preload
Apr 16


In città l’offerta potenziale di alloggi è superiore alla domanda reale. A fronte di quasi 500mila unità abitative di categoria catastale A (immobili residenziali), all’anagrafe torinese sono registrati 442.321 nuclei familiari. Fatti i dovuti aggiustamenti (conteggiando le persone domiciliate nel capoluogo piemontese ma con residenza altrove, gli appartamenti in corso di ristrutturazione, ecc.) risulterebbe così che in città sono oggi all’incirca 40mila gli alloggi vuoti. Un dato indotto e misurato per differenza, ma comunque giudicato assai attendibile, anche perché in linea con le risultanze del censimento del 2001 (i dati dell’ultima indagine statistica decennale non sono ancora a disposizione) quando gli appartamenti sfitti a Torino erano stati calcolati in più di 30mila. La fame di alloggi potrebbe dunque, almeno sulla carta, essere placata con quanto già può offrire il mercato della locazione e così potrebbe trovare soluzione un problema che, complice l’attuale e pesante crisi economica, tocca un numero sempre maggiore di famiglie. Ma nel mercato degli affitti non esiste una mano invisibile che riesca ad accoppiare automaticamente domanda e offerta, perciò bisogna fare in modo di favorire l’incontro tra chi ha bisogno di un tetto e chi può metterlo a disposizione. Obiettivo che si pone “Mai più sfitti: dare valore agli alloggi, conservare dignità delle persone”, un’iniziativa che punta a sensibilizzare i proprietari di alloggi e a creare le condizioni per facilitare l’offerta di immobili in affitto a canone sostenibile. Realizzata da Città di Torino e Arcidiocesi del capoluogo piemontese, l’iniziativa è stata presentata questa mattina al Circolo della Stampa dal sindaco Piero Fassino, dall’arcivescovo Cesare Nosiglia, dall’assessore comunale alle Politiche sociali e per la Casa, Elide Tisi, e da Pierluigi Dovis della Caritas diocesana torinese. “Accanto a strumenti come l’agenzia comunale Locare, attiva già da un decennio e che ogni anno consente di trovare un alloggio in affitto a canone concordato ad oltre 300 famiglie, occorre – ha evidenziato il sindaco Fassino – incentivare il mercato della locazione assicurando incentivi e agevolazioni fiscali, sia per proprietari sia per gli inquilini, e garantendo contributi a sostegno dell’affitto”. Ma non solo. “Serve – ha aggiunto Fassino – anche essere consapevoli che stiamo vivendo un momento di particolare difficoltà per tante famiglie che, per la perdita del lavoro o per altri motivi, vedono il proprio reddito ridursi tanto da non poter più garantire un bene primario come la casa. E allora serve maggiore disponibilità da parte di tutti perché una città non è una somma di persone, ma è una comunità. Le famiglie in condizioni di disagio non possono essere abbandonate a loro stesse. Dare risposta a un tema come il bisogno di abitazione – ha affermato il sindaco – è un modo concreto per esprimere quelle solidarietà e fraternità che, per una città come la nostra, sono da sempre elemento caratterizzante”. La casa è una questione di dignità. Per l’arcivescovo Cesare Nosiglia è “inaccettabile, moralmente e umanamente, tollerare la presenza di tante famiglie che non riescono a trovare un appartamento, nonostante una certa disponibilità oggettiva di abitazioni”. Esistono poi motivazioni anche economiche che sostengono l’opportunità di offrire le case non utilizzate nella logica dell’affitto. “Un alloggio vuoto – ha sottolineato il presule – si deteriora più e prima che uno abitato. Nel giro di pochi anni finisce col deprezzarsi ancora di più, perché poco mantenuto e curato. Tanto che, all’eventuale momento della vendita rende assai meno del previsto. Insomma, tenere un alloggio sfitto è un affare in perdita, un cattivo affare!”. Per questo – come ha ricordato Nosiglia – è nata l’idea di “chiedere ai cittadini torinesi e a quelli che abitano i comuni della prima cintura di aderire ad una iniziativa concreta: mettere l’alloggio sfitto a disposizione delle persone più vulnerabili, a costi contenuti. In questo modo si può ridare valore economico al bene e, nel contempo, sostenere e conservare la dignità di persone e famiglie”. Nel corso della conferenza stampa sull’iniziativa “Mai più sfitti” sono stati resi noti anche i dati del VIII Rapporto sulla condizione abitativa, curato dalla Divisione edilizia residenziale della Città di Torino. Una fotografia dell’emergenza casa attraverso i numeri presentati dall’assessore Elide Tisi: in città sono18.109 gli alloggi di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata, 9.965 appartamenti è il fabbisogno di case stimato (fonte ultimo bando generale), 7.800 sono le domande del VI Bando generale, 649 le domande di emergenza abitativa, 607 gli alloggi sociali assegnati (il 38% da bando, il 25% emergenza abitativa, il 34% segnalazione dei Servizi Socio-Assistenziali; 3% altro), 7.200 le domande al Fondo Nazionale di sostegno alla locazione, 321 gli alloggi affittati nell’ultimo anno tramite l’agenzia Locare.

Taggato con:
Lug 12

This video was embedded using the YouTuber plugin by Roy Tanck. Adobe Flash Player is required to view the video.

L’arcivescovo Cesare Nosiglia è stato ospite a Palazzo Civico questa mattina. Si tratta della prima visita ufficiale nella sede dell’Amministrazione comunale da quando monsignor Nosiglia è alla guida della diocesi torinese. Giunto a Palazzo di Città questa mattina qualche minuto prima delle undici, il successore del cardinal Severino Poletto ha trovato ad accoglierlo il sindaco Piero Fassino e il presidente del Consiglio comunale, Giovanni Maria Ferraris.
Qualche parola di benvenuto e, dopo un breve colloquio privato nell’ufficio del primo cittadino, si è svolto l’ incontro in Sala Rossa con gli assessori e i consiglieri comunali.
Davanti ai membri dell’assemblea municipale, l’arcivescovo Nosiglia ha detto che la sua presenza in Sala Rossa deve essere considerata anche come “un gesto di piena disponibilità a far sì che le comunità cristiane possano collaborare con tutte le altre componenti della società con spirito aperto al dialogo, al corretto confronto delle diverse posizioni religiose e non, culturali e politiche di cui è espressione autorevole il Consiglio comunale”.
Volontà di confrontarsi e collaborare non sono certo una novità per i rapporti tra Chiesa torinese e amministrazione civica. “I campi su cui la Chiesa e le istituzioni ormai da tempo hanno avviato nella nostra città un proficuo impegno di collaborazione sono molteplici – ha ricordato Nosiglia – e riguardano aspetti molto sentiti e vissuti dalla gente: la famiglia, il lavoro, i giovani, l’educazione e la cultura, i poveri, gli immigrati.”
Collaborazione senza preclusioni. “La Chiesa – ha aggiunto l’arcivescovo – intende far parte e offrire il suo specifico contributo in questa alleanza, mettendosi in dialogo con tutti senza preclusioni: uomini di cultura e di scienza, della politica, del mondo del lavoro e di ogni realtà umana e religiosa, per valorizzare insieme ciò che di buono, di bello, di giusto e di vero ognuno porta con sé e orientare il proprio impegno verso il bene comune.”
Collaborazione nei fatti. “Ho chiesto al signor sindaco – ha detto ancora Nosiglia – di agevolare opportuni tavoli operativi di consultazione e di progettualità concreta nei molteplici ambiti che vedono impegnati nella città il Comune, le parrocchie e tante realtà religiose, civili e culturali, una sorta di “cabina di regia” che permetta di non disperdere le forze, non frammentare le risorse disponibili e mantenere un raccordo stabile anche per affrontare eventuali emergenze, come sta avvenendo per la questione dei nomadi e degli immigrati”.
Collaborazione per sfruttare le mille risorse della città, è quanto ha evidenziato nel suo discorso il sindaco Piero Fassino. “Serve mettere in campo energie, intelligenze, saperi, competenze, esperienze e buone pratiche. E – ha sottolineato il primo cittadino nel suo intervento – questo significa mettersi in relazione con le tante articolazioni professionali, civili, sociali, religiose di cui la società torinese è ricca. E fare ricorso a quel giacimento di generosità, amore per il prossimo, spirito di servizio civico che è costituito dal volontariato, dal no profit, dal terzo settore. E in tale contesto prezioso e irrinunciabile è il contributo che già oggi viene – e sempre di più potrà venire – dalla Chiesa, dal mondo cattolico, dalle tante espressioni di impegno sociale, civile, associativo che traggono ispirazione dalle ragioni della fede”.
“Siamo nella città dei Santi Sociali – ha ricordato Fassino – , la città in cui uomini illuminati scelsero di scendere in strada per dedicare se stessi al fianco degli ultimi, dei più umili. E il 200° anniversario dei San Giovanni Bosco, che festeggeremo nel 2015, sarà l’occasione per rivisitare e restituire alla memoria collettiva della città un periodo cruciale della storia di Torino e il ruolo essenziale che vi svolse il cattolicesimo sociale. Siamo nella Torino che lungo tutto il Novecento seppe accogliere e integrare chi venne qui a cercare lavoro e dignità e che oggi – ha sottolineato il sindaco – deve accogliere con la stessa apertura di cuore e di mente chi venendo da lontano ricerca qui le ragioni di una dignità di vita o chi è costretto alla fuga o all’esilio dai tremendi conflitti del nuovo millennio”.
Un appello alla collaborazione nel nome del bene comune è venuto infine dal presidente del Consiglio comunale, Giovanni Maria Ferraris, che ha invitato a “superare gli steccati e le divisioni che troppo spesso insidiano i partiti e la dialettica politica, rischiando così di far perdere di vista il fine ultimo e supremo del nostro agire”. “Affinché i buoni propositi si traducano in buone azioni – ha evidenziato Ferraris – è necessario che la partecipazione politica sappia riscoprire la sua più autentica e primaria vocazione al bene comune.”

Taggato con:
Giu 24


Come ogni anno, il giorno di San Giovanni si apre con la celebrazione della Messa solenne nel Duomo di Torino.
Il primo San Giovanni da Sindaco per Piero Fassino e il primo come Arcivescovo di Torino per Cesare Nosiglia.
Presenti alla celebrazione le autorità cittadine: il Presidente del Consiglio Comunale, Giovanni Maria Ferraris, l’Assessore allo Sport Stefano Gallo, Giampiero Leo per la Regione Piemonte.
A conclusione della funzione la tradizionale distribuzione dei pani della Carità.

Taggato con: