “L’attività di supporto e monitoraggio dell’Amministrazione Civica sulla tragedia è continua. Sono stati sei i torinesi coinvolti nel sequestro. Uno è tra gli assassinati. Ci sono un ferito e un disperso. L’attività è concentrata ora nella ricerca della dipendente dispersa e per facilitare le attività di ricerca sono partiti per la Tunisia i famigliari delle persone decedute e ferite, accompagnate da un nostro funzionario. A Palazzo Civico si sono mantenuti i rapporti con le famiglie e le informazioni che arrivavano direttamente ai parenti dai torinesi in crociera sono state trasmesse alla Farnesina e all’ambasciata italiana a Tunisi”.
E’ stato decretato il lutto cittadino – ha poi spiegato il sindaco-. Sugli edifici pubblici sono esposte ovunque le bandiere abbrunate e ho invitato i torinesi a sospendere le attività e a osservare domani alle 12 un minuto di silenzio. La conferenza dei capigruppo di Palazzo Civico ha inoltre deciso che lunedì alle 12.30 si riunirà in seduta straordinaria il Consiglio Comunale, aperto alla cittadinanza, per manifestare la vicinanza alle famiglie e il cordoglio per le vittime. Ho anche scritto una lettera, pubblicata sul sito del Comune, rivolgendomi ai colleghi dei dipendenti coinvolti nell’attacco“.
Torino in queste ore si sta mobilitando. Il sindaco ha invitato per stasera alle 20.30 la cittadinanza e tutte le forze sociali alla manifestazione che si svolgerà in piazza Palazzo di Città, sotto il municipio, per testimoniare la netta condanna del terrorismo. Parteciperanno i consoli di Tunisia e di Francia e concluderà il sindaco Fassino, che ha invitato i primi cittadini del territorio a venire a Torino e a organizzare nelle prossime ore azioni di sensibilizzazione nei rispettivi comuni. Analoghe manifestazioni si svolgeranno in tutta Italia. A Novara nel tardo pomeriggio è previsto un sit-in: “Il Sindaco di Roma Ignazio Marino – ha sottolineato Fassino – mi ha annunciato la vicinanza della comunità capitolina e una manifestazione che si svolgerà nei musei civici, che come si è visto sono luoghi di cultura, come il Museo del bardo, presi di mira dai terroristi“.
Questa mattina ho incontrato il segretario dell’ONU e i principali dirigenti dell’Organizzazione che sono riuniti a Torino. Ban Ki-moon mi ha espresso la solidarietà dell’ONU alla nostra Città perché la lotta al terrorismo è una priorità. Anche l’ambasciatore di Tunisia ha Roma mi ha manifestato il cordoglio del suo popolo“.
In questi giorni in città sono programma molti eventi sportivi legati all’Anno europeo dello sport: alle società in gara è stato chiesto di portare il lutto al braccio come farà anche il Torino impegnato questa sera in Europa League. A margine della conferenza stampa l’assessore allo sport Stefano Gallo ha annunciato che domenica tutti gli appuntamenti sportivi in programma in città inizieranno con un minuto di silenzio.
Domani alle 18 nella chiesa della Consolata l’arcivescovo monsignor Nosiglia celebrerà una messa in suffragio delle vittime.
Il gruppo di croceristi è ripartito da Tunisi verso Palma di Maiorca:”Rientreranno domani a Torino con un volo charter e verranno accolti dall’amministrazione“.
“I dati su morti e feriti sono ancora in fase di verifica – ha concluso il sindaco-. A Tunisi ci sono 3 funzionari della Farnesina impegnati nella ricerca di eventuali cittadini italiani ricoverati nelle strutture di soccorso“.
Le attività di monitoraggio e di sicurezza in città erano già in vigore prima dell’attentato: ”E’ evidente che le autorità di sicurezza valuteranno nuove iniziative anche in vista dei futuri eventi che Torino ospiterà”.

La lettera del Sindaco ai dipendenti della Città.
Aggiornamenti e notizie su Torinoclick e sui profili Facebook e Twitter della Città.

Taggato con: