preload
Jun 17


Grande successo per il Torino Pride 2017, la folla che ha colorato le strade del centro di Torino lungo un percorso inedito (piazza Carlo Felice, via Roma, piazza Castello, via Pietro Micca, via Cernaia, piazza 18 Dicembre, corso San Martino, piazza Statuto) è stata enorme e stimabile in più di 80.000 persone.
La parata aperta dalla banda della Polizia Municipale è partita da Piazza Carlo Felice alle 16.30. Dietro allo striscione del Torino Pride, il cui claim 2017 è “a corpo libero”, con gli organizzatori, moltissimi esponenti politici fra cui, il presidente del Consiglio Regionale Mauro Laus, l’assessora regionale Monica Cerutti, l’assessore alle pari opportunità della Citta di Torino Marco Alessandro Giusta e molti altri e molte altre.
Al termine della parata le prime persone hanno iniziato ad arrivare in piazza Statuto cornice di un momento di intrattenimento musicale con la giovane cantante rap Roshelle, finalista di X Factor 10.
Tutti i partecipanti alla parata, come indicato dal Coordinamento Torino Pride hanno osservato il silenzio durante il passaggio in piazza San Carlo per ricordare Erika Poletti.
Particolarmente graditi i punti di distribuzione di acqua a cura di Smat e di Valmora.

Taggato con:
Jul 09


Con lo slogan “Il domani ci appartiene” è sfilato il decimo Torino Pride 2016. Estremamente soddisfatti gli organizzatori del Torino Pride che quest’anno, in occasione del decennale, ambivano ad avere a sfilare 100.000 persone. In realtà si valuta che l’enorme folla colorata che ha invaso le vie del centro cittadino abbia sfiorato le 120.000 persone. La parata aperta dalla banda della Polizia Municipale è partita da Piazza Statuto poco dopo le 17. Dietro allo striscione del Torino Pride con gli organizzatori, moltissimi esponenti politici fra cui la sindaca Appendino, l’ex sindaco Fassino, il presidente del Consiglio Regionale Mauro Laus, le assessore regionali Antonella Parigi e Monica Cerutti, l’europarlamentare Daniele Viotti, i neoassessori della Citta di Torino Marco Alessandro Giusta (pari opportunità) e Stefania Giannuzzi (ambiente), Alberto Sacco (commercio), i senatori Alberto Airola e Magda Zanoni, la deputata Anna Rossomando, il consigliere regionale Marco Grimaldi, le consigliere comunali Chiara Foglietta e Maria Grazia Grippo e molti altri e molte altre.

Molte anche le personalità cittadine presenti fra cui Bruno Segre, Chiara Saraceno, Alba Parietti e Beatrice Merz.

La sfilata è proseguita finop in piazza San Carlo cornice dell’happening musicale condotto da Platinette che il Torino Pride ha offerto alla cittadinanza con ingresso gratuito e a cui hanno partecipato fra gli altri: Dolcenera, Levante, Carlo Gabardini, il coro del Teatro Regio e molti altri. Tutti gli artisti hanno percepito, in sostegno alla causa, il solo rimborso spese.

Taggato con:
May 17


La Città di Torino, rispondendo alle sollecitazioni pervenute dalle associazioni omosessuali e transessuali cittadine, ha costituito sin dal 2001 un ufficio della propria Amministrazione, il ‘Servizio LGBT’, dedicato al superamento delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere. Il Servizio opera nell’ambito dell’Assessorato alle Politiche delle Pari Opportunità. Torino è stata, come in molti casi, una città d’avanguardia, culla del movimento LGBT in Italia, infatti, nella capitale subalpina nacque il primo movimento omosessuale italiano, il “Fuori”, nella primavera del 1970.

Tra le iniziative culturali di sensibilizzazione che ha curato sin dalla sua costituzione vi è la celebrazione della Giornata Internazionale contro l’omofobia e la transfobia, che ricorre il 17 maggio di ogni anno, in ricordo della data in cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità cancellò l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali.

Dallo scorso anno, la Città, seguendo l’invito dell’Unione Europea e delle Organizzazioni Internazionali, ha scelto di dedicare alla Giornata un momento di riflessione nella sede del Consiglio Comunale, la Sala Rossa, alla presenza del Sindaco Piero Fassino e di rappresentanti delle istituzioni politiche locali e della società civile tra cui due personalità della cultura e del diritto, la sociologia Chiara Saraceno e il giurista Vladimiro Zagrebelsky, l’Assessore alle Politiche delle Pari Opportunità, Piani dei tempi e Orari della Città di Torino Mariacristina Spinosa, l’Assessore alle Politiche Attive di Cittadinanza, Diritti Sociali e Parità della Provincia di Torino Mariagiuseppina Puglisi, invitando i partecipanti a confrontarsi sulle tematiche LGBT più emergenti ed attuali.
 
L’iniziativa di quest’anno, intitolata “Tutti i colori delle famiglie. Diritti delle persone LGBT, risvolti giuridici e sociologici delle realtà affettive, ruolo degli Enti Locali”, vuole costituire un punto di incontro e riflessione sul tema del rapporto tra omosessualità/transessualità e famiglia, raccogliendo le sollecitazioni provenienti dalle associazioni LGBT cittadine e dalle questioni che le istituzioni locali sono chiamate ad affrontare.

Taggato con: